27 aprile, 2006

Idolo

Etichette: Lavoro

Oggi è venuto in laboratorio un grosso nome della medicina e biologia mitocondriale.
Il suo nome è H. T. Jacobs.
Collabora spesso con il dottor Zeviani, direttore del laboratorio affianco al mio.
E’ scozzese, ma credo gestisca un laboratorio in un paese scandinavo.
Quando si è aperto l’ascensore e l’ho visto sono rimasto di sasso.
Chiodo, anfibi, un discreto numero di borchie e un bel crestone a punte giravano per il mio laboratorio.
Dopo aver saputo che era una mente notevole del campo della ricerca, il mio stupore non è certo calato, ma è sicuramente cresciuta la stima.
All’ultimo congresso cui ha partecipato per ricevere un riconoscimento si è presentato con un collare a punte e la maglietta dei Ramones.
Credo che, una volta laureato, il primo curriculum che spedirò sarà per lui.
Corna alzate.

5:44 pm

26 aprile, 2006

Project: barbeque

Sono rientrato al lavoro.
In realtà ho ripreso Lunedì, ma l’immediata sosta ha reso la giornata di oggi quella in cui ho sentito veramente di essere tornato alla vita di sempre.
Tutto era come l’avevo lasciato.
Tutto tranne la bacheca che vedeva alloggiato il volantino Telethon per il 5xMille*. Mi sono preso la briga di informarmi su come sia strutturata questa cosa, in modo da convincere i miei a devolvere così una parte del loro reddito.
Credo sia una cosa positiva.
Il fatto che non sia alternativo all’ottopermille è una cosa molto negativa.
Come previsto il mio umore negli ultimi giorni è migliorato. Non di molto, ma di quel tanto che basta. Se tutto va bene fino al prossimo confronto con l’università starò bene.
Spero.
Ho voglia di fare una grigliata.
Stavo pensando di organizzarne una per questo Sabato.
Una cosa tranquilla: birra, carne e un po’ di gente con cui dividerle.
Ho buttato lì l’idea a Simo, appena tornato dalla gita in Sardegna, e appena riuscirò diffonderò il progetto anche agli altri. Resta la forte incognita del tempo atmosferico. Visti i 30°C di Lunedì (giorno lavorativo) e i -15°C di Martedì (giorno di festa in cui sarei potuto finalmente uscire) non mi azzardo a fare pronosctici, però è anche vero che se si decide per sabato la spesa può essere fatta anche in mattinata senza bisogno di troppo preavviso.
Per il posto non ho idee, alla peggio si può fare da me anche se preferirei una locazione che non mi veda così responsabilizzato.
Vedremo un po’ cosa si riesce ad organizzare e quanti aderiranno all’idea.
Il nuovo CD dei Taking Back Sunday è discretamente orribile. Dopo i primi frammentati ascolti salvo in toto solo il singolo “Make Damn Sure” che è riuscito discretamente ad appassionarmi. Anche il nuovo degli Atreyu è piuttosto anonimo e non ha superato il terzo ascolto.
Decisamente meglio piazzato nella mia playlist è “The Adventure”, il singolo che anticipa l’uscita del CD degli Angels and Airwaves. Seppur decisamente tamarro, mi piace parecchio.
Ora vado a cercare di mettere assieme tutte le idee che ho partorito oggi riguardo la sessione di D&D che masterizzerò il primo Maggio.
Spero che questo porti i frutti attesi: creare qualcosa di bello e distogliere la mente dallo scontro che si terrà tra poche ore in quel del Camp Nou.
Pütost che nient, l'è mej pütost
*Info.

