30 novembre, 2009

Google Hit List [Novembre 2009]

Etichette: Google Hit List

Questo mese ho deciso di guardami intorno, prima di stilare la classifica.
Facendolo ho scoperto due blog che segnalano il mio e questo è sempre un bel gesto.
Avendo io un particolare senso della gratitudine e dell’educazione on-line ricambio il link e prometto di provvedere a leggere di cosa parlano.
Forse avrei potuto accorgermi prima della loro esistenza, ma non sono mai stato molto attento ai particolari.
Aggiungo quindi una nota si servizio: se qualcuno ha deciso di linkare il mio blog sulla sua pagina ed io non ho restituito il favore è semplicemente perchè non sono a conoscenza del fatto. Segnalatemelo e rimedierò quanto prima.
Ora lascio spazio alla classifica, godendo ancora una volta dello spaccato sociale che questa offre.
Internet è lo specchio dell’anima, altro che gli occhi.

1 – ergonomia costruzioni lego
2 – voglio scoparmi bar rafaeli
3 – frasi simpatiche per chiedere soldi come regalo
4 – abbiokko punk
5 – come dici una frase :” prenotare il ristorante”
6 – i giovani d’oggi ignoranti
7 – come se non potessi mangiare carne rossa, e vedi solo bistecche e filetti.
8 – massimizzare le ore di sonno con il bioritmo
9 – perchè nirvana nel 194 ha smesso di ballare?
10 – quanto costa farsi fare una testiera di letto da un fabbro

Nota: aggiornata la sezione link.

Nota: aggiornata la sezione musica.

11:16 am

27 novembre, 2009

Trova l’intruso

Etichette: Musica,Web

Per giocare basta clikkare qui.
Un indizio: non sono i Nirvana.

Grazie a Uazza per la segnalazione.
Aggiungo un’annotazione: inizia a darmi sui nervi vedere su tutti i blog che giro la copertina di Rolling Stone di Dicembre.

8:28 pm

26 novembre, 2009

Il mio sacco da boxe

La giornata odierna, lavorativamente parlando, è iniziata una merda.
Nell’attesa che tutto quello che avevo fatto ieri e che ho dovuto rifare questa mattina venga pronto e mi consenta di fare tutto quello che avrei dovuto fare oggi e che mi terrà in lab fino a non so che ora, scrivo due righe sul blog e mi sfogo un po’.
Sarà un post di quelli che scrivo di getto, forse anche un filo incazzoso, sicuramente non troppo meditato.
Lo dico perchè dopo l’ultima discussione col BU ormai scrivere qui mi da ansia da prestazione.
Vado per punti, perchè alla fine è il modo migliore di scrivere pagine di questo tipo:

- Aprendo la Repubblica, oggi, la prima notizia che ho letto è stata questa. Niente di nuovo. Niente di inaspettato. Però se nessuno parlasse mai di ciò che non è nuovo o inaspettato in Italia non si parlerebbe più di mafia, corruzione in politica e sconfitte europee dell’Inter. Questo può anche essere l’obbiettivo di molti, ma non certo il mio e quindi qualcosa in merito la dico lo stesso, a costo di risultare noioso. La prima cosa che ho pensato leggendo la notizia è stata: “La solita manovra abbuonisci Vaticano e non pensanti annessi”. Ad essere onesto è la seconda cosa che ho pensato, la prima non si dice. Poi però qualcosa in me dev’essere scattato, anche in virtù di quanto accaduto ultimamente con la storia dei vaccini per l’H1N1, e ho spostato la mia riflessione su un altro piano. La notizia linkata riporta il blocco della messa in commercio della pillola RU 486, di conseguenza immagino che qualche ditta farmaceutica ci perderà un po’ di soldi. Leggendo qua e la in internet quello che sono riuscito a capire è che il farmaco è prodotto da una ditta francese, tal Exelgyn Laboratoires. Sono così, per pura curiosità, andato sul loro sito a guardare chi fosse a distribuirli in Italia e con somma sorpresa ho notato che siamo l’unico paese tra i citati col bollino arancione a non avere un distributore assegnato. Con tutta probabilità gli accordi per distribuire in Italia i prodotti della Exelgyn dipendono molto dalla decisione di poter commerciare o meno questo farmaco, è comprensibile. La domanda è: siamo realmente sicuri che il piano su cui si giochi la partita sia quello etico? Inizio a sentirmi un po’ ingenuo a pensare che la RU 486 sia rea solo di spostare voti. Forse dovrei iniziare a riflettere su quanti soldi potrebbe spostare. Chiunque abbia più di due neuroni e voglia utilizzarli per documentarsi infatti capisce al volo che non c’è nessuna reale questione etica di conflitto del farmaco con la vigente legge 194 e che, soprattutto, anche se ci fossero state delle contraddizioni in termini non è mai stato un problema per chi ci governa e legifera in materia ignorarle. La legge 40, per fare un esempio, con la 194 ci fa proprio a pugni, eppure è ancora lì.

