Google hit list [Luglio 2006]

Ormai la fine del mese è sinonimo di classifica.
Continuano ad essere gettonatissime ricerche su Tom Delonge, sull’abbigliamento scozzese e su termini legati al mio lavoro, tuttavia ormai anche “pompini” è un facile e ricorrente modo di trovare il mio blog.
Chissà poi perchè.
Da sottolineare la perseveranza del feticista che vuol vedere la Canalis mentre fuma, questa volta in formato video.
That’s all.

1 – dove comprare vestiti del punk
2 – fotomodelli iraniani
3 – grotte di realdino
4 – colonie nudiste photo
5 – bricolage
6 – kusse
7 – lasciare presupporre come lo traduco?
8 – abitanti di quartoggiaro
9 – proverbio il gioco non vale la candela medioevo
10 – idro orecchio

Un’offerta che non ho potuto rifiutare

La giornata di oggi, come da accordi con la Bri, sarà interamente dedicata allo shopping.
Per portarmi avanti con il lavoro, questa mattina sono uscito sul presto, intorno alle 11.30, diretto al mercato di Brugherio e al Carrefour di Carugate.
Le cose che volevo riuscire ad acquistare in mattinata erano: un cappello come quello che indossa Neffa nel video di “Il Mondo Nuovo”, che tra l’altro sta sempre di più diventando la mia canzone dell’estate, un cavo di rete per collegare e passare dati dal PC al Portabile, dei CD vergini per permettere a Riccardo di entrare nel magico mondo dei Coheed and Cambria, un guanto nero con le dita tagliate per stare al passo con l’ultimissima moda poser e una cornice 56×41 cm.
Di tutte queste cose ho trovato giusto i CD e il cavo, che tra l’altro devo ancora collaudare.
Uscendo dal Carrefour, detto poi Euro, sono passato di fronte all’EB Games, negozio di videogiochi dove lavora Claudio, il fratello di Roby.
Sono entrato a salutare e, tra una cazzata e l’altra, il buon Virzino mi estrae da sotto il bancone un oggetto di assoluto culto: la confezione della saga completa di Baldur’s Gate in versione DVD.
25 euri.
Tutto Agosto a disposizione.
Inutile dire come sia andata a finire.

Summertime…

…and the living is easy…
Una canzone del passato recitava così ed è difficile darle torto.
Da ieri sono ufficialmente in vacanza.
Questo non vuol dire che io sia al mare o che abbia smesso di lavorare, tuttavia la sessione estiva dell’Università si è conclusa ieri pomeriggio alle 14.30 con l’esame di Analisi dei Farmaci II, prova per altro superata con discreto successo.
Questa cosa, che per molti potrebbe non significare molto, per me invece è cruciale.
Andare in laboratorio a fare un lavoro che mi piace non pesa se una volta a casa posso finalmente spegnere il cervello e dedicarmi al niente più assoluto, anzi, è un ottimo modo per non annoiarmi.
Prendiamo oggi.
Sono arrivato in lab alle 8.30, con trenta minuti di anticipo, un po’ perchè ormai ero sveglio, un po’ perchè attendevo il risultato di un esperimento importante.
Come da copione, il risultato non è arrivato.
Pazienza, ormai ho capito che in questo lavoro ci dovrò fare l’abitudine quindi guardo avanti, si rifarà il tutto cambiando qualcosina e forse andrà meglio.
Forse no.
In ogni caso non è il momento per fasciarmi la testa visto che il problema non è dovuto a miei errori e che, soprattutto, anche stare a disperarsi non ha senso e non cambia le cose.
Via quindi a nuovi esperimenti, diversi, sperando di avere più fortuna.
Uscito dal lavoro, sono giunto a casa in poco più di venti minuti, arricchiti da una massiccia opera di “sing along” su freschi e giovani pezzi estivi.
Una volta avvolto nella privacy della mia cameretta, rigorosamente in mutande, mi sono guardato il primo Fast and Furious.
Decisamente un filmone.
Direi che sono stato seduto al compiuter anche troppo.
Vado a farmi una doccia.
Anzi, un bel bagno.
Tanto oggi ho tempo.
Fico.