6:17 pm

20 aprile, 2006

Dejavu

Oggi, dopo una settimana in cui non mettevo muso fuori di casa, sono andato in Balzaretti a sostenere un esame: tossicologia.
Risultato? 19.
Accettato? Sì.
Con la brillante mossa di oggi ho ulteriormente massacrato la mia media, riducendola a 25,1.
Non ho mai avuto velleità di media alta, sono sempre stato nell’intorno del 25 fin dal primo anno, tuttavia durante il 2005 ero riuscito ad innalzarla fino all’esorbitante traguardo del 25,5.
La cosa, devo ammetterlo, mi faceva piacere.
Poi è arrivato il 2006.
Da Gennaio, su tre esami sostenuti, ho collezionato i due peggiori voti della mia carriera universitaria. Il terzo non l’ho proprio passato.
Perchè non ho rifiutato?
Perchè non ce la faccio più. Perchè l’università mi sta togliendo la voglia di vivere ed ogni passo verso la sua conclusione, positivo o negativo, accorcia l’agonia.
Ora mi mancano quattro esami.
Quattro fottutissimi esami da sostenere possibilmente entro fine anno in modo da laurearmi a Febbraio/Marzo 2007 come previsto.
A rendere il tutto più facile l’idea di non poter più sbagliare un colpo senza che la media cali sotto il valore soglia del 25, il non avere ad oggi ancora nulla da scrivere sulla tesi se non i ringraziamenti e forse il titolo ed un simpatico clima casalingo che mi catapulta ai tempi del liceo e dei 4 in latino (quando andava bene).
Che cosa mi sta succedendo?
Non lo so. Forse vedere che dopo la laurea le mie aspirazioni si riducano ad un dottorato od un posto da borsista a termine per 800-1000 euro al mese non mi riempie di motivazioni. Forse vedere assolutamente non ripagati anche i più piccoli sforzi profusi nello studio in questi mesi mi ha ulteriormente demotivato. Forse mi sto accorgendo di avere la vita su binari che non mi piacciono e, ancor peggio, che 25 anni sono troppi per azionare una qualsiasi leva di scambio. Forse ho semplicemente finito le energie.
Sicuramente ho finito le energie.
Essendo nell’anno conclusivo si può essere portati a pensare che le abbia finite troppo presto.
Io inizio a pensare di averle finite troppo tardi.

5:18 pm

17 aprile, 2006

Voyeurismo

Etichette: Blog,TV

Dev’essere colpa della malattia che mi costringe in casa ormai da 4 giorni.
Mi sento un po’ come Bart Simpson quando, bloccato a casa dalla gamba ingessata, non faceva che guardare in casa dei Flanders col suo cannocchiale.
Credo fosse la parodia di un film, se non sbaglio di “Profondo Rosso”, ma non è lì il punto.
Il nocciolo della questione è che, anche io, ho iniziato ad avere una morbosa attenzione verso lo spiare gli altri. Questa si manifesta prettamente tramite tre fenomeni:
1- Grande Fratello
2- La Fattoria
3- ShinyStat
Oltre ad essere diventato accanito seguace dei reality Mediaset infatti ho deciso di controllare queste pagine in modo da sapere tutto di chi ci capita, da come è finito qui a cosa ha guardato.
Addio alla privacy, insomma.
Ora non so realmente quanta importanza darò in futuro a questa cosa, ma attualmente sono molto incuriosito dalla reale portata comunicativa del mio blog. Sono ansioso soprattutto di vedere se ci saranno persone finite tra i miei scritti facendo bizzare ricerche sul web che con me hanno poco a che vedere.
Sarà divertente.
Sarà divertente?
Mah.
Sono in casa da solo, i miei si sono dati alla classica scampagnata di Pasquetta. Non ho idea di dove andassero, non me l’hanno detto ed io non ho chiesto, torneranno credo per cena. Anche tra i miei amici c’è chi s’è dato per questo periodo. Da quel che ne so Orifizio è in montagna e il neo ingegner Motta si dora al sol di Sardegna assieme al Missaglia, ormai incapace di lavorare per più di due settimane filate senza dover prendersi una vacanza di venti giorni.
L’è dulza l’uga…
E’ giunta l’ora di andare a mangiare un po’ di avanzi del pranzo di ieri prima di rimettermi a studiare.
Buon appetito.

11:55 am

13 aprile, 2006

B-b-bolle mille bolle [blu]

Etichette: Lavoro,Università

Ho la varicella.
Quasi ogni dubbio è stato allontanato e parrebbe che la diagnosi sia veritiera.
Alla non più giovane età di 25 anni eccomi cosparso di simpatiche vescicole virali ricolme di Herpes Zoster Virus, pronte ad esplodere per espandere il contagio e donarmi sano prurito.
Nessuna traccia di febbre.
Solo un po’ di stanchezza.
Oggi è stato molto bello andare in laboratorio e comunicare a tutti questo mio sospetto (non solo mio, in realtà anche il mio medico curante ha avanzato la stessa ipotesi),  tutti si sono dimostrati molto solidali.
Era come se avessi addosso una specie di bomba biologica.
Dovendo io lavorare in camera sterile per trasfettare le cellule, si è di comune accordo deciso di rimandarmi a casa per evitare contaminazioni virali poco piacevoli.
Attenderò quindi che l’infezione abbia il suo corso, sperando di limitarne i danni, e sfrutterò questi giorni di isolamento per studiare un po’.
Giovedì ho un esame e se persiste l’assenza di febbre ho tutta l’intenzione di andare a sostenerlo.
Ora vado a farmi di antistaminici.
Il prurito è la peggiore delle agonie.

