Vai al contenuto

Buona notte.

Ho un dubbio.
Non so se su un diario si debba scrivere anche se non si ha nulla da dire. In realtà credo di si, perchè quando lo rileggerò in futuro vorrò ricordare come mai oggi non avevo nulla di cui parlare, tuttavia il dubbio resta immutato.
Per questo, di proposito, non avevo scritto fino ad ora. Un po’ perchè speravo che capitasse qualcosa che fosse degno di essere raccontato, un po’ perchè oggi pomeriggio ho deciso che avrei fatto altro.
Sarebbe stato, oltre a quello presente, l’unico momento in cui avrei potuto dedicarmi al mio Blog. Stamattina infatti, ho preferito dormire. La festa con i compagni di università di Ambra cui ho partecipato ieri sera è durata più del previsto e non me la sono sentita di alzarmi dal letto prima delle 12.30, orario limite che mi permette di mangiare e raggiungere l’ufficio in tempi leciti. Tornato dal lavoro quindi, pressappoco intorno alle 18.00, sarebbe stato il primo momento buono per sporcare la paginetta odierna con delle parole. Sarebbe però stato anche il momento buono per dedicare del tempo all’adorata Playstation, che ultimamente sto trascurando un po’.
Ha vinto l’egoismo.
Oddio, egoismo. Riflettendoci entrambe le attività sono fatte da me per mia volontà e per mio piacere personale, quindi anche scrivere sarebbe potuta essere una scelta egoista.
Forse quindi ha vinto la pigrizia.
Certo che anche pigrizia è un termine forte, visto che scrivere si è rivelato inaspettatamente un passatempo piacevole e per nulla pesante.
Ha vinto la speranza di poter trovare argomenti nel proseguo della giornata? Non credo, sono piuttosto disilluso verso le possibilità offerte da un mio “Venerdì Sera” tipo.
In conclusione, credo abbia semplicemente vinto la Playstation che ancora una volta ha sfoderato il suo incredibile charme.
Eccomi quindi alle prese prima con GTA San Andreas e dopo cena, in compagnia, con Pro Evolution Soccer 4. Discrete entrambe le prestazioni, anche se la rivalità con Simo sui campi da calcio si è conclusa in pareggio perfetto. Purtroppo anche stasera ho pagato la sindrome da Veron, sempre a segno contro il mio Milan.
E’ finita la canzone che tenevo in sottofondo, era “That I will be Good” di Alanise Morrisette. Che sia un segnale del fatto che è meglio smettere di scrivere e andare a dormire? Non so, ma credo lo interpreterò così. Giusto il tempo di predisporre lo stereo a diffondere la colonna sonora della nottata, che su due piedi direi verrà aggiudicata ai Matchbook Romance, ed indossare il pigiama.
Buona notte Manq.

1 commento su “Buona notte.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.