Tag Archives: Manico

by

Mirtul, Giorno 20, 1370 CV

No comments yet

Categories: Il diario dei Crampi, Il diario di Aethimir, Il diario di Malcer, Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Zundaer: “Ok, ci siamo, siamo scesi all’ultimo livello di Hellgate Keep e abbiamo trovato il Demone Divoratore di Corpi. Mostra la mappa, Manico.”

Hellgate Keep – Sala del Trono (Piano -6)

Manico: “…”

Zundaer: “Grazie. Con lui c’è un mezzo esercito di Tanarukka ed è onestamente impossibile ucciderli tutti. Abbiamo raccolto nuovi scritti assurdi, ma ancora non è per nulla chiaro di cosa sia successo in questo stramaledetto posto e cosa ci faccia qui il demone. Per quanto mi riguarda però, non è nulla che mi interessi approfondire.”

Grover: “Ce ne andiamo, quindi?”

Zundaer: “Sì. Abbiamo trovato l’oggetto per Bly, abbiamo recuperato il tizio che cercava Malcer e siamo pure in possesso dell’artefatto che stava cercando Zulgos. Ammazzare il demone ed il suo esercito di Tanarukka è oggettivamente oltre le nostre possibilità e io non vado a morire per una missione che non mi è stata nemmeno ufficialmente affidata. Se avessi saputo che si trattava di venire ad uccidere demoni, di certo avrei chiesto più soldi. Oltretutto pare vogliano sbrigarsela da soli, quindi sì. Noi Crampi ce ne andiamo.”

AethimirEccomi alla resa dei conti.
Khelben vuole che io imprigioni quel demone e non ho intenzione di deluderlo, anche se ho molta paura di non farcela. Ho con me la Sfera di Mythanthar e l’Amuleto sacro di Lurue. Con la prima lo bloccherò per sempre in questo luogo, rendendolo inoffensivo, mentre col secondo riuscirò a tornare sano e salvo a Waterdeep.
Semplice, apparentemente, ma la creatura che avrò di fronte è terribile e un minimo passo falso potrebbe costare la mia vita e quella dei miei compagni. No, non posso permetterlo. 

Andrò solo.
Con Malcer e Pence ho elaborato un piano. Userò la magia di cui il mio compagno è capace per avvicinarmi al demone. Sarò invisibile e quando mi troverò a tu per tu con lui, attiverò la sfera e l’amuleto. Il demone brandisce quello che crediamo sia lo Scettro Malevolo e non so quali poteri possa conferirgli.
Spero nulla in grado salvarlo dalla mia missione.
Imprigionato il demone, magari riusciremo a salvare la donna incatenata lì sotto.

Renderò Khelben fiero di me, riporterò in alto il nome di mio padre.

MalcerSono rimasto al fianco di Aethimir fino alla fine, fino a quando i Tanarukka hanno iniziato ad attaccarlo e le fiamme si sono sparse ovunque nella sala del trono. Ho visto la sfera attivarsi nelle sue mani di, troppo lontana dal demone che ne è rimasto fuori.
Certo, ero invisibile, ma ho provato a gridare al mio amico di mettersi in salvo, di usare quel dannato medaglione. Forse la magia non ha funzionato o forse non ha voluto utilizzarla spinto da chissà quale impulso eroico.
Aethimir è il mio più caro amico, ma non è mai stato un eroe. Certamente non di quelli che vivono nelle canzoni dei bardi.

Dopo aver visto il fuoco divampare ovunque mi sono messo in salvo. Non so se Jolanda fosse viva quando il suo corpo ha iniziato a bruciare, non so se la sfera abbia alla fine inglobato anche il demone oltre a qualche tanarukka. A pochi metri dal trono c’era l’ingresso a cunicoli che sappiamo diramarsi praticamente in tutto il Faerun, quindi temo sia riuscito a fuggire.
Ho raggiunto gli altri pochi livelli più su ed insieme abbiamo lasciato Hellgate Keep. Una volta fuori ho utilizzato la mia capacità di scrutare per vedere cosa ne fosse di Aethimir, se alla fine fosse riuscito a salvarsi, ma ho potuto solo vedere alcuni tanarukka fare scempio dei suoi resti.

I questo momento sono sconvolto dal dolore. Ho ritrovato un fratello per perderne un altro.
Ora rientreremo a Waterdeep e farò di tutto per riportare Aethimir in vita, mi costasse tutti i soldi che ho messo da parte.

