Google Hit List [Ottobre 2007]

Visto che anche oggi non è stata una giornata particolarmente stellare, mi limito alla consueta classifica di fine mese. Mi spiace non scrivere di più, ma non ho voglia di stare a spiegare perchè si è perso il mio stipendio o perchè una volta arrivati i mobili del bagno, l’idraulico ed il muratore si sono accorti di aver sbagliato quasi completamente l’impianto.
Mi limiterò a soffrire in silenzio.
Se solo fossi come John McLain però, avrei meno problemi.
Di lui parlerò domani, ora non ne ho voglia.

1 – cazzi
2 – halloween significato etimologico
3 – macchinette per fare le unghie
4 – dover scegliere il peggio meno peggio
5 – quartoggiaro
6 – cascate per stagnetto
7 – costo chiesa insulso
8 – foto stato primitivo
9 – selia significato nome
10 – psicologia tattica del silenzio

Su Milano

La Milano che amo, ogni tanto, si lascia apprezzare.
Questo accade perloppiù in circostanze anomale e difficilmente riproponibili, ma credo sia la principale ragione per cui, quei momenti, diventano superbi.
Magici.
L’ultima volta che mi sono innamorato della meravigliosa città situata a due passi da casa mia era Maggio, erano le 8.00 di Domenica mattina ed ero in Duomo.
L’ultima volta prima di sta sera.
Esattamente come è capace di farti girare ore tra sensi unici e code alla ricerca di un parcheggio che non sia per residenti o a pagamento, Milano riesce anche a suggestionarti mentre al volante giri per le sue intricate vie del centro.
Servono le condizioni giuste.
Circa un’ora fa io ho creato queste condizioni semplicemente scegliendo un’uscita dal parcheggio sotterraneo che non coincidesse con l’entrata.
Una volta fuori, la sensazione era quella di non essere più nella stessa città di prima.
Ero totalmente spaesato, in balia di ciò che mi circondava e ansioso di ritrovare in questo panorama anche il minimo segnale che potesse indirizzarmi.
Alle 2.00 di notte perso per il centro di Milano mi sono ancora una volta innamorato di questa città.
Le strade erano sgombre e nell’aria si percepiva l’atmosfera della serata che finisce, quella piacevole sensazione che si prova quando la calma scende come un velo sulle frenesie di una città iperaccelerata nel divertirsi quanto nel lavorare.
Non conta se chi era in giro fino a poco prima si sia rintanato nel caldo del suo letto o in qualche locale per tirare mattina, la vita ha comunque abbandonato le vie e le piazze se non in sporadici casi di solito coincidenti con qualche McDonald.
La gente che esce dai fast food quando tutto intorno le insegne sono spente rappresenta appieno il concetto che sto cercando, forse in vano, di esplicitare.
E così io ho girovagato per il centro, senza sapere dove fossi e senza sapere dove andare, ma attento a tutto ciò che mi si parava intorno.
Poche macchine per strada, poche luci, solo la calda tranquillità del mio abitacolo come campione rappresentativo dell’atmosfera circostante.
Musica soffusa e pensieri veloci.
Nessun problema se per qualche minuto ho vagato senza meta, il viaggio si trasforma in scoperta di una Milano che difficilmente sa concedersi.
Ed è stregato da questo paesaggio che sono giunto, non so come nè perchè, in piazza S. Babila.
Alle due di notte, piazza S.Babila è tanto evocativa da apparire surreale.
Avrei potuto fermarmi lì e starci per ore, come in una bolla.
Avrei voluto farlo.
Tornerò in macchina a Milano Lunedì mattina per andare al lavoro. Tutto sarà diverso e la città tornerà a mostrare il lato di se che più spesso esibisce, cercando di farmi dimenticare quello di cui è realmente capace.
Spero non ci riesca.