And the winner is…

Sono arrivate le sentenze per gli illeciti sportivi.
Sono abbastanza vergognose.
Per carità, al Milan è anche andata bene e io non dovrò perdermi la Champion’s League l’anno prossimo, ma in tutta onestà speravo in un ripulisti nettamente più esemplare.
Con i vari ricorsi ulteriori si rischia di vedere anche la Juve in A e questo vuol dire continuare a guardare le partite pensando che ci sia qualcosa sotto.
Ogni fuorigioco non fischiato, ogni rigore dato o non dato, ogni cartellino estratto o non estratto continuerà a far pensare a qualche strano gioco di potere e non alla semplice sorte.
In poche parole, non cambierà nulla.
Peccato.
Era una buona occasione per migliorare le cose.
Non venendomi in tasca nulla tuttavia, la vivo con il distacco di chi continuerà a vedere le partite perchè ama questo sport, sebbene abbia molto riserbo nei confronti di chi lo gestisce.

Tokio drift

Sono appena stato a vedere il terzo episodio della serie Fast and Furious.
Per l’occasione ci siamo concessi la sala Mega Theatre del Warner Village di Vimercate, non tanto perchè il film la richiedesse, quanto perchè era l’unica sala dagli orari accettabili.
Il film è, come da pronostico, piuttosto pessimo.
Mi dispiace parlarne così male perchè il primo capitolo sul mondo delle corse clandestine a me era piaciuto tantissimo. Possedeva tutti gli ingredienti per inserirsi nella categoria dei cult senza sfigurare. Già la seconda prova mi era risultata abbastanza scadente, sebbene la presenza di Brian e di un filo conduttore, per quanto ridicolo, che lo legasse al precedente aveva saputo limitare i danni non poco.
In Tokio Drift vengono a mancare anche queste ancore di salvezza, lasciando così sprofondare il film nell’oblio dell’action movie di serie B.
Come detto non mi aspettavo niente di diverso da quanto visto per il 90% della durata della pellicola e quindi ho seguito la trama con visibile distacco e rassegnazione.
Questo fino alla scena finale.
La comparsa totalmente inaspettata di Dominique Toretto nell’ultima sequenza mi ha lasciato piacevolmente sopreso e mi ha permesso di valutare il tutto in maniera positiva.
Quel personaggio era ed è rimasto assolutamente geniale.
Ora credo sia giunto il momento di andare a nanna.
Domani mi attende una giornata di studio impegnativa e irrinunciabile, causa della mia latitanza alla seconda grigliata stagionale.
Peccato, la prima era stata forse la meglio riuscita di sempre e avrei replicato volentieri.
Sarà per la prossima volta.
Quello che ho appena scritto è il primo post battuto dalla tastiera del mio nuovo portatile.
Ho deciso di aggiornare da qui perchè ho cominciato le lunghe e meticolose procedure di installazione e aggiornamento dei software, che credo si protrarranno per tutta la notte e che quindi mi vedono costretto all’utilizzo di questa piattaforma.
Per il momento ho rimosso Norton e Works, discretamente inutili, installato Office 2003, installato Winrar, installato il modem, installato AVG Antivirus e iniziato l’aggiornamento online del tutto.
Sono solo all’inizio, ma già adoro questa macchina.

“Perchè adesso è notte, ma poi verrà giorno.”

