27 luglio, 2005

Six months

Etichette: Blog

Oggi questo fantastico blog compie sei mesi e giunge a metà di quella che era prevista inizialmente essere la sua vita.
E’ giusto quindi tirare qualche conclusione ed esprimere i primi giudizi.
L’esperienza è stata molto positiva. Scrivere mi piace e leggere quanto ho scritto nei mesi qui sopra mi ha dato discreta soddisfazione. A grandi linee credo di averci messo tutta la mia vita e tutte le mie emozioni senza celare mai nulla. Ad essere sincero non credevo ne sarei mai stato capace, pensavo che la vergogna avrebbe preso il sopravvento. Evidentemente mi sbagliavo.
Colgo l’occasione per ringraziare anche tutti quelli che in questi sei mesi si sono dilettati a leggere la mia vita e a lasciare qualche commento. Vedere che qualcuno interagisce con questo mio diario mi fa molto piacere. Bene, credo che l’analisi sia conclusa e quindi non mi resta che una cosa da dire: Auguri Blog.

1:56 pm

25 luglio, 2005

Estate

Finalmente è arrivato il meritato riposo.
La sessione d’esami si è chiusa oggi alle 19, quando sul sito del dipartimento di endocrinologia ho appreso di aver passato Patologia, anche con discreta verve.
Ottimo.
E’ bello sentirsi finalmente leggeri e spensierati. Vedere i propri nervi distendersi lentamente e poter pensare solo a come buttare via le giornate tra Playstation, musica e un discreto quantitativo di alcolici. Di tutto il periodo vacanziero la parte migliore è senza dubbio questa, quando ancora si deve partire e quindi c’è l’aspettativa per quella che nei piani dovrà essere la vacanza del secolo. Saranno due sane settimane di cazzeggio, pratica verso la quale mi sento particolarmente portato. Anche i miei ascolti musicali si stanno adeguando al clima di leggerezza, a farla da padrone in questi giorni sono i Fenix TX, con il loro self titled, e gli MxPx con “Panic”. Quest’ultimo cd è stato una piacevolissima sorpresa, visto che i diretti precedenti mi avevano lasciato con l’amaro in bocca. Se dovessi eleggere due tracce ideali per fare da colonna sonora a questa settimana direi “Surf Song” del primo e “Heard that Sound” del secondo. Yeah!
Il lato negativo di questa parte dell’anno sono le zanzare. Se potessi eliminarle tutte ed essere sicuro che soffrano mentre lo faccio, non ci penserei due volte.
Il lato positivo sono indubbiamente i cubini che prendono il posto della birra e lasciano in bocca il classico gusto d’estate.
Bene, la pigrizia sta già avendo il sopravvento e quindi mi sta passando la voglia di scrivere. Chiudo con una chicca vintage. A buon intenditor…

A me piace l’estate perchè i vestiti costano poco
A me piace l’estate perchè la mia mamma mi fa il gelato
Posso andarmene al mare a giocare con paletta e secchiello
Quando viene l’estate mostro a tutti che sono masiello

A me piace l’estate (Uoh-oh-oh)
L’estate è il mio momento clou (Mio momente clou – momento clou)
Posso andarmene al mare (Uoh-oh-oh-oh)
Qua non ci voglio stare più (Non ci stare più – ci stare più)

A me piace l’estate perchè metto le braghe corte
A me piace l’estate perchè in spiaggia si gioca a carte
Vedo tante ragazze tutte quante poco vestite
Preferisco il caldo alla temperatura mite

A me piace l’estate (Uoh-oh-oh)
L’estate è il mio momento clou (Mio momente clou – momento clou)
Posso andarmene al mare (Uoh-oh-oh-oh)
Qua non ci voglio stare più (Non ci stare più – ci stare più)

H’S’P – Estate (1999)

7:58 pm

20 luglio, 2005

Ad Ambra

Etichette: Bri

“Let me start this from the day we met.
You looked so beautiful, I never will forget.
Then you opened up your eyes, looked at me and kinda smiled.
I was scared, but still happy at the same time.”

The Ataris

Un anno è passato e ho deciso di annotarlo su questo blog nel modo in cui tu l’hai fatto sul biglietto che mi hai preparato e che guardare mi emoziona terribilmente: con parte del testo di una canzone. Ce ne sarebbero altre mille da cui poter prendere spunti e citazioni capaci di esprimere cosa tu stia rappresentando nella mia vita, ma credo che sia meglio venire al dunque senza giri di parole.

Ti Amo.