- La seconda notizia che ho letto oggi sfogliando Repubblica è stata questa. Per educazione e rispetto nei confronti di chi legge tralascerò ancora una volta il mio primo pensiero in merito. Potrei anche non aggiungere nulla, avendo dedicato gran parte del mio precedente post a Paolo Brosio e al suo incontro con la Madonna. Evidentemente per ritrovare la fede oggi è necessario pippare o sottoporsi a rettoscopie. Se così è, temo resterò agnostico ancora a lungo.

- Dopo due notizie del genere ho preferito lasciare Repubblica e leggere l’ansa. Nessuno credo ritenesse il Giornale un reale organo di informazione e non serviva certo questa notizia per spostare l’opinione di nessuno. Come per il primo punto però, una riflessione è d’obbligo. Il tipo che si è auto-minacciato è accusato di diversi reati e va bene, ma di questo non mi interesso, mi preme piuttosto sapere se è o meno plausibile che venga radiato dall’ordine dei giornalisti. Perchè se così non fosse credo sarebbe molto, ma molto grave. Per un giornalista esiste colpa più grave dell’inventare le notizie?

- Ne ho anche per la pagina di gossip: il nuovo look di Rihanna è una merda.

A questo punto ho chiuso i giornali e quindi chiudo anche il post. Avrei voluto scrivere un pezzo sulla “nuova moda geek”, argomento che ultimamente è molto in voga nella blogosfera, ma non ero dell’umore adatto.
Forse lo farò nei prossimi giorni.

1:25 pm

20 novembre, 2009

Influenza maiala!

Etichette: Film,Libri,TV,Videogames

L’aggettivo nel titolo ha pura accezione dispregiativa.
Non ho l’H1N1.
Non credo, quantomeno, perchè la febbre alta mi è durata si e no 24 ore ed è andata via da se.
O forse l’ho avuta e si è rivelata la cagata che è: una normale influenza.
In ogni caso è meglio che io rimanga a casa al calduccio anche questa sera, per preservare il mio non proprio roccioso organismo.
Ora c’è da capire come impegnare la serata.
Di giocare a PES ulteriormente non se ne parla, a meno di volersi far venire gli occhi pallati. Gran gioco il 2010, per inciso.
L’idea è quella di guardare qualche episodio della quinta serie di House.
Prima di farlo però ho pensato di testare il mio nuovo PC per quanto concerne il blog management e quindi eccomi qui a scrivere qualche riga dopo diversi giorni.
In realtà non ho molte cose di cui scrivere, la vita da malato non riserva particolari emozioni, ed avendo liquidato in una riga l’argomento PES che di questi giorni è stato il protagonista, restano vermanete poche opzioni.
Ieri ho visto “Uomini che odiano le donne”.
Avevo letto il libro tempo fa e devo dire che il film è decisamente meglio.
Un po’ perchè il cinema ha il pregio di eliminare i fronzoli descrittivi e snellire la narrazione, un po’ perchè il regista e lo sceneggiatore hanno avuto il pregio tagliare tutto l’inutile anche a livello di trama. Non solo, hanno anche dato all’assassino movenze più pulite, da vero serial killer cinematografico made in usa, eliminando tutta “l’imprecisione” che invece aveva nel libro. Questa frase credo non sia comprensibile a chi non ha letto il libro e visto il film e forse non è comprensibile nemmeno a loro, ma non credo di poter spiegare cosa intendo senza rivelare qualcosa della trama. Non amando farlo, prefersico essere incomprensibile.
In tele il Venerdì sera non c’è nulla.
Ma veramente nulla, tanto che sto guardando “Niente di Personale” su La7. Ora non è che sia poi malissimo come trasmissione, però oggi proprio non ci siamo.
Si è aperta con il monologo di Piroso e fin li tutto tranquillo.
Poi c’è stato ospite Paolo Brosio a presentare il suo libro.
In sintesi, dopo aver rotto l’ennesimo matrimonio Brosio si è dato ad un periodo di sesso, alchol e droga da cui è uscito grazie alla Madonna.
Devo riconoscere che vederlo lì, in lacrime, a raccontare le sue sofferenze mi ha un po’ rattristato. Sono così io, mi dispiaccio se vedo qualcuno che è veramente e sinceramente distrutto dal dolore e lui lo era.
Però le testimonianze di chi parla con Dio dopo una vita di eccessi un po’ mi stufano.
Dopo Brosio c’è stato Raf a presentare il suo nuovo singolo e lì ho deciso che avevo guardato la televisione abbastanza.
E ho spento.
Un po’ come ora mi sto rendendo conto di aver scritto abbastanza.
E quindi chiudo.