Avrei mai potuto lasciare correre i primi interventi su questo blog del caro amico Manowar?
Avrei potuto sottrarmi alla diatriba con uno dei pochi personaggi che conosco che siano di destra davvero e non solo quando serve un motivo per giustificare la propria intolleranza?
Certo che no.
Ad un tale onore è doveroso rendere giustizia con un’apposita discussione, quindi colgo la palla al balzo e riparto proprio dalle ultime parole del mio metallozzo preferito.
Adesso è notte.
Già, è proprio vero.
Tuttavia soffermiamoci un momento a capire perchè è notte.
Adesso è notte perchè siamo governati (oltre che da chi ha i soldi) da chi ha il potere di bloccare il paese: tassisti, produttori di latte, camionisti, operatori di volo, ferrovieri e tramvieri.
Chiunque sia nella posizione di creare disagio al prossimo e non ha ritegno nel farlo viene ascoltato da chi ci governa, sia di destra che di sinistra, spingendo la popolazione priva di questo potere a fare altrettanto.
Nessuno è contento in Italia.
Quindi a turno ecco che ognuno bloccherà binari, aereoporti, metropolitane per ottenere che nessuno sconvolga il suo orticello.
Siamo al punto in cui Firenze viene bloccata dai tifosi per la sentenza riguardo a calciopoli.
Una roba vergognosa.
La destra sulle sommosse di piazza è sempre stata, anche storicamente, piuttosto chiara: disperdere i sovversivi e mandarli a lavorare (magari in campi dedicati).
Tuttavia oggi apro il bolscevico sito di Repubblica e cosa mi tocca leggere?
Mobilitazione generale degli avvocati.
Come?
Rileggo meglio, convinto di aver preso lucciole per lanterne, ma non è così.
E’ noto come la categoria degli avvocati non sia prettamente vicina alla politica rifondaiola eppure eccoli li, tutti belli uniti a far casotto. Partendo dal presupposto che non mi sento certamente di dire che in Italia gli avvocati siano una categoria disagiata e meritevole di protestare, la cosa che più mi infastidisce è la terribile mancanza di coerenza.
Credo sia per questo che adesso è notte, perchè non vi è più identità politica nelle persone.
A voler essere del tutto pignolo mi piacerebbe sapere che senso possa mai avere lo sciopero per un lavoratore in proprio che, quindi, non perde giornata e stipendio in virtù di farsi sentire.
Intanto il tanto agoniato, almeno da me, governo di sinistra è già agonizzante perchè quei pazzi estremisti e ottusi della sinistra radicale non sono favorevoli al rifinanziamento della missione italiana in medio oriente.
Tutti a dargli addosso quindi, sebbene siano gli unici che provano a far valere quanto promesso dall’Unione alla gente prima del 9 Aprile.
Ci si può accanire con chi cerca unicamente di tutelare le idee di chi ha dato loro il voto?
Io non me la sento.
Tuttavia il governo non è di questo parere e preferisce andare avanti con l’appoggio dell’Udc piuttosto che cercare di dare corpo a quanto detto in campagna elettorale.
Certo che anche l’Udc un pizzico di ribrezzo nel fare quello che fa potrebbe pure dimostrarlo, ma forse queste movide arraffa consensi sono proprio la volontà del popolo democristiano che, come diceva mio nonno, “purtoppo non morirà mai”.
Di sicuro se mi chiamassero adesso alle urne per via di una crisi di governo, penso defecherei sulla scheda e la spedirei direttamente a Roma.
E’ proprio vero, è notte fonda.
L’unica domanda che mi piacerebbe fare al prode e littorio Manowar è: “Sei sicuro che poi verrà il giorno?”

Annotazione

Sono passati due anni da quando, pensando di aver fatto uno dei più grandi errori della mia vita, ho fatto una delle migliori scelte di sempre.
Mi sono regalato un pezzo di felicità.
Da quel Lunedì sera ne sono successe di cose, forse anche troppe, ma l’unica cosa che conta è che io sia ancora qui a sorridere pensando al tempo trascorso e senza paura per ciò che riserverà il futuro.
Questa credo sia la cosa più bella che l’amore mi ha dato.

