True lies

Le relazioni tra teenagers dei telefilm americani non sono frutto dell’invenzione. Esistono.
Apprenderlo è uno shock cui difficilmente ci si abitua. Io, personalmente, non ne sono in grado ed ogni volta che qualcuno dei miei amici me lo riporta alla mente non posso esimermi dal fermarmi a rifletterci sopra. Anche alle 3.00. Le mie “storie”, che siano queste intese come rapporti di amicizia o di affetto, tendenzialmente sono banalmente lineari. Ho i miei alti e bassi, certo, ma non so come mai non riesco ad infilarmi in storie complicate. Eppure di esempi da emulare in compagnia ce ne sarebbero a iosa. Tizio sta con Caia, ma in realtà ne vuole da Sempronia; Mimì si prende bene per Cocò che lo illude nonostante la sua relazione con Cacamucazzo; Gianni è innamorato di Pinotta, che contraccambia, ma ciò nonostante quando stanno assieme non fanno che litigare. Reali o immaginarie che siano, queste sono situazioni che mi vengono settimanalmente all’orecchio e, quale che sia veritiera delle due ipotesi, c’è gente che ci sta male.
Questo mi dispiace.
Io, dal canto mio, mi tengo stretto la mia banalissima, linearissima e bellissima storia con Bri, sperando che resti tale più a lungo possibile. Oltre a questo, mi fa piacere che le persone che mi stanno intorno si rivolgano a me se hanno bisogno di parlare. Spesso provo anche a dar loro il consiglio facile tipico dell’esterno alla vicenda. Ad essere totalmente schietto, le vicende intricate dei miei amici mi appassionano e, una volta saputo l’incipit, non posso fare a meno di seguirle con morbosa curiosità. Ammetto persino di lasciarmi andare a dei pronostici, di tanto in tanto.
Non so se esiste il maschile di “pettegola”, ipotizzandone uno e volendolo usare per definirmi, direi “pettegola in grado di guidare”.

Pensieri utili a distogliere altri pensieri.

Sono qui di fronte al PC. Seduto.
Musica in sottofondo e fame. Molta molta fame. Di solito per quest’ora ho già mangiato e non averne ancora avuto la possibilità mi sta logorando. Per di più il parto del risotto da parte del cuoco di casa è già in travaglio aperto e l’odore di soffritto sta riempiendo la casa e le mie narici. La situazione sta diventando via via insostenibile.
Provo a pensare ad altro. Niente. Non è come quando vorresti distogliere l’attenzione da una cosa, che subito ti si imprime a fuoco nella mente. Il proverbio recita “La lingua batte dove il dente duole” ed è tanto vero quanto cinico nel suo messaggio. Niente spazio per l’ottimismo. La lingua batterà sul molare infiammato comunque, a prescindere ta tutto. E’ il destino immutabile che governa un po’ tutto ciò che ci circonda. Pensandoci, chi ha scritto i proverbi non ha fatto altro che descrivere la realtà per com’è. Pensandoci bene, è tutt’altro che facile fare un’analisi del genere. Tutto appare, in un modo o nell’altro, per come vogliamo vederlo. Solo a volte la nostra volontà coincide con la reale immagine di ciò che stiamo analizzando. In quel caso credo si possa parlare di fortuna.
“Sei cinico”.
Questo è quello che di solito viene detto a chi ha una percezione non distorta della realtà. Spesso questo è recepito come fosse un insulto, dev’essere una questione culturale. Credo sia colpa della TV che ogni giorno prova a convincermi che, alla fine, andrà tutto bene. In realtà, tutto andrà semplicemente come deve andare. Questo vuol dire bene per alcuni e male per altri. Purtroppo i primi non sempre sono i buoni. La cosa ancora più aberrante è che i secondi non sempre sono i cattivi. Non voglio soffermarmi sul perchè la Tv cerchi costantemente di illudermi. Magari lo fa perchè chi ci lavora non è cinico e vede realmente la realtà in quel modo. Magari perchè pensare che “andrà tutto bene” può evitare che una persona che fatica ad arrivare alla fine del mese manifesti le sue perplessità, magari assieme a tutte le altre persone come lei. Non lo so. Io una mia idea ce l’ho ma può benissimo essere che sia solo una mia figurazione della realtà. In fin dei conti io non sono cinico, non quanto vorrei.
Come adesso c’è la TV, una volta c’erano altre cose e in futuro ce ne saranno altre ancora. Credo che l’uomo non si arrenderà mai al cinismo e vorrà sempre qualcuno che gli dica “andrà tutto bene”. La bambagia dell’ottimismo, è innegabile, a volte aiuta. Siamo tutti uguali da questo punto di vista. Tutti tranne gli inventori dei proverbi. Loro forse erano alieni.
E’ pronto il risotto.
Vado a mangiare.

