31 marzo, 2005

Ogni promessa è una promessa!

Ecco la foto del nostro pranzo Pasquale* alla birreria Lowenbraü di Monaco di Baviera. A mio parere questo è il locale con la birra migliore di tutta Monaco. Devo anche averlo fatto notare ai miei commensali, tuttavia non ne sono sicuro. Avrei voluto postare foto singole per ogni partecipante, ma questa operazione avrebbe richiesto troppo spazio.
La truppa al completo
* Da sinistra a destra: Aui, la Vera, Dani, Ambra, io, Simo, Missa, la Paola e Ori.

5:21 pm

Sconnessione

Sono tornato dalla gita pasquale. Sto bene.
Ci ho messo un paio di giorni a riassettare il mio bioritmo, ma ora direi che è tutto tornato alla normalità. Appena ne entrerò in possesso, spero di riuscire a postare qualche foto della mia escursione oltr’alpe.
Il mio compleanno si avvicina e con lui quello di Ambra. Tragedia.
Idee regalo al momento non ce ne sono e la situazione ha tutta l’aria di rimanere immutata nel prossimo futuro. Non sono mai stato tagliato per certe cose. Dovrò ricorrere a qualche escamotage, ma la speranza è flebile visto che non ho nemmeno la certezza di come si scriva.
Sbadiglio.
Avrei voglia di scrivere un sacco di frasi e pensieri sconnessi.
Non so perchè.
Ho visto un’immagine del pianeta Terra scattata da un satellite e mi sono sentito sollevato per il fatto che calcoli scientificamente validi danno per molto improbabile l’impatto con l’asteroide che ci passerà vicino nel 2029.
Mi sento un perfetto idiota perchè ho male al mignolo della mano sinistra a causa di un’unghia mangiata troppo in profondità. Penso che dovrei smettere di mangiarmi le unghie, ma non ne sono capace. Credo che la mia forza di volontà sia nulla. Meno male che non fumo e che non mi drogo. Non potrei mai smettere.
Sono combattuto dal guardare o meno “Open Water”. Da un lato sono attratto dal film, dall’altro ho sempre avuto la fobia di restare in acque profonde per paura delle creature che le abitano. Eppure nuotare mi piace. Non vorrei che questo film possa accrescere le mie angosce, tuttavia ho la curiosità che preme per vederlo. Un po’ come da piccolo quando non volevo guardare le scene “impressionanti” del Silenzio degli Innocenti per paura di impressionarmi e poi le guardavo lo stesso incuriosito. Risultato: curiosità appagata e sonno perso.
Sonno che ora, al contrario, è ben vivo in me e preme perchè io lo soddisfi. Non avendo altro da aggiungere, penso sia buona cosa accontentarlo.

1:47 am

25 marzo, 2005

Dog Eat Dog

Etichette: Concerti,Musica

Sono appena stato al loro live. Enormi.

1:06 am

24 marzo, 2005

Pasqua mit kolazione

Sono in pausa. Il mio contratto è scaduto ed il nuovo avrà inizio solo con i primi di Aprile. L’esame di Fisiologia è andato bene ed inizierò a preparare il prossimo, Fisiologia II, la settimana prossima. In questi giorni quindi non farò altro che godermi un po’ di riposo in attesa di partire per Monaco di Baviera, dove passerò la Pasqua. Saremo in nove: io, Ambra, Simo, Missa, Aui, la Paola, Dani, la Vera e Ori. Una due giorni di totale devasto. La partenza è fissata per Venerdì notte alle 2:00, ovvero Sabato mattina. Dormiremo alla Penzion Beck (mit kolazione) e durante la giornata barcolleremo da una birreria ad un’altra, felici. L’unica cosa che voglio assolutamente fare, oltre a divertirmi, è comprare qualche cd dal momento che li costano meno. Mi piacerebbe molto trovare “New Medicines” dei Dead Poetic, “What it is to Burn” dei Finch e “Stories and Alibis” dei Matchbook Romance. Speriamo. Prima di partire farò un salto da mia cugina Chiara che compie gli anni per farle gli auguri.
L’organizzazione del secondo Torneo di Giochi di Ruolo che io e i miei soci daremo alla luce quest’autunno si è messa in moto. L’idea è molto bella, anche troppo per sembrare nostra, e fino a questo momento non ci sono stati intoppi irrisolvibili. In questi giorni inizieremo a lavorare in maniera concreta. Il brain storming fatto fino ad ora ha portato a delle buone basi, ma è solo iniziando a scrivere che vedremo se la cosa fila. L’impegno è il medesimo dello scorso anno, siamo forti degli errori commessi in passato, che speriamo di evitare, come delle cose buone della scorsa edizione che speriamo di ripetere. La pressione è tanta visto che questa volta saremo parte del Campionato Lombardo, ma di tempo ce n’è in abbondanza e quindi ho modo di pensare che verrà tutto molto bene. Intanto il campionato di quest’anno procede. Visto il mio prossimo passaggio dall’altra parte della barricata, ovvero da giocatore ad organizzatore, tengo molto a far bene quest’anno. Per il momento sta andando bene, ma i rivali sono molto forti e la competizione sarà serrata fino alla fine.
Sono le 15:23 e sono ancora in tenuta da notte.
Figata.