10:54 pm

11 novembre, 2009

Avere trent’anni

La Polly ci teneva proprio a vedere i Green Day dal vivo. Io sono un moroso come si deve e quindi ce l’ho portata, sfruttando ancora una volta le mie conoscenze altolocate. Ci ho portato anche Ciccio, perchè so che a queste cose ci tiene e già che c’ero ho tirato in mezzo anche Marco e Carlo che quando c’è da essere anni novanta son sempre presenti.
Si parte per il forum dopo il lavoro, Ciccio arriva in giacca e cravatta (una Ferragamo coi cuoricini di cui si bullerà per tutta la sera), parcheggiamo nel parcheggio a pagamento e nessuno di noi tre (Marco, Carlo e i loro amici li abbiamo incontrati dentro) ha mai sentito il nuovo disco. Viene quindi facile il totale perpendicolarsimo (my own personal contrario di parallelismo) con il concerto anni novanta.
All’interno del forum ci sono proprio tutti, dai ragazzini con i genitori, ai meno giovani nostalgici fino agli anziani. Ci sono anche diversi VIPs come il cantante dei Lost e Ringo, il DJ di Virgin Radio, da cui vengo inviato affanculo dopo una gag molto divertente che tuttavia perde molto del suo fascino se raccontata per iscritto.
Aprono il set i Prima Donna, gruppo abominevole riguardo al quale non spenderò ulteriori parole.
Io e Ciccio decidiamo di approcciare l’evento con l’attitudine punk di un tempo e così, dopo una salamella ed un rustichella, io perdo in fretta il conto delle birre. Entrambi sappiamo che le nostre speranze di sentire “Haushinka” e “Church on Sunday” verranno frustrate ancora una volta, però Ciccio si sente particolarmente parte della scena e non mi consente di esprimere qualsivoglia dubbio sulla tenuta artistica della band.
Il concerto vero inizia alle 20.38.
La scenografia è eclatante, il palco è immenso e ci sono pure i fuochi artificiali. Attaccano con pezzi dal nuovo album e sul palco ci sono altre due chitarre, una in vista ed una nascosta, più una tastiera. Billy Joe ha la chitarra, ma probabilmente non la suona. Io e ciccio, sempre più punk, decidiamo di riutilizzare uno scontrino che non ci è stato ritirato e prendere altre birre.
A fare i primi tre pezzi ci impiegano 25 minuti. Non essendo i Dream Theater è chiaro che qualcosa non va, ma alla gente sembra piacere particolarmente il momento “Ehhhhhh-Ohhhhhh” e quindi intorno a noi è puro visibilio.
A quasi un’ora dall’inizio Billy Joe attacca con le prime cover, buttate lì a piccoli assaggi per infoiare la gente. Nell’arco della serata ci sarà spazio per tutti, dai Nirvana agli AC/DC, dai Guns a David Bowie, dai Beatles fino agli Oasis, anche se credo che quest’ultimo caso non fosse voluto visto che l’intro di chitarra su cui abbiamo cantato “Wanderwall” era l’intro di “Boulevard of Broken Dreams”. Nel dubbio Ciccio dichiara che il pezzo è orribile e va a pisciare, tornando con una nuova birra. Io lo seguo a ruota.
A più di un’ora dal calcio d’inizio la ciurma inizia a manifestare disagio per via di una scaletta un po’ troppo new wave. I ragazzi sul palco se ne accorgono ed inizia il momento revival. Entra la storica chitarra con gli adesivi, la scenografia si fa minimal ed io inizio a sentire l’adrenalina salire, spinta probabilmente dall’alchol. Da qui i ricordi e le sensazioni si fanno un po’ confusi, ma spero di riuscire a renderli per benino.
Attaccano con “2000 Light Years Away”, che non è “Going to Pasalacqua”, ma che comunque accende gli spiriti. Io tiro a basso in un sorso ciò che resta dell’ennesima birra, per evitare di rovesciarla di li a poco. Nel parterre la gente smette di ballare e agitare le mani. Ciccio mi indica una tipa e grida: “AHAHAH, la figa ha smesso di ballare!!!”. Risate.
