31 agosto, 2005

Agonia

Altra giornata di fine estate.
Ogni anno cerco di perpetrare accanimento terapeutico nei confronti di questa stagione, cercando di tenerla in vita anche quando ormai sarebbe da mettersi l’anima in pace e riprendere con la vita di tutti i giorni.
Non ne ho voglia.
Tra poco inizierò con la tesi, anche se ancora dal laboratorio tutto tace.
Di sicuro dovrei mettermi sotto a studiare.
Magari domani.
Sempre che l’agonizzare delle vacanze cessi una volta per tutte.

Foto del giorno N°7 – The Masterpiece
Invernes
* non so perchè, ma tra tutte le 800 foto questa la trovo sconvolgentemente bella. Indubbiamente la migliore tra le quasi 300 fatte da me.

8:04 pm

30 agosto, 2005

Blog off-line

Etichette: Blog,Fotografia

Mi sto affezionando veramente tanto a questo mio diario. Chissà se è possibile salvarlo off-line in qualche modo e tenerlo. Mi piacerebbe molto…

Foto del giorno N°6 – Rent a car!
In spiaggia
* E’ stato molto più divertente di quanto possa trasparire dall’immagine…

3:58 pm

29 agosto, 2005

L’insostenibile leggerezza di un boeing

La mia prima esperienza con gli aerei merita di essere raccontata, poichè, come tutte le prime volte in generale, è stata un assurdo. L’idea di stare in una trappola da cui è impossibile fuggire, sospeso a 10k metri dal suolo, totalmente impotente, è stata un tarlo terribile nel mio cervello per le ore precedenti a tutti e quattro i voli effettuati. Forse è solo la mia arroganza, o magari è tutto dovuto al fatto che io nutro fiducia pari a zero nell’operato del prossimo, tuttavia ho scoperto quanto sia odioso non essere artefici del proprio destino. Non so nemmeno bene come spiegarlo, ma stare in un posto in cui non si ha la minima possibilità di perpetrare l’autoconservazione è angosciante come poche altre cose. Pensandoci, in quante altre situazioni si è totalmente impotenti in caso di imprevisti che minino la sicurezza di noi stessi? Non me ne viene in mente nessun’altra. Questa è stata la mia paranoia principale. Una volta a bordo però, la situazione è diversa. Lo spettacolo che si vive vale in toto il prezzo del biglietto, basta unicamente non focalizzarsi sull’idea di essere in un aereo. Non è semplice, ma se la vista lo consente, si viene rapiti a tal punto da ciò che si vede che allontanare i pensieri poco stimolanti non è poi così complesso. Anche le sensazioni dovute all’incremento o alla diminuizione della forza di gravità sul mio corpo mi sono piaciute un sacco. L’ultimo dei quattro voli l’ho passato interamente incollato al mio oblò/finestrino come fossi un bambino su una giostra. A pensarci bene Povia ha ragione: è bello stupirsi delle cose come fanno i bambini. Io però, a differenza sua, riesco ancora a farlo e quindi mi reputo fortunato. Chiudendo l’iniciso, scrivere cose intelligenti non lo autorizza certo a metterle in musica in maniera pessima.
Tirando le conclusioni del discorso, viaggiare in aereo è bello se si ha la forza, la sfrontataggine e l’incoscienza di farlo. Certo che se sceso dal velivolo il primo pensiero è quello che ho avuto io, ovvero: “E’ andata, sono vivo!”, evidentemente quelle tre caratteristiche non sono poi così presenti.

Foto del giorno N°5 – L’insostenibile leggerezza di un Boeing
Posto finestrino
* da ovunque lo si guardi, il cielo è sempre bello.

1:56 pm

28 agosto, 2005

Fioretto

Mia nonna diceva che quando si fa un buon proposito, si fa un fioretto. Eliminando la connotazione religiosa al tutto, voglio provare a fare un fioretto per l’anno lavorativo che va ad incominciare, intendendolo nel senso più propositivo del termine.
Quest’anno voglio realmente provare a mettermi in forma. Niente fisicata o robe del genere, semplicemente iniziare a mangiare in modo meno convulso, in dosi più regolari e con una dieta più varia. Vorrei non eliminare la birra, ma limitarne il consumo, e mi piacerebbe introdurre la colazione nella mia vita. Espresso “sveglia” e cornflakes col latte, niente di particolare. Se riesco e capisco come fare senza spendere milioni di petroldollari, mi piacerebbe consultare un dietologo. Credo che sia dall’età di 9 anni che ho perso il mio peso forma e vorrei quantomeno sentire se è possibile recuperarlo senza eccessive rinunce. Certo, sarebbe figo potersi far asportare un pezzo di tubo digerente per assimilare meno, sarebbe anche molto molto comodo e non richiederebbe alcun sacrificio, ma amo il mio apparato gastro-intestinale e non mi piace nemmeno l’idea di privarmi di una parte di esso che potrebbe sempre rivelarsi utile un domani.
I sacrifici ignoti che si parano all’orizzonte rendono questo fioretto più simile ad una spada di Damocle.

