Diario dall’isolamento: day 50

La fase 2 pare sia ufficiale, si parte il 4 Maggio.
La differenza sostanziale è che si dovrebbe tornare al lavoro, ma le scuole restano chiuse. Il che è una scelta giusta, per me, solo mi aspettavo una soluzione per chi deve rientrare in azienda e non sa dove mettere i bambini.
Io, ad esempio, sono in casa da 50 giorni. Salvo uscite singole una volta a settimana per la spesa e in sicurezza non ho avuto altri contatti con l’esterno e così i miei figli, che hanno avuto contatti solo con me.
Da quel che capisco non posso portare i miei figli dai nonni perché sono una categoria a rischio, però potrei assumere qualcuno che venga a casa mia a tenermeli mentre sto al lavoro.
Questo qualcuno potrebbe convivere con una persona ad altissimo rischio (es. personale ospedaliero) senza che io lo sappia, alzando notevolemente il rischio.
Senza contare chi i nonni non li ha e non ha neanche da farsi venire il dubbio.
Capisco il momento sia complicato, capisco che tutti debbano sacrificarsi, ma non sarebbe meglio restare lucidi, valutare meglio i rischi ed evitare sacrifici non necessari? Anche perché, magari sbaglio, ma dubito ci siano babysitter a sufficienza per coprire la necessità. Come si fa?
Non so, per me il Governo una risposta in tal senso dovrebbe darla. Anche solo “Cazzi vostri”, ma che sia chiara e schietta, non queste orecchie da mercante.
Poi va beh, leggo che la CEI ha denunciato un’evidente violazione della libertà di culto (non si può riprendere a dire messa) e almeno so dove catalizzare il mio risentimento.

Se tutto continua secondo i piani (quindi, ad occhio, se ci va di gran culo), la vita vera riaprirá a Giugno.
Crescendo smetti di avere aspettative esaltanti per le feste o l’estate, ma questa quarantena ci sta pompando a mille per tutto quel che faremo appena si potrà.
Sarà bellissimo restare delusi come quando eravamo ragazzini.

(In un mondo giusto sarei il Mogol dell’emo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.