Segue “Hitchin a Ride”, il gruppo si compatta e avanza di qualche metro. L’atmosfera viene però distrutta da dieci minuti di “Ehhhhh-Ohhhhhh” e “I need only one, two, one, two, three, four!”. Io dichiaro che se fanno una roba del genere su un pezzo di quelli seri gli tiro le vans e torno a casa in calze.
All’improvviso, senza neanche chiudere il pezzo, parte “When I come Around”. Io perdo il cappellino per la prima volta. Si parte verso il palco, cantando come ragazzini. Si salta, qualcuno cade, nonostante non ci sia neanche l’ombra di quel che una volta era definito “pogo”. A fine pezzo ho il fiatone e ritorno dagli altri.
Parte “Welcome to Paradise” e si ritorna in mezzo, con più cattivria. Un piccolo pogo si crea e io e Ciccio ci buttiamo dentro ridendo come idioti. Dopo pochi scondi Ciccio mi guarda e dice: “Che pogo da froci”. Altre risate.
Sono quasi spaesato, le cose capitano intorno a me e io le subisco in preda a quella sensazione di benessere suscitata solo dai concerti d’una volta.
Durante “Brain Stew” è ormai delirio. Ciccio chiede in giro se c’è qualcuno che gli passa la versione di latino, io sostengo che “Brain Stew la suonavamo anche noi”, conscio del fatto che ciò che noi suonavamo avava solo la pretesa di essere quella canzone.
Parte “Jaded” ed io perdo il controllo del mio corpo.
Si tira di nuovo il fiato per “Longview”, aiutati dal fatto che vengano chiamati a cantare personaggi improponibili dal pubblico. Si canta tutti insieme, desiderando di uccidere la malcapitata ragazza sarda che si sta umiliando di fronte ad un pubblico non proprio ridotto. E’ una festa, con tanto di immancabili e tristissime pistole d’acqua per innaffiare un pubblico che forse un tempo ai concerti sudava, ma che oggi risulta più che altro seccato.
Il tutto pare essere vicino alla conclusione e per un attimo torno semi lucido, ma è un istante.
“Basket Case” è il degenero.
“She” è il colpo di grazia. Io vivo esperienze extracorporee e grido frasi senza senso, tra cui “Se ci sposiamo in chiesa voglio questa canzone” rivolto ad una Polly attonita. Ciccio è altrettanto adeso alla realtà e mi dice fiero di aver toccato le tette prima ad una ragazzina e poi a sua madre. Il momento è di quelli che ne vivi pochi.
Poi tutto torna pian piano alla realtà. Il concerto torna nella sua fase mainstream, l’alchol inizia ad abbandonare le mie sinapsi e l’effetto è quello di una piacevole dissolvenza fatta di botti, coreografie e coriandoli.
In questo stato passano gli ultimi pezzi e i bis, fino alla chiusura che tutti temono. Billy Joe afferra una chitarra acustica e prende il centro del palco. Ciccio mi dice che a quel punto o fa “Time of your Life” o fa “Albachiara”. Invece partono due ballatone presumibilmente estratte dagli ultimi dischi, la gente accende gli accendini, Ciccio accende una sigaretta ed io guardo l’orologio.
Siamo sulla soglia delle due ore e mezza di concerto ed io rifletto sul fatto che, si può dire quel che si vuole, ma va riconosciuto che a tirare in piedi uno show del genere partendo da tre accordi non sono stati in molti, nella storia.
Arriva il momento di “Time of your life” che non è più “Good Riddance” da almeno dieci anni e tutti sono contenti.
Le ragazzine piangono, i genitori pure.
Io ricordo la conclusione del concerto del 1997, ricordo che sono passati 12 anni e che vado per i trenta e a Billy Joe che mi dice “I hope you had the time of your life” rispondo: “I had, Billy. It was 1997″.