Se l’ottimismo è il sale della vita, la mia dieta è iposodica

Non lo faccio per darmi un tono.
Non lo faccio perchè la gente cerchi di tirarmi su.
Semplicemente, se mi si richiede un parere sull’esistenza, questo non sarà mai troppo roseo.
Non mi piace il mondo in cui vivo.
Per niente.
Ogni giorno di più mi rendo conto di come la gran parte delle persone faccia da contorno, da comparsa in un copione scritto da pochi per gli interessi di pochi.
La gente come me passa una vita ad alimentare un sistema che disprezza dal profondo senza potersene distaccare, dipendente da qualcosa che vorrebbe veder finire e che allo stesso momento gli garantisce di mantenere quel tenore di vita agiato di cui non può fare a meno.
Questa cosa secondo me logora fino a che si ammette di essere impotenti e si accetta passivamente quanto orchestrato dall’alto pur di non rinunciare a quello che per noi è il minimo indispensabile, ma che sul dizionario si trova sotto la voce “lusso”.
Stando a cavallo tra la consapevolezza e la rassegnazione si vive piuttosto male.
E’ difficile contestare il sistema economico mondiale se non si è capaci di rinunciare ad internet, alla macchina col serbatoio sempre pieno, alle vacanze, a soddisfare qualunqe tipo di capriccio e all’aria condizionata.
Per questo bestemmio ogni qual volta che vedo la classe dirigente calpestare i più essenziali diritti umani, tuttavia non ho mai la lucidità di chiedermi come vivrei se non agesse come agisce, priva del minimo scrupolo.
Come tutti quindi, mi rivesto di ipocrisia e vivo pornto a sparlare del sistema che mi permette di vivere nell’agio da cui dipendo.
Un’immagine da volta stomaco, ma che sfido chiunque a contestare.
Il mondo fa schifo, di questo sono sicuro, e sono anche sicuro di supportare certe posizioni spinto unicamente dalla mia morale e non dalla consapevolezza di poterlo fare in virtù di privilegiato.
Tuttavia se faticassi a mangiare, probabilmente sarei meno idealista e la vita mi starebbe molto meno stretta.
Sono convinto che per mantenere l’euro forte sia necessario avvallare la politica omicida e immorale dello stato di Israele, so che non osteggiare il governo di Gerusalemme deve portare un qualche tipo di beneficio per noi europei, però non ho paura di passare per antisemita dicendo che è vergognoso come lo stato dalla stella a sei punte gestisce le questioni internazionali.
Tra l’altro è buffo vedere come si possa venir facilmente tacciati di razzismo se si osteggia Israele, mentre non sia assolutamente un problema accanirsi su palestinesi, libanesi e quant’altro. Anzi, l’insulto ai mussulmani terroristi ultimamente è quasi tutelato.
In uno scenario in cui due popoli ignoranti si muovono guerra in nome di entità fittizie, prendere le parti giuste diventa essenziale per restare tra i paesi del mondo che contano.
Via libera quindi a chi fa il mio bene calpestando le mie idee?
Questo e quanto vogliono che inizi a fare.
Questo è il segno della maturità, che a quato pare coincide con il riconoscere l’irrinunciabilità ai propri agi anche in virtù di comportamenti totalmente immorali.
Io non sono maturo.
A differenza di anni fa però colgo questa incongruenza di fondo e ne sparlo, conscio di non potervi porre fine.
Non mi fa stare meglio, non mi permette di vivere felice e spensierato questa realtà, ma almeno mi fa ancora sentire vivo.
Credo che sentirsi vivi sia riconoscere quanto la vita faccia schifo.
Persa questa capacità si è forse più felici, ma sicuramente meno consci di quello che è stare al mondo.
Probabilmente presto o tardi anche io perderò la capacità di rendermi conto delle cose e forse tornerò a trovare del buono in questa esistenza.
Questa pagina però resterà qui a ricordarmi come una volta, per quanto triste, depresso e amareggiato, fossi totalmente cosciente della dubbia esperienza che si chiama vita.

Test

Grazie a Dietnam ho trovato questo simpatico test. E’ sostanzialmente identico a quelli che girano per mail, se non fosse per il fatto che:
1- Non mi è arrivato per mail
2- Le domande sono realmente diverse dalle classiche “ti sei mai ubriacato?” o “pizza o spaghetti?”.
Ho deciso di farlo, ma senza ammorbare nessuno via mail perchè faccia lo stesso.
Cominciamo.