11:40 am

11 aprile, 2006

Odio

Non può essere vero.
Dopo quanto si è visto in campagna elettorale avrei ritenuto un fallimento stare sotto il 60%.
Siamo forse riusciti a perdere.
Anche qualora avessimo pareggiato o vinto di poco il mio umore resterebbe lo stesso.
Il mio paese mi fa schifo.
I suoi abitanti mi fanno schifo.
Non riesco nemmeno ad esprimere l’odio che provo per il popolo italiano.
Meglio che smetta qui.
Non è facile.

1:58 am

8 aprile, 2006

Slang

Etichette: Amici,Riflessioni

Che gran serata.
Era da tempo che non mi divertivo così tanto.
Oggi si è laureato Simo ed era il caso di festeggiare. Il programma prevedeva qualche brindisi alla panchina ed il resto della serata in un qualche bel locale innovativo.
Magari a ballare.
I presupposti per una bella serata fuori dagli schemi c’erano tutti.
Peccato che già intorno alle 22.00 il neo ingegnere desse segni di visibile scompenso.
Come facilmente immaginabile quindi il programa è stato ribaltato portandoci a prendere una birretta al Barcollando e ad assistere all’agonia di Simo per un paio di ore buone.
Sdraiato sull’aiula di fronte al locale, vicino a quanto il suo apparato digerente aveva appena espulso con violenza non faceva certo una bella impressione.
Se a questo si aggiunge la sua totale assenza di reattività a qualsivoglia stimolo e la sua incapacità di aprire le mani, bloccate in una posa rigida tipo Zoidberg, il nostro tentativo di chiamare un’ambulanza non può che apparire giustificato.
I medici tuttavia ci hanno detto che la miglior cura non sarebbe potuta essere fornita se non dal sonno e quindi si è deciso di portarlo a casa ed accomodarlo su un giaciglio per la notte.
E’ stato scelto il divano.
La cosa non è stata affatto facile.
Fatto questo però, secondo Ori, la serata sarebbe dovuta continuare come vuole il famoso detto “the show must go on” e quindi da lì a poco sulla bocca di tutti c’era l’intenzione di recarsi in un night club. Peich appariva il più lanciato e alla domanda dialettale “tal cugnusat?” non faceva che rispondere arrogantissimo con l’ “ohhh” di chi ha di quei luoghi una conoscenza molto più che sommaria.
Al grido di “se ghem de ‘ndà, ‘ndem!” Ori, Aui, Peich, Bazzu ed io ci siamo imbarcati per le vie di Milano alla ricerca di un locale di bassa lega, possibilmente malfamato e lurido.
Peich guidava la sua Golf, fresca del battesimo fornitole da Simo, per le vie del centro come se fosse facile trovare un night in San Babila o in Piazza della Scala.
Qui non posso astenermi dall’aprire una parentesi su quanto possa essere bella Milano alle 4:00 della mattina, quando in giro ormai non c’è più nessuno e la città è sottratta al caos che solitamente la imbruttisce.
Toglie il fiato.
Nessuno di noi pensava avremmo mai trovato un locale, ma l’idea di cercarlo divertiva tutti come ci fossimo imbarcati in una di quelle avventure improvvisate nel cuore della notte di cui tutti noi sentivamo ampiamente la mancanza. Se l’avessimo trovato saremmo entrati e avremmo continuato a vivere la serata sulle ali dell’impulsività che fino a li ci aveva guidato.
Tutti eravamo convinti di questo e avevamo la seria intenzione di andare fino in fondo.
Peccato che, una volta trovato il William’s Night Club, un finestrino della golf di Peich abbia ceduto e si sia irrimediabilmente incassato nella portiera, rendendo inattuabile l’idea di parcheggiare l’auto e lasciarla incustodita.
Per questo siamo tornati a casa.
Ridendo.
Contenti della bella serata trascorsa, che ci ha restituiti all’attitudine adolescenziale capace, ogni tanto, di farti fare qualche sana pazia.
Non credo sarebbe potuto esserci modo migliore di festeggiare il mio 25° compleanno.
Oggi, 8 Aprile, compio un quarto di secolo.
Il fatto che domani, 9 Aprile, avrò via libera per votare anche per il senato non fa di me una persona particolarmente contenta di segnare il suo avanzare nella storia.
Ultimamente odio compiere gli anni e sono sempre meno in grado di contare quanti siano.
Ciò nonostante apprezzo molto serate come quella di questa sera.
Anzi, le sfrutto e mi faccio gli auguri.