2:35 am

14 luglio, 2005

Stranger than fiction

Etichette: Riflessioni,Web

Un mio amico mi ha dato l’indirizzo di un blog intitolato “primadipartire“. Chi lo scrive è un ragazzo più o meno mio coetaneo che si è tolto la vita Lunedì, dopo aver discusso con il mondo per mesi della sua decisione irrevocabile.
Leggendo il blog dal principio c’è diverso materiale su cui riflettere.
Non so se la mia curiosità nei confronti di questa vicenda sia pessimo “voyerismo” o tentativo di comprendere la psicologia di una persona tanto diversa da me.
Sono discretamente turbato.

PS: Leggendo il blog sopracitato ho notato diversi commenti di una “Bri” che tende ad esprimersi come la mia Bri. Che sia lei? Mah… forse sono solo allucinato… però…

2:24 am

12 luglio, 2005

Pur di non studiare

Non ho per nulla voglia di studiare.
Sono stanco ed annoiato e quindi provo a scrivere un po’ qui e vedere se mi torna l’ispirazione per tornare sui libri. In sottofondo mi accompagna “Under the Radar” dei Grade, gran bel CD per altro, e il ventilatore è azionato a velocità Schumacher nel tentativo di alleviare un po’ della calura che fa il suo ingresso dalla finestra di camera mia.
Questa è la mia situazione e riassumerla ha occupato solo qualche riga. Serve un argomento di cui scrivere se voglio tenere la patologia lontana ancora per qulache minuto. Al momento me ne vengono due, uno più serio ed il secondo nettamente più frivolo. L’idea è di iniziare da quello serio e chiudere poi in leggerezza.
Ho compilato e inviato il “modello unico” per la dichiarazione dei redditi in seguito a quest’anno di lavoro. Tra cinque anni lo stato mi restituirà i settecento euri che si è tenuto indebitamente dai miei stipendi e che, vista la totalità del mio introito e la fascia in cui si colloca, non avrebbe dovuto prendersi. Superato l’ingenuo stupore dovuto all’apprendere che il fisco trattiene preventivamente una percentuale di guadagni che verificherà se dover tenere o eventualmente restituire negli anni a seguire, solo dopo che il malcapitato l’abbia versata nelle sue tasche, mi sono soffermato a riflettere su un particolare: l’ottopermille. Credo si scriva proprio così, tutto attaccato, come si pronuncia quando se ne parla tra amici. Effettivamente non mi ero mai posto il problema di scegliere chi omaggiare dello 0,8% dei miei sudati risparmi fino ad oggi, anche perchè non avevo mai avuto sudati risparmi di sorta. Arrivato al capitoletto specifico la mia ferma convinzione era di devolvere questa somma a qualcuno che ne avesse realmente bisogno, evitando possibilmente di donarlo alla Chiesa Cattolica. Questo non perchè io non rispetti la previa citata istituzione, quanto perchè ritenevo e ritengo tutt’ora che da laico mi sarebbe spettata la possibilità di fare questa “beneficienza forzata” presso le casse di Telethon, Emergency, della Croce Rossa, dei Pompieri, della LILA, dell’AVIS e via dicendo di tutti i possibili enti socialmente impegnati che l’italia possiede. Invece no. Ecco l’elenco delle possibilità:
- Stato
- Chiesa Cattolica
- Unione Chiese Cristiane Avventiste del 7° giorno
- Assemblea di Dio in Italia
- Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi
- Chiesa Evangelica Luterana in Italia
- Unione Comunità Ebraiche in Italia
Ora, passi anche il fatto che lo stato debba obbligarmi a liberarmi di una parte dei miei guadagni in favore di enti che possono fare del bene nella società in cui vivo, trovo tuttavia assurdo limitare questi possibili versamenti extrastatali ad alcune rappresentanze religiose. Innanzi tutto cosa significa darli allo stato? Per cosa li userà? Se per gli ospedali, le scuole, gli ospizi sono ben lieto di darglieli, ma dove posso trovare le indicazioni ed i progetti per cui lo stato stanzia i fondi dell’otto per mille? Per quel che ne so potrebbe usarli per finanziare l’esercito e questa cosa mi andrebbe già molto meno bene.
Nel dubbio, passo oltre.
L’idea che anche solo un’esigua parte dei miei soldi vada nelle casse di chiese come la “mia” parrocchia a Brugherio (la S. Paolo di piazza Don Camagni) mi da il nervoso. Mai vorrei finanziare una comunità religiosa settaria, che distingue credenti di serie A e di serie B certamente non in base alla fede. Tuttavia ammetto che l’italia è piena di parrocchie che tolgono i ragazzini dalla strada, che aiutano chi ne ha bisogno e che svolgono mansioni socialmente validissime che finanziare non può che essere un bene.
Dilemma.
Tralasciando le altre comunità elencate (tra cui spicca l’Assemblea di Dio. E’ lecito chiedersi chi siano?) per totale assenza di motivazioni che possano spingermi a finanziarle, per questa volta ho deciso di dare il tutto alla Chiesa Cattolica, sperando che finisca nelle mani di chi ne fa buon uso. Il mio approccio è lo stesso del fuciliere del plotone d’esecuzione che spara sperando che sia proprio il suo fucile l’unico caricato a salve. Ultima nota, goliardica ma nemmeno troppo: se fossi rappresentante della Comunità Italiana Buddisti mi seccherebbe alquanto non beccarmi lo 0,8% degli introiti di Baggio solo perchè la mia religione per lo Stato Italiano non è abbastanza meritevole di attenzioni.
Il secondo argomento, quello frivolo, riguarda il mio kilt scozzese. Ho deciso di farmelo da me perchè comprarlo in loco potrebbe essere dispendioso. Il necessario consta di tartan economico 1,5mX2m (il cui colore è ancora da definirsi), poco materiale di merceria come filo e bottoni, una sarta (ruolo occupato con entusiasmo dalla Kla) e un po’ di lavoro. Inoltre, per darmi un aspetto ancora più elegante, rivestirò con parte del medesimo tartan le spalline del mio Eastpack.
Se non mi arrestano sceso dall’aereo, sarà una gran vacanza

