13 febbraio, 2014

Lo sbaglio

Quella che sta succedendo in queste ore, a parer mio, è una cosa brutta. Per il Paese, dico. Le ragioni politiche alla base della mia affermazione in questo momento mi risultano ovvie e non ho voglia di stare a parlarne. Poi magari con l’andare del post verranno pure fuori, non posso garantire. Tanto qui ognuno fa quel cazzo che gli pare quando gli pare. Sta a vedere che devo essere io a mantenere coerenza in un blog che nessuno legge e che io stesso ormai ignoro spesso e volentieri.
Qui vorrei parlare di perché sia una cosa brutta per me.
In primo luogo mi sento tradito ed è una cosa che non fa mai piacere. Mai. Però ci sono delle sfumature.
C’è la tipa con cui non avresti mai pensato di uscire e che, invece, decide di accettare di stare con te. Per un po’, fino a quando non rinsavisce e ti pianta per uno meglio. In quel caso è ovvio che tiri il culo, ma a pensarci, sarebbe buona cosa ringraziare per quel che s’è avuto e tirare avanti.
Non è questo il caso.
Qui è proprio tutto un altro scenario.
Sei stato tradito da quella con cui ti sei messo essenzialmente per non stare più da solo. Manco ti piaceva davvero, non del tutto intendo, ma vedevi in lei la possibilità di cambiamento che la tua vita attendeva da un po’. Non sarebbe stato per sempre, ma pensavi saresti stato tu a decidere per quanto. Cazzo, era lei ad aver bisogno di te, porca puttana, non il contrario. Bam. Cornuto e maziato da una per cui, a dirla tutta, i tuoi amici ti pigliavano pure per il culo.
Parentesi.
Tutti bravissimi, tutti che l’avevano detto, tutti che sapevano tutto. Però ecco, sono anche sempre un po’ quelli che parlano male di qualunque tua morosa: la scassacazzi, la bruttina, la puttanella, l’antipatica. Che prima o poi ci prendano, se vogliamo, è statistica.
Chiusa parentesi.
E chiusa pure la metafora, direi.
Io quel che sta facendo Matteo Renzi non lo capisco. Una delle ragioni per cui gli avevo creduto, e ci avevo creduto, era che fosse l’unico in grado di dare un taglio alla vecchia concezione politica del PD. Sia come establishment, che pure come vocazione autolesionista.
E invece eccolo pronto ad inchiodare il coperchio della bara. Da dentro, però, una roba che manco Houdini.
La cosa che mi fa incazzare più di tutto, però, è che l’uomo che mi aveva rimesso voglia di andare a votare PD poi non me lo faccia fare. Cristo, se ci penso do davvero di matto.
DOVEVI ESSERE QUELLO CHE, FINALMENTE, VOTAVO CONTENTO. CONVINTO.
Votare per e non contro.
Te lo ricordi il programma?
Vincere. Governare. Cambiare le cose.
In quest’ordine.
Vabbè, non c’è molto altro da dire. Come capitatomi già mille altre volte, eccomi al momento in cui “basta, mi avete rotto il cazzo. Andatevene affanculo e non venite più a chiedermi il voto, merde!”. In questo momento, come ovvio, mi pare che la frattura tra me e il PD (e di conseguenza tra me e il Paese) sia incurabile. Le cose potrebbero cambiare, in futuro, ma anche no. Non saprei. Di certo, io, se per un qualche errore di calcolo il governo Renzi non avesse i numeri e cadesse dopodomani, a votare non ci andrei.
Manco se mi venissero a prendere a casa.
Poi oh, magari governa tre anni e fa un sacco di cose fighissime.
Però dubito, perchè è una maggioranza del cazzo, composta da gente del cazzo, che inchioderà di nuovo il Paese all’immobilismo fino al 2018, quando potremo finalmente avere una sana campagna elettorale con protagonista Berlusconi, per allora ormai fuori dai problemi giudiziari e libero di ricatapultarci per l’ennesima volta nello stesso squallido teatrino. Che noi a certe cose ci teniamo, sia mai.
Matteo, vacca troia, potevamo farcela.
E invece te ne esci a ridefinire LO SBAGLIO.
Dio, che nervi.

Lo so che qualcuno leggendo il parallelismo di cui sopra potrebbe pensare cose tipo: “Si vabbè, ma che tristezza. Che mancanza di autostima. Chi si infilerebbe in relazioni di quel tipo?”.
Tutti.
Pure tu.
Fattene una ragione, è molto più onesto.
Così non fosse, come riconosceremmo le relazioni buone?