Nota: aggiornata la sezione “musica”.

2:53 pm

9 novembre, 2009

Croce e delizia

Ci ho provato, lo giuro, a non scrivere nulla riguardo la decisione della corte UE in merito ai crocifissi nelle aule.
Ci ho provato perchè non mi andava di infervorarmi nuovamente in una delle discussioni più antiche, inutili e paradossali del nostro paese.
Oggi però sono costretto a cedere ed i motivi sono essenzialmente due.
Il primo è che scriverò dei crocifissi per distogliere la mente ed evitare di parlare del caso Cucchi, in particolare delle dichiarazioni in merito rilasciate da Giovanardi. Voglio evitare di parlarne perchè in quel caso la rabbia sarebbe difficile da controllare e mi troverei inevitabilmente a scrivere cose tipo: “Giovanardi sei un pezzo di merda e spero che ti capitino cento volte le sofferenze che quel ragazzo ha passato nelle sue ultime ore di vita”, oppure a palesare alcuni miei pensieri riguardo le forze dell’ordine: insomma cose che non voglio scrivere per non avere problemi.
Il secondo motivo, ben meno difficile da spiegare, è che il mio caro amico Manowar non ha mancato di sinsigarmi sulla questione in mattinata, portando alla mia attenzione la performance della Santanchè a Domenica 5.
Siccome non so per quanto questo filmato resterà visibile in rete, ne descrivo il contenuto: la signora in questione ha dichiarato in TV che “Maometto era un pervertito pedofilo in quanto aveva diverse mogli tra cui l’ultima di soli nove anni di età”. Con molta simpatia, Manowar aggiungeva nel suo messaggio: “è la volta buona che la gambizzano :P”.
Dal canto mio, mi sono limitato a rispondergli: “Speriamo”.
Ci sono molte cose buffe da sottolineare in tutta questa vicenda e quasi quasi è bene andare per punti:
- Ho imparato che in televisione è possibile bestemmiare reiteratamente tutte le religioni fuorchè il cattolicesimo.
- Ho imparato che nel farlo è possibile sparare puttanate colossali quali il concetto di pedofilia contestualizzato a più di mille anni fa, quando nessuno prendeva in moglie una diciottenne, o il concetto di perversione associato alla poligamia. Quest’ultimo è ancora più assurdo, se vogliamo, perchè stando alla legge naturale che tanto cara risulta ai fondamentalisti cattolici quando si parla di omosessualità o fecondazione in vitro, beh, è proprio la monogamia ad essere una perversione in quanto certamente non “naturale”.
- Ho imparato che tra la gente che conosco ci sono un sacco di persone che difendono il crocifisso. Le stesse persone che bestemmiano ogni tre parole. Le stesse persone che, quando si era a scuola, lo staccavano dalla parete o lo appendevano al contrario (non scherzo). Le stesse persone che difendono la famiglia e vanno a troie (di qualsovoglia genere). Le stesse persone che difendono la vita e poi fanno pestare a morte ragazzi in carcere. Vabbè, quelle persone lì, insomma.
- Ho imparato che c’è un sacco di gente dalla spiccata ironia, in questo paese, come dimostrano ad esempio questo link e quest’altro.
- Ho imparato che l’educazione dei ragazzi dipende da quel che c’è affisso alle pareti e non da quel che gli si dice.
- Ho imparato che i comandamenti proibirebbero di idolatrare i simboli, ma che i comandamenti sono più che altro una traccia come il codice dei pirati.