Adoro l’odore del caffè di prima mattina. Profuma di vittoria…

Capita, a volte, che il lavoro possa dare soddisfazione.
Non succede spessissimo e questo forse è un bene. Solo così se ne gode appieno quando capita.
Tra ieri e oggi, è capitato.
Riunione con i laboratori. Tavolata in mogano che ospita Dottori, Avvocati e personalità di spicco.
Il mio posto è su una sediola azzurra, di quelle col bracciolo/scrittoio tipiche dell’aula congressi o dell’aula catechismo. Considerazione iniziale nei miei confronti pari a quella del cestino dell’immondizia, col cesto in leggero vantaggio per via dei bicchierini da caffè che i presenti devono far sparire. Inizia così la discussione su temi di varia natura e di interesse nullo per la mia persona. Dentro di me penso che potevo evitare di uscire di corsa da casa per arrivare in orario ad una riunione per la quale sono stato avvisato solo due ore prima.
Metaforicamente le riunioni possono essere ben rappresentate da una spiaggia su cui i partecipanti giocano a schiaccia sette palleggiandosi i problemi l’uno con l’altro. Per vincere puoi scegliere se schivare i colpi o prendere la palla al volo ed eliminare chi te l’ha tirata.
Vuoi per la vena polemica che mi pervade in questi giorni, dovuta a tutt’altra situazione, vuoi per dare un senso alla mia presenza li, ho scelto la seconda tattica.
Non appena, come solitamente accade, viene tirato in ballo il lavoro di noi “impiegatucoli” a motivare i problemi dell’ospedale ho alzato la mano.
Stupore generale.
Il mio capo, che ieri mi aveva scelto come consulente per pianificare la strategia di battaglia (inutile chiarire ulteriormente come si tratti di una guerra tra reparti che non vogliono collaborare) decide di darmi la parola.
Con un breve intervento coadiuvato da prove cartacee, dimostro la perfezione del mio operato e la totale falla in quello dei laboratori.
Sempre metaforicamente parlando mi sono sentito un incrocio tra Perry Mason dopo una causa stravinta e Jo Allembak* che balla la giga sui riflettori del L.A. Coliseum.
A fine riunione c’erano dottori che mi chiedevano consigli per venire incontro al mio reparto, che mi pregavano di dar loro del tu e che, ovviamente, dicevano che la colpa era degli altri dottori.
Sebbene domani si comporteranno come se nulla fosse accaduto e continueranno a fare i comodi loro, oggi ho vinto io.
Bruce Willis
* Il mio mito cinematografico di sempre