Giuro che parto per Roma ed è la volta buona che mi arrestano

C’è da allarmarsi.
Io non sono mai stato un attivista, non sono mai sceso in piazza salvo in rari casi e comunque tanti anni fa. Ora però sono disposto ad armarmi di bulloni e partire per Roma.
Il dodici ottobre, con l’unanimità del consiglio dei Ministri, è stato approvato questo disegno di legge.
Una normativa volta a rimuovere dalla rete la gran parte dei siti personali e dei blog, come spiegato in questo articolo di Repubblica. Il succo è che per qualunque sito personale di informazione saranno necessari l’iscrizione al ROC, il pagamento di un bollo, la produzione di carte e certificati pur se il sito in questione sia privo di qualsivoglia fine di lucro.
Pur essendo già questo sufficiente a demolire le possibilità e le aspirazioni del 90% dei ragazzi che scelgono, come il sottoscritto, di aprire un sito in cui parlano del mondo visto con i loro occhi, la coppia Levi-Prodi fa di più ed impone che questi siti abbiano un direttore responsabile appartenente ad una casa editrice ed iscritto all’albo dei giornalisti.
Di tutti i blog che leggo quotidiananmente non ne sopravviverebbe nessuno.
Nessuno.
Non è ancora finita.
Se anche riuscissi a rientrare nelle restrizioni elencate (non so come) il contenuto del mio blog potrebbe risultare non conforme agli standard per quelli che vengono definiti come “contenuti diffamatori” ed io sare passabile di provvedimenti come previsto dagli articoli 57 e 57 bis del codice penale.
CO-DI-CE PE-NA-LE.
Sebbene nessun giornale o telegiornale parli di questa cosa (e come potrebbero, con tutto quello che c’è da sviscerare su Garlasco e sul rilascio della Franzoni?) fortunatamente in rete esistono ancora modi validi per informarsi.
Io devo ringraziare Dietnam e Bazzu che hanno citato questa cosa sui loro siti personali, così come devo ringraziare Beppe Grillo visto che tramite il suo blog ho ottenuto le informazioni necessarie per informarmi sulla vicenda.
Nella precededente frase in realtà credo siano ben chiari i due principali motivi che hanno spinto i nostri esimii ministri a votare questo decreto: internet è l’unica fonte di informazione loro malgrado non manovrabile e Beppe Grillo necessita di essere represso.
A quelle menti eccelse sfuggono però alcuni particolari.
Il primo è che se c’è qualcuno che non verrà certo leso dal provvedimento è proprio il comico genovese. Come lui stesso dice sul suo blog, Grillo non avrà certo problemi a trasferire il tutto in qualche altro stato. Ad eccezione di Cina, Birmania e forse altri due o tre posti, credo non farà fatica ad individuare una nazione meno liberticida della nostra. Lui continuerà come nulla fosse nella sua opera ed anzi avrà un ulteriore argomento da utilizzare per infierire su chi ci governa.
Lui può, perchè è potente.
A prenderla in culo saremo come al solito noi poveracci: ragazzi e ragazze che scrivono le loro vite on-line per motivi che a chi ha scritto questa legge non passano nemmeno per la testa.
Altra cosa che il signor Levi forse non considera è che con questo provvedimento otterrà esattamente l’opposto di ciò che sono i suoi intenti. Se mai questo decreto si tramutasse in legge aiuterà Grillo ad accumulare ancora più consensi e la prova è che io stesso, che mai ho nutrito simpatia nei suoi confronti, inizierei ad aderire alle sue iniziative contro questa nefandezza.
E non solo alle sue.
A tutte quelle di cui verrò a conoscenza e che secondo me potranno portare a cambiare le cose.
Tanto per cominciare quindi, ho inviato una e-mail al sottosegretario.
Non mi aspetto certo che la legga, ma mandargliela è un mio diritto e mi fa piacere poter pensare di non essere stato indifferente di fronte alla cosa.
L’indirizzo a cui ho spedito è questo: levi_r@camera.it.
Avrei voluto riportare qui il testo della lettera, ma appesantirebbe molto il post. Il file word però si può leggere clikkando qui.
Ora non resta che attendere quello che Camera e Senato stabiliranno in merito. La speranza è che la risicatissima maggioranza non sia sufficiente a far passare il decreto, tuttavia credo che in casi come questo non avranno problemi a prendere consensi anche dall’altra parte.
Tutti d’accordo quando c’è da reprimere.
Ultimamente scrivo troppo spesso di cose che non vanno nella società in cui vivo.

Fuck you skateamerica.com!