Ho anche imparato che mentre noi ci facciamo le seghe su problemi del cazzo, in America stanno facendo la rivoluzione.

4:55 pm

4 novembre, 2009

Primo tentativo a vuoto

Etichette: Concerti

Ieri sera avrei dovuto intervistare i Poison the Well prima della data di Milano.
Non l’ho fatto.
In realtà non me l’hanno permesso, perchè non risultavo tra gli accreditati. La cosa oggi mi spiace più che altro per la possibilità sfumata di fare una cosa che sogno da sempre. Ieri invece ero seriamente incazzato perchè 1) per l’intervista sono arrivato sul posto alle 19 e siccome ero da solo starmene lì a far nulla fino all’inizio del live non è stato piacevole e 2) mi fa abbastanza girare il culo essere preso in giro. Nessuno costringe nessuno a rilasciare interviste. Io collaboro con una webzine per pura passione e, ovviamente, non me ne viene in tasca nulla. Non scrivo per Alternative Press, non paghiamo per le interviste e non faccio questo di lavoro. Per arrivare puntuale all’appuntamento ieri ho iniziato a lavorare un’ora prima per poter uscire per tempo ed arrivare all’orario stabilito e mi sono sparato un’ora di coda per raggiungere un locale in zona S.Siro la sera di Milan-Real. Arrivato in loco ho pagato il biglietto. Una persona che è disposta a fare tutto questo per la passione che coltiva non merita di essere presa per il culo da quale che sia agente/manager/cazzaro di quale che sia etichetta. E’ questione di rispetto.
Nonostante questo piccolo inconveniente il concerto me lo sono goduto. Un resoconto dettagliato della cosa lo scriverò per Groovebox nei prossimi giorni, quindi non mi ci dilungo sopra anche qui. Dico solo che i Poison the well dal vivo sono un’esperienza da fare.
“Nerdy” dal vivo è un’esperienza da fare.
Buoni anche i Thursday, sebbene non ai livelli di Bologna.
I Rise Against li ho saltati a piedi pari. Già visti, mi è bastato.
E poi io da giovane ho visto l’originale.

10:08 pm

2 novembre, 2009

Level up!

Etichette: Blog

Forse l’avevo accennato o forse no, non ricordo.
Sta di fatto che avevo decisamente voglia di dare una rinfrescata a questo sito e così eccoci qui.
Nuova grafica.
Come tutte le cose non è detto che piaccia, ma mi reputo abbastanza soddisfatto del mio operato.
Ci sono ancora alcuni angoli da smussare, in realtà, ma è roba che dovrebbe riguardare solo me e non i visitatori. Spero di risolvere il tutto nei giorni a venire.
Solitamente aspetto il compleanno del mio blog per operare questi grandi stravolgimenti, ma mi pare di essere andato oltre questi stereotipi esattamente quanto sono andato oltre al rosa del vecchio style.
Null’altro da aggiungere.
Anzi, una cosa c’è.
Mi sono preso la libertà di utilizzare un font non standard per la realizzazione di questa nuova veste.
Il motivo è essenzialmente che mi piaceva.
Ora, so che la cosa non è da fare e che va contro tutte le buone regole della programmazione web, ma… whatever?
Il sito funziona anche senza, non dovrei arrecare particolare danno a nessuno, ma chi volesse goderne appieno può clikkare qui e risolvere il problema in pochi istanti.
Alla prossima.

8:21 pm


Sviluppato su WordPress
Creative Commons License
Manq by Giuseppe Mancuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.