Fermati un momento e cerca di ricordare: “Perchè stai camminando?”

Ieri ho passato una serata piacevole.
Ci ha fatto visita Giorgio, un cugino di mio padre (NdM: dovrebbe essere anche mio cugino, ma siccome ho sempre avuto problemi nel capire come funzionino i legami di parentela, preferisco non lasciarmi andare a supposizioni magari infondate) che abita in Sicilia. Per la precisione il paese in cui vive è Corleone. Erano un po’ di anni che non lo vedevo, l’ultima volta che le nostre strade si incrociarono è stata almeno 2 o 3 anni fa, quando fui io ad andare a trovarlo. E’ sicuramente una mente geniale. Laureato in Medicina con il massimo dei voti e specializzato in Odontoiatria, ultimamente ha preso a lavorare all’ospedale di Palermo. Neanche a farlo apposta, si è specializzato in biologia molecolare e genomica ed ha iniziato a gestire il laboratorio ospedaliero in queste pratiche scientifiche d’avanguardia. Cosa c’entrano con l’odontoiatria? Niente. Ma proprio niente di niente. Però, stando a ciò che dice lui, questa nuova frontiera della medicina l’ha appassionato enormemente. Si sa, al cuor non si comanda…
E’ stato bello parlare con lui di queste cose, poichè mi ha ricordato il perchè ai tempi scelsi di laurearmi in Biotecnologie Farmaceutiche. Ultimamente infatti avevo perso di vista le mie motivazioni originali. L’università da un po’ di tempo sta diventando una sorta di calvario, una via crucis in cui ogni esame fa da stazione. Non che io stia marciando male, do sempre i miei esami con regolarità e i voti sono quelli di sempre, però fatico a vedere la luce in fondo al tunnel.
Dialogare con Giorgio di farmacologia, diagnosi e cose del genere mi ha riportato alla mente quello che esami e professori mi stavano facendo dimenticare.
Il “perchè”.
Ora non dico di essere tornato motivato o entusiasta, non è così, però la speranza non è più di finire prima possibile per poter dire “E’ finita!”, ma di finire prima possibile per poter dire “Si comincia!”.
Giorgio si è fermato per la notte e gli abbiamo offerto il mio letto. Pur non disdegnando l’opzione “Dormi in macchina” che i miei avevano premurosamente concepito per sistemarmi, ho deciso di farmi ospitare da Aui*. Arrivato da lui dopo cena (appena dopo aver appreso che i ragazzi sono tornati a -5. E andiamo!!) sono stato accolto e sistemato nel letto che una volta era di sua sorella.
Come da me già messo in preventivo, prima di dedicarci all’arte del sonno i discorsi sono stati dei più vari e disparati. Molte le chicche, troppe per riscriverle tutte.
Ho dormito cinque ore.
Ringrazio la mamma di Aui per il caffè, è stato vitale.
Aui
* un vero Amico

