Non ci sono più parole

Il Presidente del Consiglio, invece di andare dal Presidente della Repubblica, va a puttane.
Oltretutto simula una malattia per poterlo fare.
Qualunque persona con una dignità propria si sarebbe dimessa.
Lui ovviamente no.
Però, cazzo, esigo almeno l’intervento di Brunetta.

6 commenti su “Non ci sono più parole”

  1. Lo so, hai ragione.
    Adesso quasi quasi lo cambio perchè non ho mai trovato giusto scadere in certe cose.
    Pensavo fosse abbastanza “nascosto”.
    Però sul momento è stato più forte di me.
    E’ stata la mia prima reazione alla notizia.
    Mi scuso, seriamente.

    Ecco, il fatto che sia l’unica cosa che hai da dire in merito alla questione è decisamente indicativo.

  2. Ieri ha dimostrato di essere un pagliaccio.
    La torta nei frigor degli sfollati con scritto un suo messaggio, consiglia ai giovani di non leggere i giornali, continua a parlare di questi cazzo di castelli della Loira per la questione Alitalia Air France.
    Ha rotto il cazzo.

  3. Il fatto che non abbia altro da dire è effettivamente indicativo.
    Pensa che domenica scorsa, in un momento di sconforto piu’ forte del solito, avevo pensato di chiederti uno “spazio” per dire la mia (ma era proprio 1 riga) su quello che penso di quell’uomo. :)

    Diciamo che la mia maglietta “Grazie a Dio sono Italiano” in questo momento è chiusa in fondo ad un cassetto… non la uso piu’ nemmeno per dormire.

    Saluti dubbiosi,

    Mnwr

  4. Ma carissimo, quando vuoi le porte di questo sito sono apertissime.
    Anzi, sarei molto lieto di lasciare spazio ad una tua riflessione articolata sulla situazione attuale.
    Magari le farei un cappello introduttivo, ma solo per presentare la persona che sta dietro le idee. :D

    Scherzi a parte, la questione qui è drammatica.
    Secondo mio personalissimo parere siamo all’inizio del declino, ormai sta perdendo la bussola e non manca molto a che gli abilissimi politici italiani abbandonino la nave e lo lascino affondare da solo come è capitato a tutti i “grandi” della nostra storia politica. Questo però non è del tutto positivo per diversi motivi:
    1- non ho idea di quanti danni possa ancora fare prima della fine.
    2- non ho idea di cosa ci aspetterà dopo di lui, visto che siamo privi di una classe politica. Lo spettro di una nuova DC è più che un incubo di fine estate.
    3- non ho idea di quanta influenza possa avere sulla sua disfatta il suo immenso impero economico. A differenza dei suoi predecessori abbandonati sul patibolo, Silvio può permettersi di comprare molte, troppe persone e questo potrebbe spostare gli equilibri. Da qualche tempo il suo potere di acquisto sta venendo fuori sempre più lampante. Non che prima non lo facesse, ma ora non si cura più di non darlo a vedere e, anzi, lo usa come mezzo di propaganda del suo imenso potere.
    C’è da aspettare e vedere, ma i guai sono ben lontani dall’essere al termine per questo paese, anche se lui cadesse…

  5. risposte ai tuoi 3 punti
    1- tanti, di sicuro troppi
    2- ci aspetterà la “new wave” della politica italiana, qualcosa del tipo NCDC (nuovo centro democratico cristiano), si ho sempre odiato gli acronimi ma a loro piacciono tanto!
    3- In realtà per quanto possa suonare strano, secondo me anche il suo impero economico è prossimo al collasso(non necessariamente immininente), lo paragonerei all’italia nel periodo precedente alle cosiddette “mani pulite”, ossia sfoggio ostentamente barocco dei propri quattrini, nella speranza conscia o non, di evitare il tracollo.(o quantomeno mascherare tale processo)
    già mi immagino il Felice battagliare con il Piersilvio e quest’ultimo a sua volta incarognirsi con le sorelle…quando un “imperatore” cade gli sciacalli si mangiano i resti e una volta finito iniziano a mangirsi tra di loro…
    concordo poi con la tua chiosa, non è colpa del berlusca se l’italia è il bel paese in cui viviamo, il tizio in questione altro non è che una degna rappresentazione della maggioranza degli italiani (e non mi riferisco ai risultati elettorali..)
    un triste ciao a tutti voi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.