IKEA

Lo so, Marzo ha abituato tutti troppo bene con il suo incessante martellamento di post sempre nuovi ed attuali e così ora che nei primi dieci giorni di Aprile non ho scritto una riga sul blog inizio ad avvertire non solo il classico senso di colpa verso me stesso, ma anche questo nuovissimo senso di colpa nei confronti dei lettori (?).
Ho deciso di liberarmi di questo duplice peso.
La verità però è che non è successo poi molto in questi dieci giorni.
Ok, sono rientrato in Italia, ho rivisto gli amici e mi sono gustato una super soddisfacente gita di Pasquetta, ma raccontare tutto questo a giorni di distanza mette tristezza, quindi devo andare oltre.
Ci sarebbe la questione preti pedofili con l’onda di scandalo che arriva dall’america e che sta sommergendo il mio amato Ratzinger, ma riprendere con un argomento del genere le mie scritture on-line sarebbe troppo impegnativo. Per chiunque proprio tenesse ad un mio parere in merito la Google Hit List di Marzo è poco più sotto e basta fermarsi alla prima posizione della classifica per avere una chiara esposizione del mio pensiero.
Serve un altro argomento.
In questi giorni sono morti Maurizio Mosca e Malcom Mclaren. Due enormi perdite per la storia del punk. Il primo tuttavia l’ho già omaggiato come meritava, mentre del secondo, ad essere onesto, non mi è mai interessato molto. Anche questa notizia è quindi da scartare.
Resterebbe il mio ventinovesimo compleanno, celebrato con gioia nel momento in cui ho scoperto che non si sarebbe trattato del trentesimo (questo è avvenuto pochi giorni prima, parlando con i colleghi) e coronato dall’arrivo in casa mia di un super regalo. Non saprei che aggiungere, però.
Forse un argomento alla fine l’ho trovato.
Oggi io e la Polly siamo andati all’IKEA per acquistare i mobili del nostro nuovo appartamento. Dopo aver girato tutta l’esposizione, selezionato con rigore tutto ciò che costava meno, recuperati gli articoli in questione da tutti gli scaffali del magazzino e fatta buona parte della coda in cassa ci si avvicina una commessa e, ovviamente in tedesco, ci chiede come abbiamo intenzione di pagare.
In tedesco, rispondiamo: “Credit Card”.
La tipa ride di gusto e risponde che non accettano carte di credito. Nessuna. Niente Visa, Mastercard o American Express.
Sfortunatamente io e Paola eravamo sprovvisti di milleduecento euro in moneta e abbiamo dovuto lasciare tutto lì dov’era. In realtà forse avrei dovuto rimettere a posto, ma in quel momento per me è già stato difficile uscire senza uccidere nessuno.
Finita la visita di cortesia all’IKEA siamo andati nel nuovo appartamento a controllare com’era venuta l’imbiancatura. Lavoro ben eseguito, niente da dire, ma coi muri bianchi e la casa vuota ci siamo resi conto che i tizi che la abitavano prima erano probabilmente dei primitivi. Per la prima volta da quando l’abbiamo presa in affitto abbiamo alzato il coperchio della tazza del cesso. Uno spettacolo vietato ai minori. Sembrava il WC che ha recitato in Trainspotting, anzi, forse è proprio lui. Sta di fatto che servirà il tritolo per pulirlo, temo, e non sarà un lavoro piacevole. Anche la cucina che i precedenti inquilini ci hanno gentilmente donato non è propriamente pulita e, se non ci fosse bastato, ci ha dato nuovi elementi per considerare i due ragazzi diciamo “non propriamente dediti all’igene”. Il fatto che vivessero con un coniglio forse avrebbe dovuto insospettirci, ma alla visione dell’appartamento questo era chiuso in un’adorabile gabbietta e solo dopo aver firmato il contratto abbiamo appreso che quella non era certo un’abitudine. Insomma, l’Italia sarà quel che sarà, ma anche qui abbiamo la nostra buona dose di teste di cazzo, da chi vende i mobili (mo-bi-li, mica caramelle) e non accetta le carte di credito a chi vive allo stato brado in una casa che non è nemmeno sua.
Paese che vai…

5 commenti su “IKEA”

  1. Quindi avete trovato un appartamento più grande? Bene!

    Scandalosa la vicenda Ikea… Accettano davvero solo i contanti?

  2. Guarda, in realtà non abbiamo mai provato perchè solitamente paghiamo con il bancomat del conto tedesco o in contanti. Per i mobili però, onde evitare di rimanere senza una lira sul conto, volevamo appoggiarci al conto italiano ed usare la carta.

  3. L’opzione non è “Carta di credito O Contanti”… è “Carta di credito O di Debito”.
    Spesso nei grandi magazzini all’estero accettano solo “Bancomat”.
    E spesso infatti sono delle teste di cazzo….

    baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.