If you are a skater, or a snowborder, or a fuckin’ poser like I am and you live in Italy, probably you may have some problems in finding clothes, band merchandise and shits like these.
Honestly, I have to say that there are a lot of great shops near the place I live and I usually buy there all my stuffs, but sometimes finding what I’m looking for gets quite difficult and so I have to resort to the web.
Surfing the net I hit on www.skateamerica.com.
“Welcome to the #1 Skateboard Mailorder Dealer in the world“.
Wow, I thought, heaven is a place on web!
It was September the first.
I immediatelly asked my friends and my girlfriend if someone would like to order something with me, in order to divide the shipping bill.
Ambra chose a pair of sandals, a belt and a pair of gloves.
I chose a Blink 182 old style t-shirt. I know, Blink are on hiatus since 2005 and the t-shirt I like is a 1999 item or even older, but ehi, skateamerica is the #1 Skateboard Mailorder Dealer and they make impossible to become possible. In fact the t-shirt is available and ready to ship immediately.
Can’t belive me? Look at this. I asked an M size.
Can you see it? Is STILL available and ready for shipping.
Ok, I’ll come back on this later.
Max, a friend of mine, chose a Billabong Shirt and an Atticus T-Shirt.
We made the order on September the sixth.
Skateamerica.com take the payment from my credit card on September the seventh.
Ok, they are fast ‘cause they are the #1 bla bla bla. I thought they will be fast in shipping too.
I was damn wrong.
After about a week, the customer service contacted me telling that the Atticus t-shirt was no more availabe. They told me I have to choose an alternative product.
If a product is no more available I think it has to be cancelled from the order, ‘cause I want that particular product and not another one, but Max is a nice guy and accepted to change the t-shirt.
This time he chose a Volcom one.
After another week, the customer service recalled me telling that even the Volcom t-shirt was no more available. As the last time, Max had to choose an alternative.
Max is a nice guy, but nice guys get sick too.
We asked to delete the item from the order.
We didn’t want any fucking alternative product.
A couple of days and more than a couple of e-mails later they finally cancelled the product from the order, but not from the bill.
Skateamerica wanted me to pay for a t-shirt I will never receive.
The #1 of Mailorder Motherfuckers started to irritate me.
I wrote them a mail telling that paying for a t-shirt that will never be shipped sounds like a fucking rip-off.
Probably I wrote them more than a single mail, but in the end they cancelled the item even from the bill.
This happened October the second.
Today, October the fifteenth, the order isn’t already been shipped.
Why?
Nice question.
I don’t know exactely what the hell is happening to my order, but if I check the Order Status on the skateamerica.com customer page I can see that the problem is my Blink 182 t-shirt.
Yes, the one I linked above.
The one marked as “ships immediately” on that goddam site.
Fuck you skateamerica.com.
I hope people read this post and make you the #1 Out Of Business Mailorder Service.
I dedicate you a line form Propagandhi, maybe you sell their merchandise too: stick the fucking order up your goddam ass, you sonofabitch!

I tried to write these lines in English so guys I’m talking to could understeand.
I know my English is terrible so I’ll accept any kind of hint to make this post get clearer.

Live reports don’t tell themselves

Mi sono visto proprio un bel concerto.
I Funeral for a Friend sta sera hanno fatto un grande show. Me li aspettavo precisi e puliti al punto di sembrare finti e mi aspettavo una prova discutibile da parte di Matt alla voce.
Così non è stato.
Il suono era effettivamente impeccabile ed i pezzi tutti suonati con una precisione spaventosa, ma la sensazione era di bravura più che di finzione. Anche la voce, tolti un paio di pezzi di rodaggio all’inizio, non si è certo risparmiata. La scaletta ha toccato tutta la produzione musicale della band, regalando anche la chicca di “10.45 Amsterdam Conversations” tratta da “Seven ways to scream out your name”. I pezzi nuovi in chiave live mi hanno convinto al 100%, ma è sicuramente sulla roba più datata che il concerto ha avuto i suoi picchi. Durante un siparietto volto ad elogiare il pubblico, ho anche appreso una roba abbastanza spiacevole: sembra che il menagement del gruppo abbia loro sconsigliato di fare tappa in Italia durante il tour europeo. Questa rivelazione aveva come scopo quello di dire che invece ci siamo rivelati un pubblico fantastico, tuttavia è abbastanza triste sapere che ci considerino un posto dove non è bello venire a suonare.
Per il bis hanno tenuto due pezzi enormi come “Streetcar” ed “Escape artists never die”. Sull’intro della prima, con il telefono che squilla, Matt ha anche accennato: “Milano, I just call to say I love you”, facendomi molto ridere. Chiudo la parte di post a loro dedicata con due cigliegine. La prima è che uno dei due chitarristi è ormai il sosia ciccione del cantante degli AFI, l’altra è che per la prima volta ho visto una tipa fare il segno del cuore con le mani ad un concerto. Quando me ne sono accorto ho sperato che Matt la vedesse, saltasse dal palco e la limonasse ferocemente.
Nel vedere tutto questo, avrei pianto.
Se la serata è stata molto piacevole gran parte del merito va anche ai Revolution Mother, il gruppo spalla. Trattasi di quattro bikers californiani usciti direttamente dagli anni ottanta e spinti da un’unica passione: l’hard rock. A vederli sembrano lo stereotipo degli harleysti ritratti nei telefilm americani di quell’epoca: bandane, giubbotti di jeans con sulla schiena il logo della banda, tatuaggi, barbone foltissime e tanta tanta attitudine. Che il loro sia un messaggio decisamente vintage è comprensibile al solo guardarli, ma per allontanare qualsiasi dubbio sfoderano una bella cover targata Black Flag, togliendo posto a qualsivoglia malinteso. Sentendoli suonare mi sono subito chiesto cosa ci facessero di spalla ad un gruppo come i Funeral for a Friend. La risposta mi è stata data poco dopo dal cantante della band.
“People ask us: “Why are Revolution Mother touring with Funeral for a Friend?”. Well there are not music categories. There are not music genres. There are only bad music and good music. We and Funeral for a friend play good fuckin’ music and we play it fucking loud!!”
Geniale.
Il loro show dura mezz’ora ed è puro spettacolo. Travolgenti da ogni punto di vista. Quando poi il chitarrista ha scavalcato le transenne per suonare un pezzo in mezzo al pubblico è stato il delirio. Tutti attorno a lui a corna alzate, sottoscritto compreso, in un momento di puro rock and roll!.
Al momento dei saluti si sono rammaricati di non potersi fermare a bere una birra con il pubblico, come loro consuetudine, per via delle serratissime date del tour. Se dovessero ricapitare in italia, non esiterei un secondo nel tornare a sentirli pur non apprezzando particolarmente il genere dal loro proposto.
Veri animali da palcoscenico.
Veri animali.
Chiudo, dopo aver ringraziato Carlo e la Sara per la compagnia, con l’unica nota negativa: il Musicdrome. Acustica buona, per carità, ma locale orribile e servizio sicurezza indisponente.

