Tempi maturi

Eccomi qui.
Ultimamente non ho un minuto libero tra studio, lavoro ed impegni vari. Viene da se che la prima attività ad aver subito gli effetti negativi di questa situazione è stata, mio malgrado, la stesura del blog. Mi piacerebbe poter dedicare alla scrittura un tempo maggiore, ma al momento la cosa è impossibile e ciò mi rattrista un bel po’.
Adesso però vediamo di scrivere qualcosa che non suoni come una lagna.
Il mio contratto con l’Istituto Neurologico Besta sta per terminare. Un anno è passato piuttosto in fretta e la prima cosa che mi viene in mente pensandoci è che si avvicina il tempo della Tesi. Il mio progetto è di entrarci per Settembre e proprio oggi ho mandato la prima di una serie di e-mail al primo di una serie di laboratori. E’ un laboratorio del Besta ed ho avuto modo di conoscere il tecnico che lo gestisce lavorando qui. Vedremo cosa mi farà sapere. Il mio problema è che non riesco a vedere la tesi imminente come è in realtà e questo perchè gli esami mi sembrano non finire mai. Non nego che col passare degli anni ho iniziato ad odiare il mio corso di laurea per una serie interminabile di motivi. In me non è cambiata la passione per le Biotecnologie, continuo ad esserne affascinato e continua a piacermi studiarle. I problemi sono altri, alcuni dipendenti da mie scelte sbagliate. In primis l’idea di rimanere al vecchio ordinamento si è rivelata un autogol. 30 esami, perloppiù divisi in moduli, da sostenere in 5 anni sono troppi. Almeno per me. Se ci si aggiunge che molti di questi accavallano grandi parti di programmi e alcuni sono esami molto poco attinenti con quello che alla fine andrò a fare, ecco che si capisce facilmente perchè la mia passione stia scemando. Dopo 5 anni dover ristudiare per l’ennesima volta la pompa Sodio/Potassio, i recettori canale e la struttura dei Neuroni credo sfinirebbe anche la Montalcini. Col senno di poi avrei forse dovuto scegliere il nuovo ordinamento e la branca Medica invece di quella Farmaceutica. Sarei stato probabilmente meno preparato, ma la cosa non credo avrebbe creato troppi problemi visto che ampio margine della mia preparazione sarà unicamente volta a mio piacere personale poichè non attinente a quello che farò nel mondo del lavoro. Sempre che io lo trovi un lavoro nel mio ambito di studio.
Se avessi fatto quella scelta ora sarei un Laureato Base sulla strada per la Laurea Specialistica. La differenza è enorme. Averi già conseguito un risultato, un punto di arrivo che si sarebbe trasformato in un nuovo punto di partenza. Così invece il traguardo appare sempre e comunque lontano, nonostante io proceda verso di lui. Per dirla in tre parole: mi sto sfinendo. Ad accrescere il rammarico si aggiunge il fatto che la mia scelta è stata influenzata anche (non solo, chiaramente, però sarebbe ipocrita dire che la cosa non abbia avuto un peso nella scelta) dall’idea di continuare a studiare con coloro che preferivo tra i miei compagni dei primi anni. Questo non perchè non li reputi più persone in gamba, quanto perchè alla fin della fiera con loro non ci ho più studiato salvo in casi eccezionali e quindi mi sono ritrovato comunque da solo. Non so bene come sia successa questa cosa, un po’ per scelte differenti all’inizio del terzo anno, un po’ per il lavoro più avanti, i nostri cammini non sono più sovrapponibili e ora li vedo e sento soltanto le rare volte che si tengono delle Esercitazioni Pratiche oppure le ancor più rare volte in cui riusciamo ad accordarci per uscire.
Pacco.
Vabbè, volevo scrivere qualcosa di bello ed invece mi sono lasciato andare alla depressione. Pazienza, sarà per la prossima volta, che sperò verrà presto.