Foto del giorno N°4 – Hail to the king
Come da titolo della foto
* non credo che servano commenti…

3:10 am

27 agosto, 2005

Pic nic

Etichette: Bri,Fotografia,Sport

Ieri ho trascorso interamente la giornata con Ambra. Dopo un mese senza vederla, l’impatto è stato tremendamente piacevole. Si festeggiava quello che lei considera il nostro anniversario (io continuo a contare dal 19 luglio) e come meta si è scelto l’iper romantico parco di Increa. Ha organizzato tutto sapientemente, dalle vettovaglie al vino, rendendo il pomeriggio splendido. Unico neo il fatto che lei abbia perso un orecchino di legno cui si era affezionata in estate. Peccato.
La sera è poi trascorsa tra l’aperitivo al Bar Roma e il visionamento di parecchi video a casa sua, forti della nuova aDSL a 4 mega. Dormire da lei ha concluso questa ventiquattr’ore di piacevolissima convivenza conclusesi solo alle 13.10 di oggi.
Il programma del pomeriggio è invece di sano sport: visita all’euromercato, acquisto del decoder per il digitale terrestre nonchè della scheda “campionato” e installazione del tutto. Facendo due rapidi conti potrò così finalmente saziare la mia fame di calcio visionando un sacco di partite e potendo gufare comodamente dal mio salotto in eventuali scontri tra le rivali dei rossoneri.
Mi attende una stagione calcistica decisamente importante!

Foto del Giorno N°3 – Free your mind
Cliffs of Moher
* Vedere queste immagini dal vivo ed in silenzio ti spalanca le porte della mente, lasciando spazio ad un’autostrada a tre corsie di pensieri che schizzano tutti oltre la velocità consentita.

1:52 pm

26 agosto, 2005

Le mie vacanze

Etichette: Fotografia,Viaggi

Finalmente fresco, pulito e riposato, mi appresto a scrivere un po’ di righe sulla mia vacanza, attendendo con gioia le 12.30, ora in cui Bri passerà a prendermi per portarmi non so dove.
Ho fatto veramente un bel viaggio, uno di quelli che si ricordano per tutta la vita. Scozia ed Irlanda sono due paesi molto diversi, ad accomunarli ci sono solo il clima ipervariabile e la cucina nefanda, ma sono indubbiamente due lati negativi per entrambi. I due paesaggi non sono assolutamente confondibili nè paragonabili, ognuno presenta caratteristiche proprie che lo rendono spaventosamente affascinante. La Scozia è semplicemente commuovente. Nuvole bassissime, spesso grigie e incombenti, lasciano nel cielo finestre di un azzurro che pare irreale, il tutto a suggellare scorci di natura incontaminata ricchi di storia. Aprendo gli occhi all’improvviso pare di essere tornati indietro nel tempo, catapultati in un era lontana ed irreale. Mentre la fantasia galoppa creando immagini surreali nella mia mente, di fronte al mio sguardo restano quelle montagne coperte di nubi e dalla malinconia palpabile. Senza dubbio quanto di più emozionante io abbia visto nella mia vita. Non pensavo fosse vero potersi commuovere di fronte alla bellezza di un paesaggio, ma giuro che se non ho pianto è solo pura casualità. Credo di essere mentalmente regredito ai miei dieci anni immerso in quei paesaggi e quelle rovine di roccaforti, castelli e cattedrali.
Stupendo.
In Irlanda invece è tutto molto meno cupo. La mia visita a quel paese non è stata approfondita quanto quella alla Scozia, per diversi motivi tra cui il clima e la stanchezza accumulata spiccano per merito, tuttavia da quello che ho visto l’ho trovato un posto irrealmente pacifico, dove l’unica cosa da fare è soffermarsi in silenzio, guardare il panorama e restarsene un po’ soli con i propri pensieri. Spicca in quest’ottica la vista sbalorditiva che mi hanno offerto le scogliere di Moher, capaci di farmi rendere conto di quanta bellezza sconfinata ci sia in giro e di come questa sia sproporzionata rispetto a noi piccoli uomini. Per un credente non credo ci possa essere dimostrazione più esaltante della potenza di Dio. Per me che non lo sono resta comunque lo stupore reverenziale di fronte ad una cosa che l’uomo non riuscirebbe a ricreare nemmeno ci lavorasse da qui all’infinito. E non credo affatto che questo sia un male, tutt’altro.

Foto del giorno N°2 – L’Equipaggio dell’Enterprise
La truppa al completo
* Grazie a tutti (nell’ordine da sinistra a destra: Capitan Peich, Fà, la Eli, *io*, Missa, Bazzu e Simo) per le belle vacanze trascorse. You guys rule!