Bilancio di una giornata qualunque, ma a suo modo diversa

Vado a letto piuttosto contento.
La giornata lavorativa mi ha dato soddisfazione. Non tanto dal fatto che mi sono aperto il pollice della mano sinistra con un bisturi atto al taglio dei gel d’etidio (NdM: Etidio Bromuro – Intercalante del DNA – Cancerogeno), quanto perchè dopo diverso tempo mi sono ritrovato con un bel risultato per le mani. Era un po’ che non provavo la bella sensazione della vittoria lavorativa. Oltretutto il mio capo mi ha accennato a quello che sarà il mio futuro dal punto di vista prettamente tecnico. Ne sono usciti microarrays, live imaging & time laps, colture primarie neuronali e mitomice. Tutte tecniche che imparerei molto volentieri, roba stuzzicante.
Vedremo.
Intanto si avvicina il concorso di dottorato ed è forse il caso di iniziare a preoccuparsene.
Sono contento anche perchè i lavori nella mia casina sono praticamente finiti. Bagno rifatto, piastrelle posate, piccole modifiche apportate, pareti imbiancate. Oggi ci sono entrato e mi sono realmente emozionato.
Amo quell’appartamento.
Anche in quest’ambito però non è che tutto vada proprio come dovrebbe. Non mi sono ancora stati consegnati nè i mobili del bagno, nè quelli della cucina. Ora, se per i secondi mi è stato detto di un problema a livello di produzione indipendente dalla volontà di chi me li ha venduti e, soprattutto, mi è stato promesso un regalo per sorvolare sul disguido, per la mancata consegna delle mie antine da bagno verde acido non mi sono state fornite giustificazioni di sorta. Le aspetto solo da inizio settembre.
Mi girano discretamente le palle.
Comunque sia, ora non resta che acquistare interruttori, citofono, termostato programmabile e lampadari.
Poi c’è da fare il grande passo.
E dopo ancora, ci sarà da comprare tutto il resto.
Meglio pensare ad altro.
A capodanno sarò a Berlino.
Ho prenotato l’aereo per me e la Bri, sarà il suo regalo di laurea.
Quest’anno ho passato meno giorni in Italia di quanti ne ha trascorsi Missa al lavoro, il che la dice abbastanza lunga.
Ora devo trovare una sistemazione ove dormire a prezzi modici. Ogni aiuto è ben accetto, ma nessun mio conoscente pare essere in grado di consigliarmi.
Ancora una volta mi affido al web e al mio blog.
Prima di chiudere voglio alleggerirmi la coscienza: adoro “Superman” di [Dj] Francesco Facchinetti.