In the pit

Ho deciso.
Il 19 Aprile andrò al C-Side di Milano a vedermi i Millencolin*. A pensarci ne ho già voglia adesso. L’ultima volta che sono stati in Italia dovevo andare a sentirli al forum con Roby, ma sono stato male la notte prima e quindi nisba. Poco male visto che Home From Home non mi era piaciuto granchè. Il povero Roby si era anche dovuto sbattere per cercare di vendere i biglietti visto che da solo non ci voleva andare. Buona idea, tra l’altro, perchè così sono rientrati gli euro spesi in vano. Ho sentito Kingwood, il nuovo album, e devo dire che mi piace, è nettamente più vicino ai Millencolin che preferisco. Ray, quello che dovrebbe essere il primo singolo, non è affatto male. Non nego che a spingermi ad andare però sia la voglia di sentirmi i pezzi di For Monkeys, Life on a Plate e Pennybridge Pioneers. Tutta roba datata, la migliore dal punto di vista affettivo.
Millencolin
*When I was a kid I thought that I could fly
threw myself out of a window, right out into the sky
now when I am older I know that I could die
die from a depression, I would learn my lesson well.

Life’s so normal, nothing’s shocking
Boring planet, cause no one here is rocking.
Life’s so tragic, nothing’s clocking
Boring planet cause no one here is rocking hard.

When I was a kid I thought that I was strong
the girls in school got beaten up by me every day long
now when I am older I know that it was wrong
to deal with girls in the first place, cause a broken heart is now the case
I’m broken hearted in disgrace.

It’s a boring planet, we’re just lying to ourselves.
It’s a boring planet, thanks to us and no one else.

Double faces

Oggi è stata una giornata a due facce.
E’ iniziata in circostanza spiacevoli, visto che sono dovuto andare al funerale della mamma di Anna, la mia collega. Non essendoci stato nè corteo fino in chiesa, nè corteo dalla chiesa al cimitero, il tutto si è ridotto alla funzione in parrocchia a Cologno. Erano anni che non assistevo ad una messa e la cosa mi ha lasciato un po’ perplesso. Forse perplesso non è nemmeno il termine giusto, direi pensieroso. La prima cosa a cui ho pensato è alla ritualità dei gesti e delle parole del sacerdote. Mi ha colpito come tutti ripetessero quelle cose in maniera seriale. Ho cercato di capire quanto lo facessero “usando la testa”, quanto quello non fosse una semplice routine. Ovviamente non ci sono riuscito, però tutto ha preso ai miei occhi le sembianze di una sorta di rito scaramantico di massa, di una superstizione collettiva. A quel punto non ho potuto fare a meno di pensare al mio essere ateo, alla mia razionalità estrema che, per definizione, esclude la possibilità dell’esistenza di un Dio artefice della mia esistenza. Non riuscivo a capire come gli altri potessero avere una certezza tanto salda in un qualcosa di assolutamente incerto. Ad un certo punto non nego di aver pensato che magari, quello in errore, potessi essere io. In effetti potrebbe essere che la mia certezza che Dio non esista sia unicamente dovuta alla mia arroganza e che, in realtà, il fatto che io non riesca a comprendere la fede non significhi che questa sia incomprensibile per tutti. E se fossi io a sbagliarmi? Possibile. Tuttavia mi sembra tutto unicamente un costrutto volto a dare risposte comode a domande scomode. Come ho detto forse è tutto dovuto al fatto che sono arrogante.
La seconda parte della giornata è stata invece molto più gioiosa. Molto è merito della grande partita dei ragazzi contro i Red Devils. L’ho vista al Libra con Simo e Fà e mi sono divertito parecchio. Credo sia la miglior prova del Milan, quest’anno.
Bene così.

