Listening to the wind of change…

In camera mia ha fatto irruzione una ventata di cambiamento.
Via la tv, via il mio vecchio monitor 15″ Sony (datato 1994), via i cavi a vista. Tutto riarredato e riarrangiato in modo da avere televisione e PC fusi in un unico apparecchio totipotente. Per realizzare questa opera omnia è stato necessario fare dei piccoli ed oculati acquisti. In primis un nuovo monitor. Via libera alla tecnologia e quindi ecco fare la sua comparsa un Benq LCD da 17″. Bello, riposante per la vista, ma soprattutto enorme. Lui è indubbiamente la guest star della lista di innovazioni che ho apportato. Sue colleghe sono la scheda TV Tuner, una scheda video “nuova” e una tastiera che sostituisca quella che ho spaccato ieri. Ho volutamente virgolettato l’aggettivo nuova riferito alla scheda video perchè si tratta di un modello piuttosto vecchio che però è comunque tutt’altra cosa rispetto a ciò che ho ora. Ringrazio Max, il mio tecnico di fiducia, che ha reso possibile il tutto.
Questa brezza però non si è accontentata di rivoluzionare unicamente il mio personal computer, ha aggredito anche la mia libreria. Eliminata la televisione posta un tempo alla base del mobile, lo stereo ha fatto prepotente richiesta per usucapirne la postazione. Sfortuna vuole che per una questione prettamente legata alla lunghezza dei cavi, questo non fosse possibile. Primi momenti di panico, poi mio padre ha preso in mano la situazione e, soprattutto, il suo trapano. Con una serie di buchi ben piazzati e un’opera mirata di tassellaggio sono state modificate le altezze dei ripiani della libreria e sono stati creati canalini per i cavi dello stereo che ora staziona fiero sulla seconda mensola. Orgogliosi abbiamo ammirato il nostro lavoro.
Resta ora da concludere il tutto con le operazioni più monotone, ovvero pulire laddove si è sporcato, ma lo si farà felici di aver ottenuto un buon risultato.
La mia televisioncina è stata presa dai miei, la terranno in camera loro, mentre il mio vecchio e glorioso monitor è partito alla volta del mercatino dell’usato.
E’ uno strano posto il mercato dell’usato.
Appena si entra si ha come l’impressione di essere finiti in un luogo senza tempo. Il mix di oggetti vecchi e nuovi lo priva di qualsiasi possibile contestualizzazione in quest’ambito, lasciando nell’avventore un senso di smarrimento misto a stupore. Appena ripresomi dal torpore, la prima cosa che ho pensato è che i VIP, quelli che si arredano le case in stile “Vintage”, quelli delle “Concept House”, probabilmente pagano l’arredamento di una villa a sei piani meno di quanto abbia speso io per risistemare camera mia.
Ho pensato fosse ingiusto.
Poi ho pensato che erano semplicemente più furbi di me.
Infine ho capito che loro possono arredare una casa in stile “Vintage” mentre io posso tutalpiù arredarla in stile “Trash/Pezzente”, pur facendo all’atto pratico la stessa cosa.
In fin dei conti, se loro sono VIP, un motivo ci sarà. Mi accontento di avere una camera normale, al passo con i tempi ma non schiava della modernità. Se poi dovesse capitare di diventare io stesso un VIP posso sempre dire che il Galeone dei Pirati della Lego che ho sull’ultima mensola è molto “Vintage”.
In realtà è semplicemente un ricordo d’infanzia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.