Oggi

Finito!
Con la full immersion di ieri, in cui ho letto circa 300 pagine, sono finalmente giunto all’epilogo di “Io uccido…”. Qualche commento. Innanzi tutto devo dire che è un buon libro, sicuramente non il migliore che abbia mai letto, ma più che discreto. La storia è bella, affascinante, sufficientemente intricata, ma non per questo incomprensibile. Ci sono, a parer mio, alcune notevoli incongruenze e il ragionamento che porta uno dei due detective alla soluzione è, per usare un’espressione figurata, un po’ “tirato per i capelli”, ma questo non pesa eccessivamente sull’economia della valutazione. Per la prima volta, leggendo un libro del genere, sono arrivato alla soluzione corretta molto prima che l’autore la svelasse. Non è quella che ho indicato su queste stesse pagine tempo fa, avevo letto veramente troppo poco per poterci arrivare allora, ma molte delle congetture che avevo fatto erano corrette e ci è voluto solo qualche capitolo in più per arrivare al nome esatto tramite il metodo dell’esclusione. Poche sono le regole in un thriller, per quel che mi riguarda, ma la principale è che il colpevole deve essere un personaggio noto fin dal principio se si vuole ottenere il “colpo di scena”. Per questo l’autore deve essere bravo nel dipingerlo come insospettabile e totalmente non sovrapponibile alla figura del killer. Faletti invece ha dato, secondo me, indizi troppo marcati fin da subito e quindi arrivarci è stato piuttosto elementare. Forse dipende solo dal fatto che la mia mente è propensa a fare gli stessi passaggi logici di quella dell’autore e quindi la mia intuizione è solo dovuta ad uno stile di ragionamento fortuitamente corretto per questo libro. Come controprova mi piacerebbe leggere il suo secondo lavoro, ma anche parlare con qualcuno che abbia letto “Io uccido…” per vedere se ha avuto le mie stesse impressioni.
Oggi è San Valentino. Non ho mai espresso alcun giudizio su questa festività. Non sono di quelli che la sentono propria, ma nemmeno di quelli che la schifano perchè figlia del consumismo. Sono di quelli che la ignorano. Probabilmente se stessi con una ragazza che ci tiene presterei alla cosa maggiore attenzione, non essendo così posso godermi la comodità di dire “chissenefrega”. L’unica cosa che mi piacerebbe fare è assaggiare i nuovi cioccolatini Magnum, quelli la cui pubblicità onnipresente mi ha stregato. Vodka e arancia in TV, fragola e marc de champagne (che poi chissà cos’è) sui cartelloni che tappezzano Milano. Saranno buoni? Sicuramente sono intriganti, ma questo credo sia un merito da imputare più ai responsabili marketing che ai pasticceri.
Intanto, mentre il mondo festeggia gli innamorati, la mia compagnia continua a dare origine a tresche maliziose e intrighi allucinati degni del miglior David Lynch. A vedere ciò che accade quotidianamente “alla panca” si direbbe sia vero il detto secondo cui l’amore si presenta sotto forme sempre diverse.
Ma non era il Diavolo a farlo?
Non che ci sia differenza…

