Ten years of fucking up

Nella mia mente ogni cosa ha sempre avuto un momento giusto per finire. Mi sono fatto un sacco di quadretti a tema in testa nel corso degli anni, ricamando con la fantasia. Credo sia un meccanismo che porto avanti più o meno inconsapevolmente per esorcizzare l’impotenza nei confronti delle cose che finiscono. Non trattandosi di un se, mi prendo la libertà di fantasticare sul quando postulando l’esistenza, come detto, di un momento e di un contesto giusti.
Appropriati.
Ideali, addirittura.
Sono sempre stato affascinato dai finali, soprattutto se ad effetto, e probabilmente questa cosa ha influenzato un sacco i miei gusti musicali o la roba che mi sparavo in TV. Scrivo queste righe e in testa compare immediatamente Pacey che lascia Joy al ballo di fine anno.
Mollare all’apice.
Mourinho che fa il triplete e lascia l’inter prima ancora di aver portato la coppa fisicamente a Milano da un’idea del punto. Da lì non si poteva che scendere e quindi meglio smetterla e chiudere lasciando un bel ricordo. Che è una cosa facile, se vogliamo. E’ un po’ scappare dai propri limiti. Non accettare di poter fare peggio come se abbassare il livello squalifichi in qualche modo l’averlo tenuto così alto in precedenza. Ha un senso? Certamente è un modo di vedere le cose che se sei cresciuto avendo come romanzo generazionale “Jack Frusciante è uscito dal gruppo” può avere delle giustificazioni. Che poi ok il libro, ma io penso soprattutto al fatto che a sedici anni avrei dato via una mano per essere mollato da Violante Placido. Io da ragazzino avevo fantasie di relazioni perfette che finivano in modo perfetto. Tutto torna.

Questo blog oggi è ben lungi dall’essere al suo apice. Se per un momento queste pagine hanno avuto una qualche rilevanza, non è adesso. Il pezzo che si trascina da qualche riga a questa parte è il numero 890. Anche un bel numero volendo, tuttavia non è 1000.
Succede però che questo mio diario online oggi fa dieci anni esatti e sono un bel po’ di tempo nell’arco di una vita che ne conta 33 e un pezzo. Dieci anni di vita sono ben oltre le aspettative che avevo quando l’ho aperto, ma anche molto più di quanto avrei ipotizzato nel momento in cui scriverlo mi dava più gusto. Sono uno che vive di mille passioni estemporanee che spesso si consumano in tempi brevissimi. Quando si parla di hobby mi interesso a enne cose diverse senza portarne avanti nessuna con costanza. Eppure, non so come, questo sito è rimasto nel tempo. Se immagino la chiusura di questo blog me la vedo con un post più bello di questo (non di molto direi, anche se con un titolo certamente migliore*), in un momento significativo come potrebbe essere questo e con un tot di persone che mi scrivono che a loro dispiace. Non tante, ma quelle giuste. E che sia vero o meno, posso giurarlo, non conterebbe un cazzo perché le bugie che mi fanno stare bene sono ben accette da sempre.**
Io però questo blog oggi non lo chiudo.
Magari l’ultimo post su queste pagine sarà il prossimo o quello ancora seguente. Probabilmente sarà un post che parlerà di tutto tranne che del suo essere l’ultimo. Questo perché i finali nella vita vera non sono mai perfetti, belli o anche solo vagamente corrispondenti alle aspettative. Non ci sono immagini emozionanti che scorrono su un telo come nel meraviglioso finale di Scrubs e quando i Get Up Kids scrivono un comunicato perfetto per annunciare il loro scioglimento mettendoci dentro cose tipo “all good things have endings” prese dai loro pezzi più fighi, viene fuori che il finale reale sarà un altro, con un disco brutto e inutile e tanta gente che non glielo perdonerà mai. Il momento giusto per mettere un punto semplicemente non esiste.
Quindi, buon compleanno blog.
E avanti finché dura.

* Ten years of fucking up è una videocassetta (!!!) dei NOFX che io e alcuni compagni del liceo avevamo comprato in colletta. Nel 1997, probabilmente.
** un blogger figo questa frase l’avrebbe scritta coi tempi verbali giusti. O, nel caso anche i miei lo siano, l’avrebbe saputo.

4 commenti su “Ten years of fucking up”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.