3:25 pm

20 marzo, 2005

Consiglio veloce

Etichette: Musica

Sto studiando Fisiologia. L’esame è domani. Sono tendenzialmente impreparato. Non riesco a trovare la concentrazione necessaria per mettermici. E’ una materia che mi da la nausea e me ne illustra le ragioni.
Tra poco esco, intanto mi ascolto “The Everglow” dei Mae*, disco che consiglio caldamente.
Mae - The Everglow
* Capolavoro EMO

5:39 pm

18 marzo, 2005

Rilassati, finchè puoi…

Etichette: Film,Sport

In questi giorni mi sto dedicando alla visione dei film che da un po’ di tempo avevo intenzione di vedere senza aver mai trovato il tempo per farlo. Studiando la mattina e lavorando il pomeriggio, sono riuscito a ritagliarmi uno spazio cinematografico dalle 18 alle 20.30 della giornata. Mi sdraio sul mio letto, inserisco il DVD nel lettore e mi rilasso per un po’.
Ho iniziato l’altra sera, per caso, dopo che Ambra mi ha prestato “Dogma”. L’ho trovato piacevole e l’esperimento del film pre-dinner si è rivelato una buona cosa, da riproporre. Così è stato. I primi due della lista del recupero sono stati “Terminator 3” e “Ogni Maledetta Domenica”.
Il primo lo volevo vedere più che altro per completezza (un po’ come mi è successo per la serie di Matrix), mentre per il secondo ho sempre avuto il pallino.
Li ho apprezzati entrambi, sebbene per motivi molto diversi. L’ultimo capitolo della trilogia di Shwarzy è esattamente come me lo aspettavo: trash. Poche spiegazioni per quanto riguarda la trama, evidentemente il due era così ben realizzato da non poter lasciare spazio ad un terzo episodio, molta azione e sferzante ironia cibernetica da parte del T-101. Una sorta di Terminator 2 riveduto e corretto per stare al passo coi tempi. Niente di nuovo insomma, però ammetto che il film trascorre via liscio e non lascia la sensazione di aver buttato via del tempo nel guardarlo. Visti i presupposti da cui partivo, il voto è positivo, un 6/7 direi. “Any Given Sunday” di Oliver Stone è invece tutt’altra pasta di film. Ricordo quando uscì al cinema e volevo andare a vederlo. Ne ero incuriosito senza conoscere realmente la trama, solo dal trailer mi sembrava meritevole di una visione. Poi ad Al Pacino una chance non andrebbe mai negata. Dopo averlo visto devo ammettere che è un bel film, mi è piaciuto molto. Personaggi curati in maniera molto approfondita, in modo che ognuno di loro abbia una parte di ragione ed una di torto nella storia. Non ci sono i buoni e i cattivi, ma semplicemente uomini (e donne) diversi con valori diversi e vedute diverse. Questa è la cosa che più mi ha colpito della pellicola. Oltre a questo il film offre una trama ricca di buoni spunti e quasi mai banale, cosa che in un film sullo sport non è affatto facile da reperire. E’ insomma un film che mi sento di consigliare e che, per i miei gusti, merita un buon 8.
I prossimi sulla lista sono “Zoolander”, consigliatomi veramente da tutti, e la versione rimasterizzata di “Apocalypse Now”, film che ho vergogna nell’ammettere di non aver ancora visto.
Cambiando totalmente discorso, oggi è stata giornata di sorteggi per la Champions League. Sarà Milan vs. Inter. Sarà Euro Derby. Sarà una partitissima. Sarà spettacolo. Per tutti.
Per me no.
Per me, sarà un calvario.

