Diario dall’isolamento 2: day 31

Da venerdì sto ascoltando in continuazione il nuovo di Dargen D’Amico e probabilmente è il suo disco migliore dai tempi di D’io.
È un disco grosso, con tantissime cose dentro e non tutte sono esattamente il mio. Jacopo, per dire, l’ho detestata fin dall’uscita come singolo, mentre Non sono più innamorato al momento fatico a tirarla fino in fondo. Dall’altra parte però credo ci siano anche dentro tracce davvero stupende, picchi che appunto non trovavo dai tempi di D’io, vuoi perché non Variazioni è un disco particolare e imparagonabile al resto o perché ONDAGRANDA fa cagare. Pezzi come Danza Samba, Dalla parte della Legge, Boulevard Verona e la conclusiva Internet è un Virus le sto macinando a ripetizione da quando è uscito il disco, ma anche i singoli buttati fuori in primavera tengono ancora botta senza problemi.
In particolare Abbastanza, che penso senza problemi sia il miglior pezzo del disco e un buon esempio di cosa sia Dargen D’Amico per me: basi incredibili, flow particolarissimo e un senso per le liriche che porta tutti a scuola.

Se cerchi Dio nel mondo
Lo trovi in ogni spazio.

Tutti. A. Scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.