Listening to the wind of change…

In camera mia ha fatto irruzione una ventata di cambiamento.
Via la tv, via il mio vecchio monitor 15″ Sony (datato 1994), via i cavi a vista. Tutto riarredato e riarrangiato in modo da avere televisione e PC fusi in un unico apparecchio totipotente. Per realizzare questa opera omnia è stato necessario fare dei piccoli ed oculati acquisti. In primis un nuovo monitor. Via libera alla tecnologia e quindi ecco fare la sua comparsa un Benq LCD da 17″. Bello, riposante per la vista, ma soprattutto enorme. Lui è indubbiamente la guest star della lista di innovazioni che ho apportato. Sue colleghe sono la scheda TV Tuner, una scheda video “nuova” e una tastiera che sostituisca quella che ho spaccato ieri. Ho volutamente virgolettato l’aggettivo nuova riferito alla scheda video perchè si tratta di un modello piuttosto vecchio che però è comunque tutt’altra cosa rispetto a ciò che ho ora. Ringrazio Max, il mio tecnico di fiducia, che ha reso possibile il tutto.
Questa brezza però non si è accontentata di rivoluzionare unicamente il mio personal computer, ha aggredito anche la mia libreria. Eliminata la televisione posta un tempo alla base del mobile, lo stereo ha fatto prepotente richiesta per usucapirne la postazione. Sfortuna vuole che per una questione prettamente legata alla lunghezza dei cavi, questo non fosse possibile. Primi momenti di panico, poi mio padre ha preso in mano la situazione e, soprattutto, il suo trapano. Con una serie di buchi ben piazzati e un’opera mirata di tassellaggio sono state modificate le altezze dei ripiani della libreria e sono stati creati canalini per i cavi dello stereo che ora staziona fiero sulla seconda mensola. Orgogliosi abbiamo ammirato il nostro lavoro.
Resta ora da concludere il tutto con le operazioni più monotone, ovvero pulire laddove si è sporcato, ma lo si farà felici di aver ottenuto un buon risultato.
La mia televisioncina è stata presa dai miei, la terranno in camera loro, mentre il mio vecchio e glorioso monitor è partito alla volta del mercatino dell’usato.
E’ uno strano posto il mercato dell’usato.
Appena si entra si ha come l’impressione di essere finiti in un luogo senza tempo. Il mix di oggetti vecchi e nuovi lo priva di qualsiasi possibile contestualizzazione in quest’ambito, lasciando nell’avventore un senso di smarrimento misto a stupore. Appena ripresomi dal torpore, la prima cosa che ho pensato è che i VIP, quelli che si arredano le case in stile “Vintage”, quelli delle “Concept House”, probabilmente pagano l’arredamento di una villa a sei piani meno di quanto abbia speso io per risistemare camera mia.
Ho pensato fosse ingiusto.
Poi ho pensato che erano semplicemente più furbi di me.
Infine ho capito che loro possono arredare una casa in stile “Vintage” mentre io posso tutalpiù arredarla in stile “Trash/Pezzente”, pur facendo all’atto pratico la stessa cosa.
In fin dei conti, se loro sono VIP, un motivo ci sarà. Mi accontento di avere una camera normale, al passo con i tempi ma non schiava della modernità. Se poi dovesse capitare di diventare io stesso un VIP posso sempre dire che il Galeone dei Pirati della Lego che ho sull’ultima mensola è molto “Vintage”.
In realtà è semplicemente un ricordo d’infanzia.

Pari. Dispari. Bim, bum, bam!

Oggi era giornata a targhe alterne. Via libera ai “pari”.
Potevano quindi circolare solo le auto la cui cifra finale della targa era un multiplo di 2. Fiko.
Non tanto perchè io sia particolarmente interessato alla precipitazione del livello delle polveri sottili in Milano ed interland, quanto perchè oggi sono potuto andare al lavoro con la mia Yaris*. Non vado mai al lavoro in macchina per una serie di motivi: a traffico e carenza di parcheggio si contrappone una grande comodità dei mezzi che mi portano da Cologno Nord a Piazza Piola in una ventina di minuti. Il gioco, solitamente, non vale la candela. Oggi però era diverso. Oggi contavo sul fatto che le macchine in giro sarebbero state grossomodo la metà. Mi sentivo pronto a rischiare. Ho avuto ragione. 10 minuti, neanche il tempo di apprezzare il cd dei BoySetsFire che avevo scelto per il viaggio, e sono arrivato al Besta. Traffico inesistente. Buono. Rimaneva l’incognita posto auto, ma è stato subito trionfo anche da quel punto di vista visto che il parcheggio davanti all’ingresso dell’ospedale era deserto.
Se fosse per me farei targhe alterne a vita, così per la metà dei giorni della settimana potrei andare al lavoro in macchina invece di usare la metropolitana. Non so se il mio spirito è quello giusto, probabilmente no, però tant’è.
Guidare mi piace assai. E’ uno dei momenti che una persona ha per stare un po’ con se stessa. Musica in sottofondo e mente libera. Lo trovo proprio rilassante. Tra le altre cose essere in macchina da solo ti da la possibilità anche di divertirti un po’ al volante, senza che il/la rompimaroni di turno ti facciano rimpiangere, ad ogni metro, di averli fatti salire.
Ieri sera io e Simo siamo usciti con Mauro e Francesco, due ragazzi che ho conosciuto tramite l’SdG Arena e che adesso posso definire senza dubbio amici. L’obbiettivo della serata era avere delle dritte sul nostro viaggio in Scozia. Entrambi infatti ci sono già stati e speravamo potessero consigliarci mete e posti per dormire. Di fronte ad una buona media di Kilkenny Cream del “Tyr Na Nog” la serata è trascorsa piacevolmente e le nostre guide, che colgo l’occasione per ringraziare, si sono rivelate utilissime fornendoci anche più indicazioni di quanto pensassimo.
Stasera esco con Aui, domani non lavoro.
Wow.
Non è la mia, ma le somiglia
* Foto non conforme all’originale. L’originale è assai meglio.

