Diario dall’isolamento 2: day 7

La roba più eccitante di questo secondo lockdown è che stiamo facendo la cameretta ai bambini.
Oggi c’è stato forse il picco di adrenalina, quando il tipo che doveva consegnarmi i materassi mi ha chiamato perché hanno tentato di fottergli il furgone e, fallendo clamorosamente, gliel’hanno devastato.
Morale: consegna saltata a meno di andare personalmente a prendermeli. Che va bene, non fossimo appunto in lockdown. Così ho chiamato i vigili per sapere se fosse possibile andare a ritirare ‘sti benedetti materassi fino a Ornago (credo ampiamente sotto i 10km di distanza da casa mia). La risposta è stata uno spiegone di mezz’ora sulla terminologia esatta da usare in caso di fermo (dimenticata tipo il secondo dopo aver riattaccato) e il suggerimento di stampare una dichiarazione del negoziante con i dettagli sulla storia del furgone, possibilmente con il riferimento alla denuncia depositata in questura. Tutto per chiudere con: “In ogni caso è a discrezione di chi la ferma darle la multa, quindi provi a pietire perché se vogliono sanzionarla possono farlo”. Davvero eh.
Fortunatamente tutto è andato bene.
Probabilmente c’è in giro chiunque, armato delle scuse più varie, e non fare eccezioni è l’unica per arginare la creatività del made in Italy.
Non lo so.
Ma anche chissenefrega.
Per oggi direi che la chiudiamo qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.