Roulette russa

Domenica notte.
Domani si torna al lavoro e si affronterà una nuova settimana. Ho sonno. La TV manda uno dopo l’altro i video di Superock, sempre gli stessi tra l’altro. Mentre li guardo scorrere uno dietro l’altro intervallati dalla solita pubblicità, provo a scrivere qualche riga. La riflessione non può che colpire il week-end appena trascorso. Bello, meglio del solito. Forse perchè è stato un po’ diverso dal solito. Ieri sera sono stato ad una serata speciale di “Vampiri Live”, il GdR cui gioco un lunedì sera ogni due. E’ stato molto bello. Tanta gente, molta della quale non conoscevo, e tanta voglia di stare insieme divertendosi nei panni di personaggi del tutto immaginari. Chissà cosa direbbero a Studio Aperto se uno dei loro inviati capitasse ad una di queste serate. Immagino l’annuncio:
“Decine di giovani scellerati e turbati psicologicamente si riuniscono convinti di essere figli di Satana. Tutto questo, ripreso in diretta da uno dei nostri inviati, dopo la pubblicità. Ma ora torniamo al servizio sui reggiseni della Canalis…”
L’ignoranza è il cancro del nostro paese. Tornando all’analisi della serata, come dicevo è perfettamente riuscita e spero di poter entrare in possesso di qualche foto, così da poterne allegare a queste pagine. Hanno partecipato anche Ale, Bazzu e Max. Non so se si siano divertiti o meno, però sono venuti e hanno giocato, tirando fuori anche spunti interessanti. Personalmente mi sono piaciuti, non è facile immergersi con personalità in una situazione del genere, circondati da persone in costume e senza dubbio più “preparate” in ambito. Per una volta il sabato sera non è stato speso al tavolo del solito pub in compagnia della solita birra, da bere con le solite persone. Sicuramente molto del piacere che ho tratto dalla serata è dovuto alla novità della cosa, però è un’esperienza che ogni tanto ripeterei volentieri.
Prima e dopo il live sono stato con Ambra. Inutile dire che, di conseguenza, sono stato molto bene. Non passa minuto in cui stiamo insieme senza che io pensi a come diavolo ha fatto a ridurmi così. Sono totalmente perso. Faccio e dico cose che non avrei mai pensato di fare o dire e, cosa ancor più allarmante, sono iper felice di farle e dirle. Credo che sia così che funziona quando si è innamorati. La cosa un po’ mi imbarazza. Anche in questo momento, scrivere qui di lei mi fa sentire strano.
Vulnerabile.
Chissenefrega, con lei sono felice.
Superock è finito. Puntata quanto mai insulsa, piena di video osceni. Unica nota positiva “Leave it Alone” dei NOFX datato pre new millenium. Con lui è finita anche la Domenica ed è giunto il momento di concedersi al piumone. La speranza è che mi guidino verso il sonno pensieri felici e non menate pregne di insoddisfazione. Ciò che la mia vita ha di buono piuttosto che ciò che mi fa schifo. Chissà. Quello che mi passa per la testa quando sono da solo nel mio letto è imprevedibile e impronosticabile. E’ una sorta di roulette russa.

La neve

Sta nevicando.
I centimetri di neve stanno iniziando a diventare tanti e il panorama* è sempre più bianco. E’ divertente vedere come si possa essere affascinati da un fenomeno che provoca tanti disagi. A causa della neve io non sono potuto andare al lavoro e stasera forse non potrò andare da Ambra. Ci saremmo dovuti vedere solo Sabato prossimo, ma ieri al telefono ho realizzato di volerla incontrare prima. Tempo di disdire gli impegni presi per la serata e confermare a lei che sarei passato a trovarla, ed ecco la neve. Bella. Bianca. Rilassante ed emozionante come solo lei sa essere. Ed io sono alla finestra che la guardo scendere, tranquillo, incapace di innervosirmi per il dover rivedere tutti i miei programmi. Non c’è nulla di infido come la neve, nulla che ti pugnali col sorriso come fa lei.
La neve
* Foto scattata da Max. Mi piace parecchio.

F.O.D.