Anonymous said…

Il mondo è bello perchè è vario.
Questa peculiarità fa si che capiti di venire in contatto con ogni tipologia di persona, anche la più differente da se stessi. Un esempio pratico di ciò che intendo è fornito dai commenti a questo blog. Quando l’ho aperto avevo dentro di me stabilito che, se mai qualcuno avesse commentato il mio scritto, io non avrei risposto. Non mi andava, nè mi va tutt’ora, di dare il via a dialoghi di alcun genere all’interno di queste pagine. Non è la sede per farli. E’ molto bello però che qualcuno commenti e quindi avevo anche deciso di lasciare questa possibilità a tutti, iscritti e non, in modo che anche chi si trovasse per caso a navigare su queste pagine potesse lasciare un segno del suo passaggio. Nessuno di questi segni sarà da me mai cancellato perchè, come il blog per me, voglio che siano una possibilità di espressione senza limiti per chi si interessa alla mia vita.
La zona “commenti” è quindi da vedersi come fossero i tavoli e le pareti di quei locali dove chi vuole può lasciare una traccia del suo passaggio. Dal classico “Tizio è stato qui” ai più elaborati messaggi personali.
Per questo motivo non capisco chi lascia qualcosa detto, ma non si firma. E’ proprio contro la mia idea di espressione. Non riesco a concepirlo. Come si può prendere in considerazione un’idea, positiva o negativa che sia, se l’autore o l’autrice non la sentono propria al punto di firmarla? In tutto quello che faccio io ho sempre messo la mia faccia, mi sono sempre esposto in prima persona, accettando ciò che di bene e di male ricavavo dalle mie azioni. Solo se dicessi cose in cui non credo avrei difficoltà ad espormi personalmente e sceglierei l’anonimato. Però non riesco a capire perchè un individuo debba esprimere concetti da cui non si sente rappresentato. Lo trovo assurdo. Mi piacerebbe poterlo comprendere o che un giorno qualcuno me lo spiegasse. Magari capirei ciò che ora mi lascia attonito.
Ho voglia di pizza.

Italicus amarcord

Oggi sono proiettato nel passato.
La mia giornata ha avuto come sottofondo incessante “Primavera 99” dei Mach5. Ultimamente sto provando, senza troppo successo in realtà, a trasformare in formato multimediale i vecchi demotape che ho in casa. Riascoltarli è come aprire un vecchio album di fotografie. Mille ricordi tornano alla mente, ricordi di quando ero giovane. Mentalmente intendo. Le serate all’Arci di Arcore, Baffo Moretti e il divertimento facile. Senza pretese. L’altro giorno con Fabri e Fabio ci siamo messi a ricordare un po’ di personaggi dell’epoca che non vediamo da chissà quanto. Ne sono usciti nomi veramente importanti. Fabio Piercing, Ale “Niceman” Doni, Lore, il Bani, la Meggie, Sbiru e chissà quanti altri che ora non ho voglia di scrivere. Tutta gente simpatica, non amici, ma persone con cui si passava volentieri la serata in attesa del concerto delle “Gambe di Burro”, dei “Murder, We Wrote” o degli “Abbiokko”. Decisamente bei tempi.

