Vai al contenuto

Style

Material Boy

Oggi sono andato a fare Shopping.
Devo ammettere che questa è una pratica che mi da discrete soddisfazioni, sebbene io non sia certo il tipo che dedica troppo tempo all’acquisto dei vestiti. Tuttavia quando devo farlo, ai cambi di stagione solitamente, mi piace farlo come si deve. Con l’aiuto di Ambra siamo partiti destinazione Morgan Air, sede di Eupilio in provincia di Lecco. Era un sacco di tempo che non andavo in quel posto, anche perchè solitamente lì compravo la roba da snowboard ed essendo un paio di annetti che di neve ne vedo veramente poca, occasioni per visitarlo non ce ne sono state. Bri però doveva comprare una giacca e quindi ho pensato potesse essere il posto giusto. Non mi sbagliavo. Ora è diventato un negozio realmente bello, dove poter comprare qualsiasi cosa inerente l’abbigliamento. Vagandoci all’interno mi sono ben presto ritrovato per le mani un jeans della Element, un maglione della Volcom ed un cappellino dell’Atticus, tutto rigorosamente in saldo invernale al 50%. Dei tre capi non so quale sia più poser e questo mi da discreta soddisfazione. Ambra ha trovato la giacca che cercava, molto bella, e grazie ai sopracitati saldi l’ha pagata decisamente poco. Abbastanza da potersi permettere di impiegare quanto risparmiato in una felpa. Siamo usciti da li entrambi molto soddisfatti degli acquisti. Io, dalla mia, posso anche aggiungere di aver passato con lei un fantastico Sabato. Ormai mi rendo sempre più conto di starci bene qualunque attività si scelga di intraprendere.
Dopo lo shopping sfrenato abbiamo deciso di concludere il pomeriggio a Lecco, presso il Mojito Cafè, dove suonava il duo “Trappola per Tope“*, la band di Fili. Più di tre ore tra stuzzichini e melodie che trasudavano ammore, all’insegna di un duo chitarra/sax in preda ai peggiori deliri da alcol. Fili è indubbiamente un rocker.
Corna alzate per lui.
La trappola per tope
* La Trappola per Tope, band che ama definirsi semplicemente “etero”. Gran live set il loro…

Kilt

L’unico aspetto delle mie vacanze rimasto in sospeso senza che ne raccontassi gli effettivi risvolti è quello riguardante il kilt “selfmade” e l’abbigliamento scozzese.
Ebbene tutto è andato come previsto.
Il gonnellino folkloristico è stato indossato per l’intera permanenza sul suolo scozzese, senza alcuna interruzione di sorta, suscitando anche fervida stima nella gran parte degli autoctoni. In loco abbiamo scoperto che i colori del nostro Tartan sono quelli di un gruppo militare antico, i Black Watchers, sentinelle che monitoravano gli spostamenti degli eserciti nemici dalle mura dei fortini e dei castelli.
Devo ammettere che la gonna, come indumento, è realmente molto comodo. Anche portata senza mutande, come è stato rigorosamente fatto durante l’escursione sulle highlands, non è per nulla di impaccio e permette di fare persino lunghe camminate.
Visto sui soggetti in questione può far ridere, ma in realtà il kilt e tutto l’abito di rappresentanza scozzese sono di una bellezza e di un eleganza riscontrabili in pochi altri capi d’abbigliamento.

Foto del giorno N°8 – Highlanders
Libertà!
* a 60 ° F, sulle Highlands, solo alcuni uomini possono permettersi di stare a torso nudo e senza mutande sotto il loro kilt: gli immortali e i pirla…

Poser

Finalmente, dopo più di quattro mesi d’attesa, è arrivata la maglia di Brinni*!
Poserissima!
* sono troppo poser…