Imprevisti e probabilità.

La vita procede.
Spesso la sottovaluto pensando che sia sempre uguale a se stessa quando, in realtà, offre continue sorprese e imprevisti. A volte questi sono piacevoli, altre volte no. Esattamente come accade nel Monopoli. Martedì ho appreso una notizia scioccante, che mi ha totalmente spiazzato. Ho un solo cugino di primo grado, Valerio, figlio di mia Zia Enrica, sorella di mia mamma. Ha trent’anni e siamo cresciuti praticamente insieme visto che entrambi passavamo molto tempo con i nonni. Dopo la morte di questi ultimi, per varie cause indipendenti dalla nostra volontà, ci siamo persi di vista e non ci siamo più sentiti per anni. Martedì ho saputo che l’estate scorsa è stato molto male a causa di una patologia autoimmune che ha ridotto drasticamente il suo livello ematico di piastrine (trombocitopenia). Aveva già sofferto di questi disturbi in infanzia, ma si era curato e credeva risolto il problema. Purtroppo non era così. Fortunatamente ha riconosciuto tempestivamente il ritorno della sintomatologia ed ha fatto gli accertamenti del caso. Ora sta meglio e dovrebbe aver risolto il problema in via definitiva grazie all’intervento tempestivo. L’ho chiamato per sincerarmi delle sue condizioni e l’ho trovato bene, cosa che mi ha fatto molto piacere. E’ brutto risentire una persona dopo tanto tempo solo perchè si scopre che è stata poco bene. Ci siamo salutati con la promessa di risentirci presto, vedremo se sarà così o se, come spesso accade, tutto tornerà com’era prima.
Sempre martedì, dopo aver sentito mio cugino, ho conosciuto i nonni materni di Ambra. Far loro visita e scambiarci due parole mi ha fatto tornare in mente i miei di nonni (probabilmente anche perchè ero ancora scosso dalla questione di cui parlavo prima e i nonni erano come detto centrali nel rapporto tra me e Valerio). Devo ammettere che penso a loro sempre con moltissimo affetto e con un pizzico di malinconia. Erano grandi, i miei nonni.
Passando ad un argomento nettamente più frivolo, mi sono procurato anche la seconda serie di Scrubs.
Una chicca.

Sventola Bionda, mentre abbraccia John Dorian: “Ehi J.D., hai un cilindro di monetine in tasca o sei solo contento di vedermi?”
J.D.: “Ho delle monete. Sai, per la lavanderia…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.