Parli ancora con la persona a cui hai dato il tuo primo bacio?
No. In realtà non ricordo nemmeno come si chiami. In realtà non era nemmeno stato un vero bacio, trattavasi più di “unione di labbra” da gioco “obbligo o verità” quando ancora era un gioco casto e puro.
Molto tempo fa.
Esperienza discutibile.
Lei però non era male.

Che musica sentivi quando facevi le elementari?
Queen e Vasco soprattutto. Direi che “Alba Chiara” è stata la mia canzone delle elementari, con un lieve distacco su “One Vision”.

Sei contro i matrimoni tra persone dello stesso sesso?
Assolutamente no, anzi finchè matrimonio rimarrà sinonimo di diritti sociali direi che sono schifato che non venga data questa possibilità. Se ci si decidesse ad approvare le coppie di fatto potremmo finalmente fregarcene di cerimonie inutili e anche il Vaticano potrebbe smetterla di ammorbarci con la sacralità del matrimonio.

Sei triste in questo momento?
Non più del solito, il che non vuol dire no.

La maggior parte degli amici che hai ora sono vecchi o nuovi?
Credo di avere amici sia nuovi che vecchi. Certo, non sono tutti amici allo stesso modo, ma sono comunque includibili nella categoria.

Possiedi mobili di Ikea?
Il cestino e credo il letto.

Hai mai fatto qualcosa di vendicativo nei confronti di qualche collega?
No, non sono vendicativo e, soprattutto, adoro i miei colleghi.

Sei mai stato in terapia?
Purtoppo no, ma credo sia noto a tutti quanto mi piacerebbe andarci e quanto io ne abbia bisogno.

Hai mai giocato al gioco della bottiglia?
Si, ma non in maniera professionistica.
Diciamo che è capitato.

Ti è mai piaciuto qualcuno senza che tu glielo abbia detto?
Ovvio. Non sono certo il tipo che ci prova. Non sono nemmeno quello che muore dietro alle persone però, non ne ho voglia. Solo una volta sono stato cotto di una persona senza che questa ne sia venuta credo mai a conoscenza, ma erano altri tempi.
Terza media forse. Ricordo che mi ero fatto in bicicletta da casa alla Madonna del bosco con l’oratorio per vedere questa povera ragazza.
Un cretino.

Sei mai stato in campeggio?
Odio il concetto di tenda. Tuttavia ci sono stato più volte in bungalow. So che per i fedelissimi del campeggio non è la stessa cosa, ma per me lo è.

Hai mai avuto una cotta per un’amica di tuo fratello/sorella?
Sono figlio unico.

Sei mai stato in una spiaggia per nudisti?
Ci sono passato una volta da piccolo, tipo in quarta elementare. Eravamo in colonia in Toscana. Uno di quei campi estivi organizzati dal comune, la colonia più bella della mia vita. Era in un agriturismo toscano e ci avevano portato sulle rive di un torrentello. Non so se fosse una spiaggia per nudisti, ricordo però che c’erano diverse persone nude e che ci hanno portato via imbarazzati.

Hai mai mentito ai tuoi genitori?
Diriei di si, ma mai per nulla di serio.

Hai mai avuto un taglio di capelli così brutto da dover indossare il cappello per un mese di fila?
Si, anche qui alle elementari. Mi avevano tipo rapato a zero lasciandomi il ciuffo lungo da tirare in piedi col gel.
Me ne vergognavo tantissimo.
Da lì in poi ho avuto altri mille tagli imbarazzanti, ma non me ne sono mai vergognato.

Qual è l’ultima volta che hai dormito per più di 12 ore?
Dodici ore? Mah, forse quando andavo in vacanza al mare con gli amici.

Dov’eri il Capodanno del 2006?
A S. Piero in Bagno, un locus amenus nei pressi del Monte Fumaiolo.
A casa della Kla e dell’Ali.
Capodanno Estremo.

