Aspettando l’estate

Sembra sia insorto più di qualche inconveniente riguardo le mie vacanze in Scozia e Irlanda. L’Entreprise, azienda cui ci siamo affidati per il noleggio auto, continua a perplimerci via mail con richieste quantomeno strane. L’ultima è la necessità forzata di una patente inglese. Non valida in Inghilterra, proprio Inglese. A meno di iscriverci e sostenere l’esame in aeroporto, vedo difficile che noi la si possa ottenere, tuttavia mi pare strano che noleggino auto solo agli autoctoni. Altra cosa che richiedono insistentemente è un passaporto valido. Forse nessuno li ha avvisati della nascita della Comunità Europea. O forse lo sanno ma, come per tutte le altre faccende, fanno finta di niente. Mi aspetta un’estate di miglia, pollici, galloni, pinte e chissà quali altre unità di misura fantasiose. Come non bastassero la sterlina e la guida a sinistra.
I Britannici sono veramente un popolo insopportabilmente arrogante.
E già che ci sono, il Liverpool è una squadra di merda.
E’ allucinante come ormai qualunque discorso torni a cannone, per dirla alla Guido Meda, sulla serataccia di Istambul. E’ come un incubo ricorrente.
Basta. Devo liberare la testa e recuperare il filo della discussione: le vacanze.
Oltre al problema vettura, che già di per se stesso non è da sottovalutarsi, si sono venuti a creare dei piccoli scogli sul versante “prenotazione ostelli”.
Nessuno nel Regno Unito accetta la carta di Missa e prenotare senza è impossibile. A prescindere dal fatto che il Missaglia non possiede la carta di credito Cicciobaracca©byAui, ma un’onestissima American Express, l’unica alternativa è inviare dei soldi in Scozia prima di partire. Certo che, con anche tutta la buonafede del mondo, per me è una discreta via per perdere del denaro.
A parte queste piccole disavventure la vacanza è ormai totalmente programmata. Abbiamo risolto il problema principale, le foto, visto che ho acquistato una macchina fotografica digitale e quindi ora è tutto in discesa. Tra l’altro il buon Mauro, alias Zadrow, mi ha gentilmente prestato le sue guide ai Letto&Colazione delle terre del kilt e questo dovrebbe aiutarci a muoverci in loco.
A proposito di kilt, è l’unica cosa che spero di riuscire a comprare in scozia. Se lo trovo lo tengo per tutta la vacanza, ma soprattutto ci faccio la foto sulle Highlands.
Rigorosamente senza mutande.
Sento già freddo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.