Aria di vacanza

L’indiscussa protagonista della giornata di oggi è l’Aria di Vacanza.
Ieri sera ci siamo riuniti per programmare le nostre ferie estive, come succede settimanalmente da un po’ di tempo a questa parte. Finalmente la meta è decisa. Saranno Scozia ed Irlanda ad ospitarci nel caldo mese di Agosto.
Sono entusiasta.
La destinazione è senza dubbio di mio gradimento, per tantissimi motivi. Soprattutto per quanto riguarda la Scozia. La mia passione per quella tipologia di paesaggi è nota a chi mi conosce, esattamente come la mia grande mania per i castelli.
Quando ero piccolo mi piaceva un sacco visitarli. Non appena vi entravo mi catapultavo con la mente in pieno medioevo e rivivevo per gioco le fantastiche gesta dei cavalieri, come fossi anche io uno di loro. Mi bastava sbirciare da una delle feritoie per immaginare scenari d’assedio e battaglie campali. Era divertentissimo. Come stereotipo di ambientazione storica, l’unica capace di appaiarsi, nella mia hit parade personale, a quella medioevale è quella caraibica in cui scorazzavano pirati e bucanieri.
Probabilmente tutto questo è dovuto alla dipendenza da Lego che mi ha colpito in età infantile.
Era forte il Lego.
Tornando sull’argomento centrale, l’idea di base prevede 18 giorni di cui 10 trascorsi in Scozia e 8 in Irlanda. Personalmente dell’Irlanda mi attira soprattutto l’aspetto alimentare/degustativo. Guinnes, Kilkenny, Harp e Irish Coffee finalmente si presenteranno alle mie papille gustative con il loro reale sapore, non più schiave dei meccanismi di importazione.
L’unico lato “negativo”, che poi così negativo non è, di questo itinerario sono i quattro voli che dovrò affrontare: Milano-Glasgow; Glasgow-Dublino; Dublino-Londra e Londra-Milano.
Io non ho mai volato.
Mai.
Ne ho veramente una paura assoluta.
La mia fobia non è influenzata tanto dall’aspetto “malessere fisico”, perchè non è li la questione. Il mio problema è lo stato di assoluta impotenza che caratterizza un passeggero d’aereo. Per me è già molto difficile stare in una macchina in cui non guido io senza diventare insopportabilmente pesante per chi la conduce. Quando non dico nulla è solo perchè mi trattengo. La realtà è che io non sarei tranquillo nemmeno se fossi seduto al fianco di Shumacher.
Patetico, lo so, ma è così.
Per questo, siccome a quanto ne so non sono in grado di volare autonomamente in caso l’aereo avesse problemi, l’idea di consegnarmi in questo modo al destino mi fa rabbrividire.
Meglio non pensarci. Meglio guardare altre foto sulla Scozia e tornare a progettare itinerari da percorrere col Golf 2000 GTI che Missa vuole noleggiare a Glasgow. In fin dei conti, la possibilità di poter vedere dal vivo un paesaggio come questo* è una motivazione sufficiente ad allontanare dubbi e paure. Di fronte ad un paesaggio così, credo che potremmo anche piangere.

 Primo assaggio della Scozia

* Foto presa dalla rete mentre mi documentavo sugli itinerari possibili.

Untitled

Oggi ho fatto un mucchio di cose.
Perchè allora sto avendo un sacco di difficoltà nello scrivere? Non lo so. Basterebbe iniziare a raccontare di quando ho portato le foto di capodanno a sviluppare, del pomeriggio passato con Ambra alla ricerca di un paio di Vans uscite di produzione nel ’73, dell’aver finalmente prenotato il libro di Fisiologia che mi consentirà di sostenere l’esame o semplicemente dei primi tentativi di creazione del tanto agoniato Template. Sarebbe anche piuttosto semplice farlo, se ne avessi voglia.
Non ne ho.
La realtà è che oggi è stata una giornata piacevole a livello di attività svolte, ma raccontarla come tale non le renderebbe appieno giustizia. L’incipit corretto a questa pagina sarebbe indubbiamente dovuto essere questo:
Oggi, oltre ad aver fatto un mucchio di cose, è stata la classica giornata introspettiva.
Non essere dovuto andare al lavoro e non avere alcun impegno impellente mi hanno permesso di dedicare la giornata a me, di fermarmi un momento a riflettere. Come al solito è bastato tenere spenta la televisione, chiudere la porta di camera mia ed accendere lo stereo ad un volume sufficientemente alto da isolarmi dal mondo. Luce spenta, occhi chiusi e canto libero/liberatorio.
Le tracce che si susseguono, diffuse dalle mie casse, sono tra le più eterogenee. Non scelgo mai un unico gruppo quando voglio creare questo tipo di atmosfera, non mi piace auto condizionarmi. Meglio lasciare che sia la funzione “random” del lettore a farlo.
Così, dopo un oretta buona, mi sono ritrovato in uno stato di incapacità totale di descrivere le mie emozioni. Incapacità che persiste tutt’ora.
Probabilmente è la stanchezza, domani passerà.
Vorrei gridare.

[Today] I Feel So

Sometimes
I wish I was brave
I wish I was stronger
I wish I could feel no pain
I wish I was young
I wish I was shy
I wish I was honest
I wish I was you not I

‘Cause
I feel so mad
I feel so angry
I feel so callous
So lost, confused, again
I feel so cheap
So used, unfaithful
Let’s start over
Let’s start over

Sometimes
I wish I was smart
I wish I made cures for
How people are
I wish I had power
I wish I could lead
I wish I could change the world
For you and me

‘Cause
I feel so mad
I feel so angry
I feel so callous
So lost, confused, again
I feel so cheap
So used, unfaithful
Let’s start over
Let’s start over

-Box Car Racer-