Da dove hai preso l’idea per il tuo nickname?
Dal fatto che tutti mi hanno sempre chiamato “Màncu”. Ho solo trovato un modo idiota per scriverlo.

Hai mai pianto per la morte di una celebrità?
Copiosamente alla morte dei Blink 182.

Di che colore è la biancheria che hai addosso?
Righe. Alla faccia della Bri e del suo odio per queste mutande.

Indossi sempre il reggiseno?
Non lo metto, mi stanno ancora su bene anche senza.

Cos’hai fatto stamattina?
Lavorato e studiato.

Cosa ha posto fine alle tue ultime amicizie?
Non averle curate e aver constato che anche dall’altra parte non ci fosse voglia di fare questo sforzo.

Hai mai spiato qualcuno per cui avevi una cotta?
Direi di no.
Però ho spiato tanta gente per cui non provo nulla.

Qual è stato l’ultimo concerto a cui sei andato?
BoySetsFire al Transilvania.
Bello.

Qual è stato l’ultimo programma che hai visto in televisione?
Il Tour de France che sto seguendo adesso.
Vai Gibo!

Cosa ti ferisce?
Mi feriscono un sacco di cose anche se non credo di darlo molto a vedere.

Prendi medicine?
Ormai non tantissime. Antistaminici più che altro.
Una volta ero dipendente da Aulin.

Che maglietta hai addosso?
Sono a petto nudo per via del caldo.

Qual è il tuo negozio preferito?
Assolutamente il Virgin Megastore di Piccadilly Circus. Tuttavia amo molto anche i negozi di vestiti dove abitualmente compro.
Adoro comprare vestiti.

Qualcuno che non vedi da un po’ e che ti manca?
Bazzu, più che altro perchè non è stata mia scelta non vederlo più. Tutti le altre persone uscite dalla mia vita non le vedo più perchè non ho interesse a vederle, quindi in realtà non mi mancano.
Certamente capita che abbia voglia di rivederle, ma credo che sia solo per sguazzare un po’ nella malinconia.

Ti importa cosa pensano le persone di te?
Dipende da chi sono le persone.
Sono sconosciuti? No.
E’ gente a cui tengo? Allora si.

Usi un PC o un Mac?
Ho un PC a casa e, tra poco, un PC portatile.
Odio i Mac.
In laboratorio ci sono solo Mac.

Usi il mouse o la tavoletta grafica?
Mouse. Non ho motivo di utilizzare tavolette grafiche.

Qualche sito dove vai ogni giorno?
Diversi Blog, qualche forum in cui però non posta più nessuno, Repubblica, Libero e un paio di webzine di musica.

Sei un esperto di computer?
No.
Diciamo che sono un utilizzatore consapevole.

Che tipo di carne preferisci mangiare?
Quella cotta alla brace e senza sale.

Che scarpa infili per prima?
Essendo una procedura mattutina, non ho ricordi a riguardo.
Lo faccio mentre ancora dormo.

Parlando di scarpe, ne hai mai tirato una a qualcuno?
Si, ma non era mia.

Quali gioielli indossi 24 ore su 24?
Gioielli è una parola grossa. Diciamo che, finche non l’ho perso durante la vacanza più brutta della mia vita il primo anno di università, portavo al collo un pipistrello di plastica regalatomi in ospedale quando mi hanno aperto.
Era un portafortuna.
Ora ho sempre addosso i miei braccialetti a sferette metalliche, riminiscenza di una gioventù punk.

Hai dei cereali in casa?
Non più, rubavano minuti di sonno.

Hai mai molestato sessualmente qualcuno?
Credo di aver molestato la Bri.

Sei mai stato molestato?
Sì.
Dalla Bri.
Più volte.

Hai mai visto la/il tua/o migliore amica/o nuda/o?
Amiche, manco a dirlo, no.
Per gli amici è diverso.
E’ un avvenimento epocale vederli vestiti.

Cosa ami fare nel tempo libero se rimani a casa?
Navigare in internet e ascoltare musica.
Quando non dormo.