 

by

Mirtul, Giorno 19, 1370 CV

No comments yet

Categories: Il diario dei Crampi, Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Zundaer: “A quanto pare lo scopo finale di questa missione è distruggere questo stramaledetto Demone Divoratore di Corpi.”

Shel’Lak: “Quante volte maledetto?”

Zundaer: “Eh?”

Shel’Lak: “Il demone. E’ più o meno maledetto del mezz’elfo?”

Zundaer: “Per quel che mi riguarda sono entrambi maledetti allo stesso modo. Stramaledetti. Loro, i Ruldegost, Pence e pure tutta sta tribù di imbecilli che abbiamo dovuto mettere in salvo.”

Shel’Lak: “Loro non ci hanno fatto niente di male però.”

Zundaer: “Va bene, ma che stra cazzo ce ne frega di loro devo ancora capirlo. Sono amici di Teschio Nero, ok, ma non è che lui sia nostro fratello di sangue eh. L’abbiamo raccattato per strada come guida e, a conti fatti, è stato più utile in battaglia che non nell’esplorare questo dannato posto.”

Grover: “Eddai Zundaev, è stato divevtente raggivave questi ignovanti.”

Zundaer: “Ma ti pare che dopo anni di onorata carriera mercenaria mi ritrovo a fare siparietti da ventriloquo per convincere i superstiti di un popolo di scemi ad abbandonare il luogo dove la loro gente è stata sterminata e dove ancora vive il demone che li ha soggiogati e condotti in rovina? A lasciarli estinguere avremmo fatto un favore al Faerun.”

Shel’Lak: “Meglio bruciarli e sacrificarli a Kossuth a quel punto.”

Grover: “Voi due mi pveoccupate, ogni tanto.”

Manico, annuendo: “…”

Zundaer: “Ad ogni modo, abbiamo convinto Turluk a portarli via di qui e trasferirsi in una non meglio precisata foresta. Eravamo anche quasi riusciti a fregargli quella sua mazza magica, ma Teschio Nero ha rovinato tutto.”

Grover: “Malcev è stato pvopvio bvavo.”

Zundaer: “Sì, devo dire che quando c’è da manipolare le persone e raggirarle è proprio in gamba. Lavorerei volentieri con lui, quando torniamo a Waterdeep. Ora però dobbiamo finire di perlustrare questi cunicoli e trovare il demone. Così possiamo andarcene. Vorrei solo sapere perchè cazzo ci portiamo dietro la testa della strega annis, ma davvero, preferisco smettere di farmi domande. Anzi Grover, va avanti tu con il racconto che non ne posso davvero più.”

Hellgate Keep – Dormitori e Cripte (Piano -5)

Grover: “Ok. Non c’è molto altvo da dive in vealtà. Abbiamo pevlustvato un nuovo livello, tvovato un nuovo scvitto illeggibile e depvedato un’altva tomba. Questa volta eva di un’evoina nana di nome Zuvbvah Bavbaspina che, a quanto pave, fu addivittuva membvo del consiglio di Myth Dvannov…”

Shel’Lak: “Di che?”

Grover: “MYTH DVANNOV. La città leggendavia dove umani, elfi e nani hanno vissuto in avmonia pev un po’ di anni, pvima di massacvavsi gli uni con gli altvi per qualche futile motivo che non conosco. Essendo questa Zuvbvah un pevsonaggio di vilievo, la sua tomba eva non solo pvotetta da una tevvibile tvappola, ma anche custodita dall’ennesimo non movto, chiamato Movte Cvemisi.”

Shel’Lak: “Che nomi del cazzo che ci sono in questo posto però.”

Grover: “Tu ti chiami Shel’Lak eh.”

Shel’Lak: “Touchè.”

Grover: “Lo scontvo è stato ostico, ma abbiamo avuto la meglio e nel savcofago abbiamo vitvovato un anello e una covona, che a quanto ho ovigliato cvedo fosse quel che cevcava il chievico di Lathandev che ci ha piantati in asso.”

Zundaer: “Quanto può valere quella roba?”

Grover: “Non lo so, ovviamente si sono tenuti tutto Pence e compagni questa volta.”

Zundaer: “Usciremo di qui, prima o poi…”

1 2 3 4 5 6