10:56 am

25 agosto, 2005

A casa

Etichette: Fotografia,Viaggi

Eccomi rientrato dalle ferie. Il viaggio è stato uno dei più belli della mia vita perchè il posto visitato è sbalorditivo da ogni punto di vista. Per questo motivo ho deciso che per trenta giorni a partire da oggi, 25 agosto, posterò una foto quotidiana ritraente parte delle mie ferie. Avrei mille cose da raccontare, ma adesso sono stanco. Notte.

Foto del giorno N°1 – L’infinita bellezza di ciò che è triste
Highlands
* Ecco la scozia di cui mi sono innamorato: paesaggi che trasudano malinconia…

11:55 pm

9 agosto, 2005

E’ ora

Etichette: Viaggi

Si parte.
Destinazione: Regno Unito.
Tutto è al suo posto, la casa è in ordine e Norge, il mio zaino, è pieno e operativo.
Resta solo da vedere se avrò il coraggio di salire sull’aereo.
Buone Vacanze.

9:56 am

5 agosto, 2005

Preparativi

Etichette: Libri,Viaggi

Mancano pochi giorni alla partenza per le vacanze ed i preparativi sono nel pieno del loro fermento. Ad oggi manca nell’ordine: qualcuno che ci porti all’aereoporto di Orio, un itinerario preciso del giro turistico che si voglia intraprendere in Scozia, un’idea anche solamente vaga di quanto le macchine ci verranno a costare e di come fare a raggiungere il posto dove ce le noleggeranno, la certezza che la nostra patente sia riconosciuta dall’Enterprise e quindi atta al “renting” delle autovetture ed un accordo anche sommario tra le sette parti in causa su priorità di visita e stile di vita da tenere oltre manica. Nella speranza che queste piccole lacune possano venir colmate mi sono adoprato per risolvere i miei problemi di style durante il soggiorno sulle Highlands. Il kilt è ormai pronto, necessita unicamente dei due bottoni che me lo terranno in vita. E’ bello, molto bello e approfitto per ringraziare del lavoro svolto la Kla e la nonna di Simo. Può essere vestito in due modalità principali: alto in vita o altissimo. Io credo che propenderò per la prima, anche se la seconda che ne porta l’orlo superiore fin sopra l’ombelico ne esprime la vestibilità migliore. Devo ancora fare qualche prova con l’abbigliamento superiore prima di ufficializzare la scelta, quindi vedremo. Intanto ho imbracciato anche io ago e filo e poc’anzi ho finito di rivestire del medesimo tartan del Kilt, la prima spallina del mio Eastpack. Il lavoro, pur essendo stato svolto da me non è male e mi ha reso piuttosto soddisfatto. Domani lavorerò sulla seconda così che il mio zaino diventi perfettamente abbinato al gonnellino intriso di folklore. Vorrei mettere una foto dell’operato su queste pagine prima di partire, ma non so se sia meglio attendere e sceglierne una da quelle che farò in loco. Nulla esclude che io opti per entrambe le soluzioni. Oltre ai problemi di look, sto riarredando con calma il mio lettore Mp3 in modo da renderlo perfettamente funzionale alla vacanza. Dalle stime fatte credo non avrò problemi ad ultimare il lavoro entro breve, ma nulla vieta che io venga in possesso di qualche altro CD meritevole prima di martedì e che quindi ci debba rimettere mano.
Ora vado a leggere un po’ di “Niente di vero tranne gli occhi”, seconda fatica del Faletti scrittore. Rispetto a “Io Uccido” lo stile di scrittura mi pare molto migliorato e questo me lo sta facendo apprezzare nonostante lo scorrere un po’ più lento degli avvenimenti narrati. Vedremo. C’è da dire che a differenza del libro d’esordio in questo non si percepisce ancora chi possa essere l’assassino, anche dopo le prime 200 pagine. Io nutro un sospetto nei confronti del Sindaco di New York, ma credo sia più corretto definirla antipatia che reale sospetto. Spero di finire la lettura prima della partenza poichè in vacanza vorrei dedicarmi a qualcosa di Ken Follet, di cui tutti non fanno che tessermi le lodi.
Intanto, da qualche parte della spagna in una qualche spiaggia per surfisti, Ambra si sta godendo mare, tavole e tutto ciò per cui io impazzisco mentre io sono qui in guerriglia con le stramaledette zanzare.
Vorrei essere con lei.
Credo tuttavia lo vorrei anche se qui non ci fossero le zanzare e lei non fosse immersa in un ambiente che ai miei occhi potrebbe ricordare l’immaginario paradisiaco.

3:35 am


Sviluppato su WordPress
Creative Commons License
Manq by Giuseppe Mancuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.