“Lo sai che mi si è infiltrato un Marziano nel cervello e son felice perchè
Mi racconta barzellette giorno e notte e mi fa morire dal ridere.
Oh oh oiè
Adesso lo sai, perchè io rido fissando il soffitto
Adesso lo sai, con chi è che parlo guardando per aria
E’ bello avere un amico così
Io ho un marziano per amico (e tu no!)”

GAMBEdiBURRO – Marziano (BabbazBabbazBabbaz 1997)

Noia

14.41
Sono in ufficio. Niente da fare. I laboratori si ostinano a non far pervenire il materiale che mi serve per ultimare il mio lavoro. L’ultimo sollecito ha avuto come unico risultato l’ aver fatto alterare l’arrogante di turno, una di quelle dottoresse convinte di non doversi abbassare ad aiutare noi comuni impiegati perchè è troppo impegnata a salvare il mondo. Se c’è una cosa che questo lavoro mi ha insegnato è che, se mai sarò dottore, non dovrò assolutamente diventare come loro. Non credo che lo sarei stato a prescindere, perchè non è nella mia natura non rispettare il prossimo, tuttavia questa esperienza ha allontanato anche la più remota possibilità, frutto della sovrastima che un eventuale laurea può portare con se. E’ proprio vero che vivere “dall’altro lato della barricata” può aprirti gli occhi.
14.53
Il tempo non passa veramente più. Il mio capo non c’è, è malato. Anna, la collega per cui lavoro, sta poco bene e forse se ne andrà via anche lei. Io continuo a non avere nulla da fare. Due parole in ICQ con Missa riempiono a malapena 30 secondi di questo pomeriggio. La prospettiva di una partita a Spider (ovviamente livello hard) incombe. Sto diventando un mago a quel solitario.
Anna mi chiede se le vado a prendere un caffè con cioccolata alle macchinette del primo piano. Un diversivo. Accetto.
15.04
Eccomi di ritorno. Eccomi GIA’ di ritorno. Questo pomeriggio è ufficialmente buttato. Avrei potuto spenderlo studiando Fisiologia (il libro dovrebbe essermi arrivato proprio oggi), o leggendo il libro “Io Uccido…” di Faletti. L’ho iniziato sabato e sono ancora alle prime pagine. Il suo modo di scrivere non mi entusiasma, ma per il momento ci sono delle buone trovate. Mi è piaciuto molto il fatto che abbia descritto la quotidianità delle prime due vittime, prima di descriverne l’uccisione. Questo le ha rese più vicine al lettore, innescando un meccanismo di dispiacere che solitamente in queste circostanze narrative manca. Di solito le vittime, almeno le prime, sono comparse prive di qualsiasi battuta. Hanno l’unico scopo di evidenziare la presunta perfezione nell’agire del killer e quindi la loro morte non lascia strascichi emozionali nel lettore. Qui invece lo scrittore mi ci ha fatto affezionare quel tanto che basta per accendere la speranza vana che non morissero e per compiangerne la scomparsa. Scelta intelligente, a mio avviso.
Ho un sospetto su chi possa essere l’assassino. E’ probabilmente del tutto infondato e frutto della mia fantasia, visto che ho letto si e no otto dei più di sessanta capitoli del best seller, tuttavia voglio annotarmelo. Per me il colpevole è Pierrot. A farmelo sospettare sono una serie smodata di congetture, tra cui il suo nome collegato al fatto che i capitoli in cui agisce il killer siano intitolati “carnevale”. Più avanti, a fine libro, scoprirò se avevo ragione.
15.33