Sdoganamento una sega

Questo post era in canteire nella mia testa da un bel po’ di tempo, ma credo non ci fosse momento migliore per dargli una forma ed un corpo. Tra breve spiegherò il perchè oggi sia IL giorno giusto, ma prima vorrei introdurre a grandi linee il tema.
Today on manq.it is nerd pride.
Attenzione però, si tratta di vera attitudine nerd ed altrettanto vero orgoglio, roba molto, ma molto distante dallo sdoganamento che attualmente si cerca di dare al termine. Chiariamolo subito: Rivers Cuomo, uno “vero” che ciò nonostante ce l’ha fatta, ha creato un precedente sgradevole e da quel momento passa il concetto che essere nerd sia figo. Che sia come essere alla moda.
Beh signori, non è vero un cazzo.
Di essere nerd, anche solo un po’, in gioventù ci si vergogna. E’ avere qualcosa in comune con una fetta della società che a nessuno, ripeto nessuno, fa piacere avere intorno (anche solo per l’odore di sudore che ne scatursice).
Chi oggi si bulla dell’essere nerd, se non lo sta facendo vestito da goblin in qualche castello della bassa bresciana in compagnia di suoi simili ormai irrecuperabili, con tutta probabilità non conosce il fenomeno e pensa che sia un modo giovane e cool di definire chi ascolta indie, mette i pantaloni stretti e ha quel fare da sfigato per limonare di più. Nulla di più lontano dalla realtà.
C’è solo una strada che porta alla possibile riabilitazione della cultura nerd (ribadisco, della cultura, non dell’esserlo) ed è quella di viverci ai margini durante l’adolescenza. Abbastanza inserito da essere guardato male dalla gente normale, ma non abbastanza da non essere guardato male anche dai nerd full HD.
Il limbo degli sfigati con la fissa dei fumetti/gdr/fantascienza (spesso non propriamente self confident) che non hanno problemi con la loro passione, ma ne hanno diversi con chi nell’immaginario collettivo iconizza quel tipo di hobby.
Sto parlando di quelli a cui è riuscito di mettere in atto il comandamento supremo: “Get a life!”.
Noi.
Noi che ce l’abbiamo fatta e ne siamo consci. Sapevamo qual’era il pericolo, l’abbiamo visto e toccato da molto vicino, ma non ci siamo caduti ed oggi, razionalizzando sull’argomento, ostentiamo con orgoglio come la nostra passione per quel determinato ambito nerd non ci abbia trasformato in esseri doccia repellenti dal capello costantemente unto e la maglietta degli Stratovarius costantemente pezzata.
Solo per questo posso scrivere senza problemi che oggi è il giorno giusto per parlare della cultura nerd perchè Lunedì sera ho concluso dopo diversi anni la campagna di D&D in cui facevo da master.
E solo per questo posso rivelare con altrettanta tranquillità di essere passato in libreria questa sera ed aver acquistato un romanzo tratto dalla stessa ambientazione in cui eravamo soliti giocare per leggerne le origini.
Posso farlo perchè sto riflettendo a mente fredda nella solitudine di casa mia di fronte allo schermo del mio portatile.
Oggi in libreria però, a caldo, quando la commessa mi ha chiesto “E’ tuo “La trilogia degli Avatar”?” ho di getto risposto: “Sì, ma è per un mio amico.”
Chi ha visto il lato oscuro se lo porta dentro per sempre e vive nell’ansia.
Mi dispiace per i Deaf Pedestrian, ma di “good” non c’è proprio un cazzo in tutto questo.

11 commenti su “Sdoganamento una sega”

  1. non ho nemmeno le parole per insultarti.
    Fino alla ventiseiesima riga ho sentito crescere dentro me l’irrefrenabile voglia di chiederti in sposa.
    Alla ventisettesima è crollato tutto. VERGOGNA…

  2. Credo che il buon Manowar si sia offeso quando hai segnato come nerdish gli stratovarius.
    O forse la trilogia degli avatar? ;-P

    E io invece mi sono preoccupato leggendolo, perchè non mi sono vergognato a comprarla… :\

  3. Ah, inizialmente, leggendo il titolo, ho pensato fosse una riflessione molto gucciniana sull’onanismo. E quindi ero molto curioso di sapere perchè adesso fosse il momento giusto !!! :D

  4. Tendo a quotare Manowar, interpretando come punto di crollo la tua uscita sulla trilogia degli avatar (che però io vedo alla riga 28, non 27).

    Gran bel post, comunque ;-)

  5. Beh, se la critica è per la maglietta degli Stratovarius, direi che non c’è nemmeno da discutere. Schifo al 100%, anche indossata da Megan Fox. :D

  6. “Si’, ma è per un mio amico” l’avrei risposto se mi avessero visto comprare un’enciclopedia sulla coprofagia, o la repubblica.
    Non certo per un LIBRO FANTASY!!! VERGOGNA!!!

  7. ho colto tutto quello che ho vissuto anche io a cavallo degli ultimi 30 anni…
    pero’ superata l’adolescenza ho risvegliato l’orgoglio nerd e sono uscito dal tunnel.
    Quando vado a comprare roba fantasy in genere vado appositamente dopo ufficio in giacca e cravatta proprio per fare sfoggio esagerato della contrapposizione a quello che la cultura becera darebbe per scontato… FANTASY=PER BAMBINI.
    Stessa cosa se vado a comprare biglietti di concerti Metal (ABORRO TICKETONE) o trenini elettrici (altra malattia).
    Se invece devo comprare roba informatica mi scatta la fobia contraria, non voglio farmi vedere nei centri commerciali con gli storditi che fanno domande idiote (a commessi ancora piu’ idioti), indi per cui da anni acquisto solo online in pacco anonimo! ;)

  8. Eh, ma è proprio quello che dico io.
    Oggi ne parlo senza problemi, come dimostra questo post, ma ogni tanto, se preso a bruciapelo, riaffiora la vergogna che ha caratterizzato anni e anni della mia vita.
    Riguardo i concerti metal invece dovresti vergognartene eccome. :D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.