6:43 pm

8 Commenti. Scrivi!

  1. Ze ha detto:

    No dai non é vero che non ti legge nessuno…

    14 febbraio 2014 alle 12:22 am

  2. il po' ha detto:

    Confermo, non é vero ;-)

    14 febbraio 2014 alle 5:56 am

  3. Manq ha detto:

    Vi voglio bene. :D

    14 febbraio 2014 alle 9:14 am

  4. Sam ha detto:

    Appunto, a parte che qui ti si legge in un botto di gente, ma… Pur condividendo quel che dici (geniale la metafora della tipa con cui stai “un po’ così per” e poi ti molla lei :-D ) propongo una sana, vecchia analisi politica:

    – Il governo Letta fa(ceva) cacare.
    – Renzi ha conquistato il podio come “uomo politico dell’anno”, quindi scalpita nel box.
    – Sa che se si andasse ad elezioni, o si cuce addosso una legge elettorale da far uscire il sangue dagli occhi, o con il M5S tra i coglioni non si può fare altra maggioranza che insieme a FI.

    Domanda: ma perchè andare ad elezioni, rischiare che magari succedere qualche disastro (tipo che magari FI e M5S prendono più del PD) per poi ritrovarsi – ben che vada – nella stessa situazione di adesso? Per dare il contentino alla gente che così è felice perchè può votare?

    E’ logicissimo che invece approfitti del momento attuale: nessuna personalità ingombrante al governo, quel pupattolo tenerone di Alfano che conciliante è dir poco (dal basso dei suoi 3-4 punticini %), il supporto di Napolitano che ha pure iniziato timidamente a dire all’Europa “un pochino avete scassat’ u cazz”, Silvio in prigione per un giro, l’ultima (latest, latest!) onda di depressione economica appena passata, la primavera alle porte (che si sa che quando l’Italiano Medio può ricominciare ad andare al mare la domenica tutto sembra migliore)… per me ha semplicemente fatto quel che era ovvio.

    Interessante è ora vedere cosa accadrà. La mia previsione è che spakkerà il kulo ai passeri in volo, cambiando drasticamente velocità, intervenendo finalmente sull’iniquità sociale, lottando contro la corruzione e le mafie e riportando l’Italia al centro dello scacchiere mediterraneo.

    No dai, stavo scherzando.

    Francamente credo che non cambierà un cazzo di niente, che infilerà parenti e amici nella P.A. (avete fatto caso che in primavera ci saranno da rinnovare le nomine ad un tot di enti pubblici?), inciucerà con Cani&Porci tergiversando sull’ennesima Rivoluzione Liberale ™ fino al 2018, quando a malincuore scaricherà le responsabilità del nulla di fatto su Alfano e le opposizioni. Gli Italiani Medi capiranno e torneranno a votare PD perchè… boh, lo faranno e basta, e la ruota farà un altro giro.

    Senza di me che nel frattempo spero avrò trovato un altro paese in cui stare.

    14 febbraio 2014 alle 11:12 am

  5. Manq ha detto:

    Parlando di analisi politiche, per me ha fatto una cazzata.
    Se l’ha fatta per paura, come sostieni, è ancora peggio.
    Sarò un romantico, ma credevo davvero che andando a votare avrebbe preso i voti del PD e rubato tanti voti sia a dx che al M5S (che, per quanto ne capisco io, se si andasse a votare prenderebbe a malapena la metà dei voti dello scorso giro. Ovvero quelli dei reali sostenitori, ma non quelli di protesta che ha raccattato la volta scorsa. Imho.).
    Quindi boh, io credevo che ci fosse la possibilità di correre, vincere e governare. Con una maggioranza vera e stabile.
    O, quantomeno, che avremmo provato a farlo.
    Per una volta l’idea sarebbe stata fare le cose per bene.
    Così invece è l’ennesimo casino made in PD e non porterà a nulla perchè come dicevo governare così è come non governare. E allora sì che, alle prossime elezioni, si sarà bruciato. Perchè l’unica cosa che a Renzi non è tanto chiara è che lui può tentare di essere Berlusconi, ma il suo elettorato non è quello di Berlusconi.
    A sinistra (?!?) nessuno lo voterebbe vent’anni. Se vedi, gli unici dinosauri del PD son quelli che non si sono mai candidati in prima persona.
    Dio, che merda.

