The Avengers: un film con gli schiaffi

Venerdì sera sono andato, finalmente, a vedere The Avengers.
Io non sono un fan dei fumetti Marvel, non ne ho mai letti in realtà, e non sono tantomeno fan dei film che fino ad ora hanno tratto dai vari albi di supereroi. Per contestualizzare: al cinema credo di aver visto solo il Batman con Denny De Vito che fa Penguin e quello con Shwarzy che fa Mr. Freeze (sempre che non si tratti dello stesso film). In home video ho ampliato la mia cultura guardando i primi tre X-men, il primo Spiderman, l’Hulk con Edward Norton e i due Batman di Nolan. Ah, al cinema ho visto pure Watchmen, bellissimo, ma credo non sia una roba del tutto inerente.
Questo il mio background.
Riguardo The Avengers però ho sentito parlare tantissimo e solitamente sono tipo da non restare indifferente ai casi cinematografici di massa. Di conseguenza ho deciso di andare a vedere questo film ignorando bellamente chi fossero Iron Man, Capitan America, Thor, Occhio di Falco (SPOILER: non è Marotta) e la Vedova Nera.
Onestamente ero convinto di sapere solo chi fosse Hulk, perchè con mia nonna da piccolo guardavo un telefilm (ai tempi non si chiamavano serie tv) che ce l’aveva come protagonista. E’ tuttavia evidente che mi sbagliassi, perchè chi è Hulk io l’ho scoperto solo Venerdì.

Ora, viste le premesse e sommate alla mia totale ignoranza tecnica in ambito cinematografico, sono forse la persona meno adatta a scrivere di questo film. Se volete leggere qualcosa di fatto sicuramente meglio potete rivolgervi o a Junkiepop o a i 400 Calci, che è gente preparata.
Io però dico la mia da spettatore che si reca al cinema per vedere un film con i botti e le esplosioni e tonnellate di effettoni speciali e si ritrova di fronte a The Avengers. Il risultato è bocca spalancata, risate, applausi e tantissimo gasamento.
The Avengers infatti è, essenzialmente, un film con gli schiaffi. Tanti. Tantissimi. Tutti si menano con tutti in qualsiasi scena e contesto. Buoni con buoni, cattivi con cattivi, buoni con cattivi. La sequenza finale è un’insieme di pizze gigantesco ambientato in piena Manhattan, già candidata all’oscar come “Miglior attirce non protagonista” nel ruolo della demolita. Si sfonda tutto, senza ritegno e senza troppe remore, con Hulk ancora una volta padrone delle scene e nume tutelare delle mani in faccia. Che ok finchè si è tra simili, ma quando le appone ad una sorta di mega bacherozzo alieno grosso dieci volte lui sono applausi a scena aperta. E ancora non s’è visto tutto, a quel punto lì.
Quindi ok, Hulk capo supremo e dominatore della scena, ma il supporting cast non fa certo schifo. Iron man riesce ad interpretare agevolmente in un unica prova il 98% dei ruoli presenti in Independence Day. Buca solo Liv Tyler, ma per ovvi motivi di appeal sessuale (e solo da un punto di vista maschile, credo). Simpa, tarro e con il cazzo durissimo è quello che tutti pensano essere il protagonista fino a quando arriva Hulk a spiegare come stanno le cose sul serio. Perchè, forse non l’ho ancora detto, ma ad un certo punto dal nulla arriva Hulk. In moto. Secondo me c’è un buco gigantesco nel plot a quel punto del film, ma mentre scorrono quei dieci secondi in cui ti chiedi se davvero il buco c’è e di conseguenza come ci sia finito lì, lui è già verde e sta prendendo a sonori schiaffoni alieni colossali. E allora il dubbio ti passa e te ne fotti ampiamente. Almeno, io ho fatto così.
Dicevamo degli altri comprimari. Capitan America è sicuramente il più sfigato. Dotato dell’elasticità mentale di un talebano e provvisto di solida e massiccia scopa in culo, ad un certo punto fa quasi tenerezza col suo vestitino vintage e i suoi principi morali di sto cazzo. A fine film la Polly mi ha detto che era il suo personaggio preferito. La polly, per metà film, ha dormito (seriously). Ho detto tutto.
Quarto della lista è Thor, il semidio. Un pagliaccio che fa bella figura solo perchè di istinto lo si paragona a Capitan America, nei confronti del quale ha chiaramente una marcia in più. Hulk e Iron man però giocano un altro sport e questo deve saperlo anche lui. Certo che se, in un gruppo di sei, il semidio passa in secondo piano, non è che ti vien tanto da riconoscergli una bella figura, nel film. Ok, sali sul Chrysler building e attizzi fulmini a destra e a manca, ma quello verde sta già parcheggiando le cinque dita sui musi alieni da un po’ e dei fulmini nessuno in sala si cura più. Anzi, si ride quando Hulk trova due o tre secondi di pausa nella sua opera di devastazione per umiliarti.
Si chiude con i due sfigatz del gruppo, quelli che non hanno neanche il film introduttivo allegato. Una è Vedova Nera, aka Scarlett Johansson, per cui un qualsiasi film introduttivo non porno non avrebbe aggiunto niente alla questione. Ogni volta che la si vede in scena vien solo da pensarla intenta in qualche pratica zozzissima ed è bello che sia così. Non ho neanche capito bene perchè portarla in mezzo al macello, ma credo che sotto sotto tutti volessero semplicemente provarci. Bizzarramente però lei pare avere una simpatia di riguardo nei confronti di Occhio di Falco. Per evitare che a fine film la gente neanche si ricordasse di avercelo visto, gli sceneggiatori si inventano lo stratagemma di farlo giocare coi cattivi per un po’, dove fa anche la figura del crasto. Buon trucco, tutto sommato, anche perchè non è certo l’ultimo dei pirla. Vederlo tirare le frecce con un no look degno del miglior Chris Paul da un certo senso di godimento, nei momenti in cui Hulk non distrugge nessun grattacielo. Se poi, a contorno del contorno, ci sono un Fury arrogantissimo, un Loki più che degno nel ruolo del cattivo, e una portaerei volante invisibile (!!!), beh, è difficile chiedere di più.
Filmone, punto e basta.
La sua unica sfiga è che con tutta probabilità non sarà film dell’anno.

6 commenti su “The Avengers: un film con gli schiaffi”

  1. @Davide: giudizio unanime, credo.
    @Bazzu: 3 cose: 1) l’ariete con la scritta “knock knock” 2)”I pronounce you man and knife” 3) LA PORTIERA. Il trailer, da solo, è già meglio del primo episodio.

  2. Sono uscito dalla sala più meno con le stesse sensazioni!

    La scena del pugno all’alieno gigante è fantastica, ma ho riso di più a ciò che accade dopo che Loki dice a Hulk qualcosa del tipo: “io sono una divinità, non subisco angherie da gente come voi” :-)

    p.s. se non hai visto i film di Iron man te li consiglio!

  3. Eh Roby, gli Iron man li voglio assoluamente recuperare anche io. Personaggio geniale.
    Però io adesso sogno un cinema in cui in qualunque contesto arriva Hulk in motocicletta dal niente e spacca tutto.
    “Puny God” miglior battuta ever.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.