Sono atterrito.
In realtà dentro di me ci sono un mix di rabbia, nervosismo, delusione, tristezza e rimpianto. Penso siano momenti che capitano nella vita. Mi sento strano. Vorrei poter essere come quelle persone che quando vengono deluse da qualcuno sfogano su quel qualcuno tutto il nervosismo. Io non sono così. Io non sono capace di serbare rancore. Io discuto con la gente, anche animatamente, ma alla fine mi sento sempre un po’ in colpa. Anche se sono convinto di avere ragione, mi spiace perchè penso che il tutto si sarebbe potuto evitare. Magari se avessi lasciato correre, se avessi fatto buon viso a cattivo gioco, se non mi fossi lasciato andare alle provocazioni… Se, se, se. Sempre e solo se. Possibilità che non si avvereranno mai perchè io non sono capace di fare nessuna delle cose che ho precedentemente elencato.
Nessuna.
Mi reputo una persona buona, forse troppo buona. Buona non vuol dire fessa. Può sembrare banale, ma non lo è per nulla. Il mondo è pieno di gente che non conosce questa differenza e oltrepassa il limite. Quando capita non perdo un istante a rimettere il furbo di turno in riga. Non le ho mai mandate a dire, ho sempre difeso le mie idee e i miei principi mettendoci la faccia e prendendo le questioni di petto. Sono fiero di me per questa cosa, tuttavia dopo averlo fatto, quando resto da solo a ripensare all’accaduto, non c’è volta in cui io non mi rattristi.
Oggi è semplicemente una di quelle volte.

Green Day – Dookie, Traccia 14. To all this page is about…

The point

Può sembrare che io sia un uomo dalle promesse vane.
Mi ero proposto di sistemare il template del blog. Ci ho provato. Giuro. Alcune delle cose che ne sono uscite non erano nemmeno malaccio. Poi mi sono arenato.
Il grosso problema che mi sta frenando è la creazione del logo. Non riesco a produrne uno che mi aggradi totalmente. Il fatto di non essere assolutamente un abile grafico si sta facendo sentire più del previsto e la cosa mi indispone un po’. Non che il template di ora mi dispiaccia, anzi devo dire che lo trovo carino e che ormai è parte del blog da talmente tanto che non so più nemmeno se voglio realmente sostituirlo. Questo però sarebbe come ammettere la sconfitta subita dalla Computer Graphics e non è da me. Vedremo. Intanto ho aggiornato un po’ il mio profilo. Prima non conteneva nessuna informazione su di me, ma ora ho pensato che qualcosina andasse aggiunto per rendere il tutto, se possibile, ancora più personale.
Oggi sono piuttosto contento.
Non che sia successo niente di particolare, però è così e forse non è nemmeno il caso di cercare motivazioni a tutti i costi. Il Week End sta per iniziare e il fatto che vada tutto bene è un buon presupposto perchè tutto continui così. Oltre tutto un’accurata opera di documentazione ha fatto si che passasse la paranoia dovuta alla telefonata improvvisa di Bri Bri che ho ricevuto tornando dal lavoro. Adesso sono molto più preparato sulla pillola anticoncezionale, lo sono abbastanza da capire che dovrebbe essere tutto ok. Il condizionale è ancora d’obbligo, ma più che altro per motivi scaramantici.
A prescindere da questa circostanza, ma anche riflettendo su di essa, sto pian piano capendo di essere un tipo tragicamente paranoico. Non sto scherzando. Credo che il mio livello di paranoia possa essere definito come patologico senza cadere in errore. Me ne accorgo ogni giorno di più, mentre mi sorprendo a pensare ad eventualità pazzesche in virtù appunto di piccole paranoie di partenza che la mia fervida fantasia non perde occasione di ingigantire drasticamente. Credo che nella mia vita la figura di uno psicologo dovrebbe fare il suo ingresso. Non credo che ciò avverrà però, principalmente perchè non penso andrò mai dai miei a dire “Vorrei vedere uno psicologo”. Questo perchè credo mi porrebbero domande a cui non saprei rispondere. Mi sa tanto che anche l’idea di avere bisogno di uno psicologo è una mia paranoia.