    PS: Grazie anche a te eh, siete un pubblico bellissimo. :D

    14 febbraio 2014 alle 2:03 pm

  6. il po' ha detto:

    mi spiace, non sono d’accordo con le aspettative che nutrivi. e questo non per fare quello che critica sempre la tua fidanzata (anche perchè torni sempre con la stessa). innanzitutto non condivido tutto questo ambaradan… ieri c’era letta e oggi renzi… francamente che cosa cambia nelle nostre vite? zero. Con letta e con renzi ci sono al 90% le stesse persone che c’erano in parlamento cinque, dicei, vent’anni fa. e che ci saranno con ogni probabilità tra dieci anni. Grillo non dice niente di sensazionale affermando che pd e pdl sono pressochè uguali, è sotto gli occhi di tutti che esista un monopartito che persegue con pervicacia nelle stesse (non) politiche da vent’anni. L’elettorato pd ha solamente una grande arma in più rispetto ai dirimpettai di centro destra; la capacità soprannaturale di autoconvincersi di volta in volta che i loro fallimenti siano imputabili a silvio, agli astri, alla sfiga, a Belen o agli italiani che non capiscono. Sono elettori (spero di non offendere nessuno) identici a quelli pdl. Sono tifosi del proprio partito e nella buo…ehm.. nella media e nella cattiva sorte il voto glielo daranno sempre. Per questo ormai non ci credo più che votino (gran parte di loro, almeno) diversamente. In italia si vota per abitudine.
    Vi potrà non piacere, ma il (per gli altri) popolo bue della lega ha dato ampia dimostrazione di essere l’elettorato più serio. Aveva circa il 10-11%, sono arrivati gli scandali (non certo più gravi degli altri partiti, eh) ed è passata a nemmeno il 4%. Resta anche loro un esiguo numero di tifosi supporter che berranno l’acqua del po’… amen.
    Per il pd (e pdl) questo popolo bue è un 25% (venticinque) di forza votante che sono pronto a scommetterci, anche alle prossime elezioni il voto glielo darà a scatola chiusa. E allora di cosa siamo qui a parlare…

    Renzi in principio non mi dispiaceva nemmeno; non gli avrei dato il voto ma nemmeno avrei visto con sguardo malevolo una sua elezione. ma da tempo mi sono convinto che venderebbe chiunque per arrivare dove vuole. Il nuovo? A me sembra D’alema fatto e finito.

    Perciò manq, sebbene sia certo che il tuo (eventuale) prossimo voto sarà frutto di accurate elaborazioni, non ripongo al stessa fiducia nella stragrande maggioranza degli elettori. Perciò tutto sto trambusto mi sfiora appena. Non sta cambiando niente. Continueremo a prenderlo in culo. E a dire che gli altri sono i colpevoli, che sì, sono stati fatti errori ma adesso è diverso, e comunque se non lo dai a loro a chi lo dai?

    non ho cazzi di rileggere, spero sia leggibile :-)
    magari domani ne parliamo un po’ se ti va

    su con la vita! non cambia nulla!

    P.s. Tutti i delinquenti d’italia piangeranno per Letta. era difficile superare governi precedenti, ma questo governo verrà ricordato solo per gli svuotacarceri che ha attuato con cadenza quasi settimanale.

    14 febbraio 2014 alle 2:48 pm

  7. Manq ha detto:

    Invece io non sono d’accordo.
    Se si fosse andati a votare e Renzi avesse fatto quel che prometteva, i margini per cambiare (sicuramente il partito, magari pure un pochino del paese) c’erano.
    Questa cosa vanifica tutto.
    Io ho votato PD spesso, anche contro voglia, ma non sempre.
    Son state tante le volte in cui non li ho votati, anche se questo voleva dire non votare niente e annullare la scheda. E posso tornare a farlo.
    Ma per me i margini per innovare c’erano, per quello sono incazzato.
    Invece con questa mossa non cambia davvero nulla.
    Per me eh.

    14 febbraio 2014 alle 3:47 pm

  8. Ze ha detto:

    Non torno a ripetere le mie posizioni, anche perchè non sono molto distante da come la pensano gli altri qui sopra (ciao a tutti tra l’altro).
    L’unico commento su Renzi che mi permetto è questo film, da vedere per intero: http://youtube.com/playlist?list=PLcdpZgSXYQLw1COejhBAPioeuQqNcLSzz

    15 febbraio 2014 alle 1:06 pm

Lascia un commento


Sviluppato su WordPress
Creative Commons License
Manq by Giuseppe Mancuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.