Riatribuzione

A volte mi sbaglio.
Non molto spesso, in realtà, tuttavia è capitato.
Questo post ne è la prova.
Già nello stenderlo però avevo il sentore di poter essere in errore ed infatti nella sua conclusione accennavo a questa possibilità.
Possibilità che oggi mi sento di convertire in realtà.
“Lies for the liars” batte “Tales don’t tell themeselves” e sradica dalle mani dei Funeral for a Friend l’agoniato premio Disco Mignotta 2007.
I motivi della vittoria sono essenzialemente due: “Earthquake” e “Hospital”, due pezzi più infettivi dell’ebola, capaci di insinuarsi in testa e non uscirne più.
Il fatto che mi ci sia voluto del tempo per apprezzare appieno il nuovo lavoro di Berth e soci è, credo, indice del fatto che questo disco, rispetto al contendente, è meno immediato e necessita di un metabolismo più lungo. Di per se questa cosa non è certo un punto a favore, sempre volendo giudicare la zoccolaggine del disco, ed è per questo che all’inizio non ero sicuro di questo avvicendamento in vetta alla classifica.
Poi però ho capito.
Non sono io il cliente cui questa meretrice punta.
Il cliente è quello che ascoltando la traccia “Wake the dead” dentro di se dice: “Fighi questi, sembrano i Fallout Boy!”.
Ebbene per far presa su queste persone non si poteva fare un disco più azzeccato. A mio modo di vedere però, gli Used di talento ne hanno un bel po’, e questo fa si che il disco risulti fruibile per tutti i tipi di orecchio, perchè ciascuno può trovarci qualcosa di buono. Insomma, se i Funeral for a Friend hanno centrato il bersaglio, gli Used hanno centrato la freccia dei colleghi, spaccandola a metà come da migliore tradizione cinematografica Robin Hood inerente.
Devo ammettere che vedere entrambe le band dal vivo nel giro di un mese mi stimola molto.

Ultime dalla mia vita

Possibile che con la bri alle prese con i koala e di conseguenza un bel po’ di tempo libero in più, io non riesca a trovare qualche minuto da dedicare al blog? Vorrei poter dire di no, eppure è proprio così. In questi giorni infatti mi sto ritrovando con tante cose da fare. Nessun dovere, sia chiaro, ma tanti piacevoli passatempi che nella lista delle mie priorità riescono sistematicamente a scavalcare la stesura di pagine per il mio diario.
Per fare un esempio, sto dedicando la mia seconda serata alla lettura. Per le mani ho “Ballando nudi nel campo della mente”, autobiografia visionaria del premio nobel per la chimica Kary Mullis. E’ un libro favoloso che consiglio caldamente. Avrei voluto trascrivere qui un’intero capitolo ieri sera, mentre lo leggevo, tuttavia è decisamente un’operazione troppo lunga e faticosa. Il capitolo è intitolato “Cosa è successo al metodo scientifico?” ed è a dir poco illuminante. Tutto il libro però è l’esempio della follia che spesso sta dietro la genialità, come della genialità che sta spesso dietro alla follia. Sono duecento pagine o poco più, quindi se io fossi nei panni di qualcuno che leggendo qui si chiedesse se dare o meno una chances a questo libro, beh, gliela darei.
Oltre a leggere, l’altra cosa che mi ha impegnato in questo periodo è elaborare un piano attuabile per diventare ricco.
Credo di esserci riuscito.
Ho progettato una maglietta. Una maglietta che credo molte persone vorrebbero avere. L’idea ce l’avevo lì da un po’, ma a sbloccare la questione è stato il buon Uazza, quando ha comunicato di aver trovato un posto dove stampano le magliette bene e senza eccessive controindicazioni.
Ora aspetto solo che me la realizzino e me la spediscano.
Poi si tratta solo di registrare il logo, darle un minimo di visibilità ed incassare i soldi.
Per l’estate prossima dovrebbe venire pronta un’intera linea di prodotti capaci di dettare legge trasversalmente dalla California a Gabicce Mare.
Credo mi serviranno uno o due soci per questa impresa.
Più che altro per dividere i guadagni che, altrimenti, sarebbero sconsiderati.
Un uomo solo non dovrebbe terere per se quanto potrebbe rendere ricchissime tre persone.
Attendo curricula.
Per il resto direi che la mia vita è stata abbastanza conforme al solito, indi non credo ci sia molto da raccontare.
Ieri, forse per la prima volta nella mia vita, mi sono vergognato di essere milanista.
Inizia la sesta serie di Scrubs.
Vado.
Ah, il trasferimento di post e commenti continua inesorabile e forse è quella, come da un bel po’, la vera ragione per cui non sto aggiornando.