5:40 pm

8 luglio, 2005

Sconcerto

Dopo quanto successo ieri ho voluto aspettare a scrivere qualcosa qui, perchè non mi sentivo di dire nulla che non fosse stupido o retorico. Oggi la situazione non è migliorata quindi adotterò la tattica fin troppo comoda ed inflazionata del silenzio. Però un’immagine* la voglio incollare a questa pagina, in modo che quando tra cinque o sei giorni Vespa smetterà di fare speciali di “Porta a Porta”, io continuerò ad avere presente quanto accaduto e, forse, riuscirò a dire qualcosa di più intelligente.
Se ciò non dovesse accadere, pazienza.
Londra, 07-07-2005
* inconcepibile…

9:36 pm

5 luglio, 2005

Il peggiore degli incubi

Etichette: Sport

Alle 13.30 di oggi è approdato in casa Milan Cristian Vieri.
Se c’è un giocatore inguardabile, odioso, arrogante, scarso, fragile fisicamente, incapace tatticamente è “il Maiale col 32″.
Dio mio, non ho proprio le parole per esprimere il concetto. Dopo Istambull pensavo che la stagione non potesse vivere momenti peggiori.
Evidentemente sbagliavo.
Certo, magari poi arriva e fa 40 gol. Magari gioca tutta la stagione e ci fa vincere tutto. Forse in quelle circostanze non potrei fare a meno di gioire di questo acquisto. Mi sentirei comunque sporco.
Tuttavia adesso, convinto che giocherà si e no 10 partite e che darà fastidio per tutto l’anno, sono a dir poco affranto.
Non riesco nemmeno ad esprimere la totalità del mio disappunto. Posso solo chiudere con una certezza: io per quello lì non ci tifo.

7:55 pm

3 luglio, 2005

Leggerezza di spirito

In questi giorni sono iper impegnato.
Devo leggere un libro, “Trasmissione d’élite o accesso alle conoscenze”, e farci una relazione per conto dell’università. Giunto ormai alla fine del libro posso asserire essere quanto di più incorerente abbia mai letto, oltre che di una noia terrificante e di una complessità spaventosa.
Penso che nella relazione ne parlerò piuttosto male. Penso che questo non mi aiuterà a superare l’esame in questione, ma tant’è.
Devo anche portarmi avanti con la stesura del torneo che stiamo organizzando per settembre. La cosa è piacevole da farsi, però richiede un mucchio di tempo e si tratta, come per l’impegno precedente, di scrivere in word.
Per questi motivi, principalmente, non sono riuscito ad aggiornare il blog con regolarità e perizia. A mia parziale discolpa c’è il fatto che non mi è assolutamente capitato nulla che valesse la pena raccontare.
Nulla tranne una cosa.
Ieri la Bri mi ha regalato le bolle di sapone e un pallone da spiaggia di quelli che si gonfiano.
Praticamente mi ha regalato un po’ di sana spensieratezza.
Grazie.

11:08 am


Sviluppato su WordPress
Creative Commons License
Manq by Giuseppe Mancuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.