La pagina di Ze

Ed eccomi a riscuotere il premio.
Non temete, comunque, non parlerò d’altro che del blog stesso, in un certo senso.
In questo spazio, aperto potenzialmente ad un’audience mondiale, non ha importanza quale sia l’origine del tuo nick, Manq. Esso sussiste in quanto tale. E dunque cosa significa la parola “manq” in quanto tale?
Vediamo un po’ di fare un breve viaggio attraverso i suoi significati.
Poniamo di iniziare il nostro viaggio dalle parti del medio oriente. Più esattamente, andiamo nel Nord della Siria, molto vicini al confine con la Turchia. Per i più pignoli (o per quelli che vogliono controllare con GoogleEarth), siamo a 36° 31′ 10N e 37° 3′ 30E, ad un’altitudine di 488 s.l.m.
Ebbene, qui c’è Manq. E’ un paese della Siria non lontano dalla storica Aleppo, nello stato del Muhafazat Halab. Però è abbastanza sperduto, e poi in questi giorni è nuvolo. Lunedì ci ha addirittura piovuto. Andiamo altrove, a cerare un po’ di sole. Ad esempio in Egitto, sulle isole Abu Manq? Ottime per fare immersioni: sono nel Mar Rosso, a due passi da Hurghada, mica male, no?

Vabbè, ho capito, niente percorsi turistici. Allora facciamo un salto al di là dell’Atlantico?
Sulle Ande vivono gli Aymara, una popolazione autoctona decimata prima dagli Incas e poi dall’uomo bianco. Ciònonostante, gli Aymara hanno mantenuto per 2000 anni le proprie tradizioni, tra cui quella di masticare foglie di coca. Ma non è questo il legame con Manq. In verità, la forte identità culturale degli Aymara ha permesso loro di conservare anche il proprio linguaggio. Manq, nel linguaggio Aymara, è la radice che sta alla base di tutti i termini che riguardano il cibo. Ad esempio, “manq’a” significa “cibo” e “manq’suna” significa “mangiare tutto”. Interessantemente “manqhi” significa “dentro” e “manqhankaña” significa “stare dentro”, il che potrebbe portare a speculare un significato etimologico di “manq’a” come “quel che va dentro”, ma sono mere congetture.
Comunque Manq ha colpito anche qui.

Proseguiamo verso ovest? Superiamo d’un lampo anche il pacifico e approdiamo in Giappone. Prima cosa, un po’ di sano shopping… e cosa vediamo in vetrina in questo trendyssimo posto che vende borselli di plastica? MANQ!!!!! Vedere per credere…

Manq

Insomma Manq è un po’ ovunque e si potrebbe andare avanti ancora un po’, basta seguire questo link ed affidarsi alle cure di San Google (o di Google-San, a seconda delle proprie convinzioni filosofiche).

Ze

7 commenti su “La pagina di Ze”

  1. La borsetta è fantastica, se riesco la ordino on-line.
    Per il resto è molto interessante soprattutto la parte sul linguaggio Aymara. Ne sei venuto a conoscenza in viaggio di nozze?

  2. anche a me a colpito molto la parte sui linguaggi! anche quella geografica non era niente male. forse ha ragione carlo a dire che sei malato, ma complimenti!

  3. Grazie, grazie. ;)
    Gli Aymara nel viaggio di nozze li ho solo sentiti nominare, ma il resto è tutto coincidenza.
    Riguardo il russo, c’erano tanti link del genere, come sempre quando frughi bene in google, ma ho evitato accuratamente… :)
    E riguardo il borsello, Manq, spero che tu scherzi… ;P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.