True lies

Le relazioni tra teenagers dei telefilm americani non sono frutto dell’invenzione. Esistono.
Apprenderlo è uno shock cui difficilmente ci si abitua. Io, personalmente, non ne sono in grado ed ogni volta che qualcuno dei miei amici me lo riporta alla mente non posso esimermi dal fermarmi a rifletterci sopra. Anche alle 3.00. Le mie “storie”, che siano queste intese come rapporti di amicizia o di affetto, tendenzialmente sono banalmente lineari. Ho i miei alti e bassi, certo, ma non so come mai non riesco ad infilarmi in storie complicate. Eppure di esempi da emulare in compagnia ce ne sarebbero a iosa. Tizio sta con Caia, ma in realtà ne vuole da Sempronia; Mimì si prende bene per Cocò che lo illude nonostante la sua relazione con Cacamucazzo; Gianni è innamorato di Pinotta, che contraccambia, ma ciò nonostante quando stanno assieme non fanno che litigare. Reali o immaginarie che siano, queste sono situazioni che mi vengono settimanalmente all’orecchio e, quale che sia veritiera delle due ipotesi, c’è gente che ci sta male.
Questo mi dispiace.
Io, dal canto mio, mi tengo stretto la mia banalissima, linearissima e bellissima storia con Bri, sperando che resti tale più a lungo possibile. Oltre a questo, mi fa piacere che le persone che mi stanno intorno si rivolgano a me se hanno bisogno di parlare. Spesso provo anche a dar loro il consiglio facile tipico dell’esterno alla vicenda. Ad essere totalmente schietto, le vicende intricate dei miei amici mi appassionano e, una volta saputo l’incipit, non posso fare a meno di seguirle con morbosa curiosità. Ammetto persino di lasciarmi andare a dei pronostici, di tanto in tanto.
Non so se esiste il maschile di “pettegola”, ipotizzandone uno e volendolo usare per definirmi, direi “pettegola in grado di guidare”.

Fermati un momento e cerca di ricordare: “Perchè stai camminando?”

Ieri ho passato una serata piacevole.
Ci ha fatto visita Giorgio, un cugino di mio padre (NdM: dovrebbe essere anche mio cugino, ma siccome ho sempre avuto problemi nel capire come funzionino i legami di parentela, preferisco non lasciarmi andare a supposizioni magari infondate) che abita in Sicilia. Per la precisione il paese in cui vive è Corleone. Erano un po’ di anni che non lo vedevo, l’ultima volta che le nostre strade si incrociarono è stata almeno 2 o 3 anni fa, quando fui io ad andare a trovarlo. E’ sicuramente una mente geniale. Laureato in Medicina con il massimo dei voti e specializzato in Odontoiatria, ultimamente ha preso a lavorare all’ospedale di Palermo. Neanche a farlo apposta, si è specializzato in biologia molecolare e genomica ed ha iniziato a gestire il laboratorio ospedaliero in queste pratiche scientifiche d’avanguardia. Cosa c’entrano con l’odontoiatria? Niente. Ma proprio niente di niente. Però, stando a ciò che dice lui, questa nuova frontiera della medicina l’ha appassionato enormemente. Si sa, al cuor non si comanda…
E’ stato bello parlare con lui di queste cose, poichè mi ha ricordato il perchè ai tempi scelsi di laurearmi in Biotecnologie Farmaceutiche. Ultimamente infatti avevo perso di vista le mie motivazioni originali. L’università da un po’ di tempo sta diventando una sorta di calvario, una via crucis in cui ogni esame fa da stazione. Non che io stia marciando male, do sempre i miei esami con regolarità e i voti sono quelli di sempre, però fatico a vedere la luce in fondo al tunnel.
Dialogare con Giorgio di farmacologia, diagnosi e cose del genere mi ha riportato alla mente quello che esami e professori mi stavano facendo dimenticare.
Il “perchè”.
Ora non dico di essere tornato motivato o entusiasta, non è così, però la speranza non è più di finire prima possibile per poter dire “E’ finita!”, ma di finire prima possibile per poter dire “Si comincia!”.
Giorgio si è fermato per la notte e gli abbiamo offerto il mio letto. Pur non disdegnando l’opzione “Dormi in macchina” che i miei avevano premurosamente concepito per sistemarmi, ho deciso di farmi ospitare da Aui*. Arrivato da lui dopo cena (appena dopo aver appreso che i ragazzi sono tornati a -5. E andiamo!!) sono stato accolto e sistemato nel letto che una volta era di sua sorella.
Come da me già messo in preventivo, prima di dedicarci all’arte del sonno i discorsi sono stati dei più vari e disparati. Molte le chicche, troppe per riscriverle tutte.
Ho dormito cinque ore.
Ringrazio la mamma di Aui per il caffè, è stato vitale.
Aui
* un vero Amico