4:30 am

7 aprile, 2006

Errata

Etichette: Bri,Riflessioni

Quasi sempre.
Come è giusto che sia.

8:21 pm

6 aprile, 2006

Pollice alto

Etichette: Amici,Bri,Lavoro

Ci sono varie cose di cui, oggi, mi sento di essere felice.
Principalemtne però sono due le ragioni che hanno guidato la mia emotività in questa direzione, la prima legata al lavoro e la seconda alla sfera personale.
Come va molto di moda in questi tempi di “par condicio”, le esporrò in ordine inverso rispetto a quando le ho presentate in modo da metterle a tutti gli effetti sullo stesso piano. Preciso che non c’è Vespa al mio fianco e quindi potrebbe capitare che non dedichi egual spazio espositivo ad entrambe, ma credo di poter sopportare questa mia eventuale mancanza di imparzialità.
Partirò come detto dal lato più personale.
Oggi, stando a quanto preannunciato, tornerà a calcare il territorio Italiano Uncle Bazzu. Ho proprio voglia di rivederlo e di sentire i suoi racconti sulla west coast, sulle bionde facili, sulla birra solo ai ventunenni, sui teenagers con le pistole, sulle corse clandestine e, soprattutto, sul surf.
Chissà che aspetto avrà. Io mi sento sempre uguale, ma forse a lui risulterò molto cambiato e, probabilmente, lo stesso varrà per me. Se devo azzardare un pronostico lo immagino capellone, barbuto e abbronzato. Non so se lo vedrò direttamente sta sera, presumo sia stanco dal viaggio e abbia voglia di stare un po’ con la sua famiglia.
Comprensibile.
Proverò a chiamarlo più tardi.
Dal punto di vista lavorativo invece è andato a buon fine un esperimento su cui nè io nè il mio capo riponevamo troppe aspettative. Lo scopo del tutto era investigare la regione posta tra i due ATG della proteina di cui sto studiando il promotore al fine di verificare alcuni pronostici ottenuti tramite analisi bioinformatica. I dubbi erano dettati sia dalla scarsa attendibilità che questo tipo di pronostici solitamente ha, sia dal fatto che ritenevo di aver piastrato troppe cellule nei pozzetti della mia 8 well plate, temendo che questo avesse portato ad un’efficienza di trasfezione molto prossima allo zero. Così non è stato, la trasfezione è andata bene e il pronostico è stato validato per immuno fluorescenza, com somma sorpresa per tutti.
Soprattutto per me.
E’ necessario che faccia ancora alcuni accertamenti in merito, ma potrei aver ottenuto il primo risultato positivo del mio percorso lavorativo e questo mi da parecchia carica e soddisfazione, ripagandomi per tutto l’impegno e tutta l’applicazione che sto riversando in questa cosa. Chi mi sta vicino sa di cosa sto parlando.
Credo sia pronta la cena ed avendo io molta fame penso che smetterò qui ed andrò a mangiare. Non prima però di aver fatto gli auguri alla mia amata Bri che oggi compie gli anni.
Non ho inserito questo evento tra le cose che mi rendono felice perchè di per se non lo è.
Vederla lo è. Uscirci sta sera non può che migliorare il mio umore.
Come sempre.
E’ finita anche la riproduzione del CD dei Fightstar. Gran bel disco.
Vado.

7:35 pm

5 aprile, 2006

Anche io Pippo Inzaghi!

Etichette: Sport

Non c’è molto da dire sullla serata di questa sera.
Ennesima partita dell’anno che mi appresto a guardare.
Lo stato d’animo ormai è distaccato.
Non c’è tensione, non c’è nervosismo, non c’è ansia.
In questa stagione le partite le ho sempre vissute con distacco.
Non mi piace il Milan di quest’anno e per questo faticavo ad appassionarmici.
Faticavo.
Sta sera, per la prima volta in stagione, mi sono di nuovo appassionato al calcio.
Il Milan ha fatto schifo, come al solito, però questa sera è venuto fuori quello che è il bello del seguire questo sport: la sofferenza, la gioia, le grida, le esultanze, la tensione, il nervosismo, l’arrabbiatura, lo sconforto e poi di nuovo la gioia.
Tutto questo rende bello il calcio.
Tutto questo, ma anche e soprattutto il gol del Villareal che consegna l’Inter all’ennesima stagione fallimentare.
E chissà cosa ci riserverà il domani…
Superpippo
* Oi-oi-oi oi-ioioioi
Pippo Inzaghi segna per noi!

12:39 am

<< Post precedenti


Sviluppato su WordPress
Creative Commons License
Manq by Giuseppe Mancuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.