3:26 pm

17 marzo, 2005

Imprevisti e probabilità.

Etichette: Riflessioni,TV

La vita procede.
Spesso la sottovaluto pensando che sia sempre uguale a se stessa quando, in realtà, offre continue sorprese e imprevisti. A volte questi sono piacevoli, altre volte no. Esattamente come accade nel Monopoli. Martedì ho appreso una notizia scioccante, che mi ha totalmente spiazzato. Ho un solo cugino di primo grado, Valerio, figlio di mia Zia Enrica, sorella di mia mamma. Ha trent’anni e siamo cresciuti praticamente insieme visto che entrambi passavamo molto tempo con i nonni. Dopo la morte di questi ultimi, per varie cause indipendenti dalla nostra volontà, ci siamo persi di vista e non ci siamo più sentiti per anni. Martedì ho saputo che l’estate scorsa è stato molto male a causa di una patologia autoimmune che ha ridotto drasticamente il suo livello ematico di piastrine (trombocitopenia). Aveva già sofferto di questi disturbi in infanzia, ma si era curato e credeva risolto il problema. Purtroppo non era così. Fortunatamente ha riconosciuto tempestivamente il ritorno della sintomatologia ed ha fatto gli accertamenti del caso. Ora sta meglio e dovrebbe aver risolto il problema in via definitiva grazie all’intervento tempestivo. L’ho chiamato per sincerarmi delle sue condizioni e l’ho trovato bene, cosa che mi ha fatto molto piacere. E’ brutto risentire una persona dopo tanto tempo solo perchè si scopre che è stata poco bene. Ci siamo salutati con la promessa di risentirci presto, vedremo se sarà così o se, come spesso accade, tutto tornerà com’era prima.
Sempre martedì, dopo aver sentito mio cugino, ho conosciuto i nonni materni di Ambra. Far loro visita e scambiarci due parole mi ha fatto tornare in mente i miei di nonni (probabilmente anche perchè ero ancora scosso dalla questione di cui parlavo prima e i nonni erano come detto centrali nel rapporto tra me e Valerio). Devo ammettere che penso a loro sempre con moltissimo affetto e con un pizzico di malinconia. Erano grandi, i miei nonni.
Passando ad un argomento nettamente più frivolo, mi sono procurato anche la seconda serie di Scrubs.
Una chicca.

Sventola Bionda, mentre abbraccia John Dorian: “Ehi J.D., hai un cilindro di monetine in tasca o sei solo contento di vedermi?”
J.D.: “Ho delle monete. Sai, per la lavanderia…”

3:40 pm

15 marzo, 2005

Tempi maturi

Eccomi qui.
Ultimamente non ho un minuto libero tra studio, lavoro ed impegni vari. Viene da se che la prima attività ad aver subito gli effetti negativi di questa situazione è stata, mio malgrado, la stesura del blog. Mi piacerebbe poter dedicare alla scrittura un tempo maggiore, ma al momento la cosa è impossibile e ciò mi rattrista un bel po’.
Adesso però vediamo di scrivere qualcosa che non suoni come una lagna.
Il mio contratto con l’Istituto Neurologico Besta sta per terminare. Un anno è passato piuttosto in fretta e la prima cosa che mi viene in mente pensandoci è che si avvicina il tempo della Tesi. Il mio progetto è di entrarci per Settembre e proprio oggi ho mandato la prima di una serie di e-mail al primo di una serie di laboratori. E’ un laboratorio del Besta ed ho avuto modo di conoscere il tecnico che lo gestisce lavorando qui. Vedremo cosa mi farà sapere. Il mio problema è che non riesco a vedere la tesi imminente come è in realtà e questo perchè gli esami mi sembrano non finire mai. Non nego che col passare degli anni ho iniziato ad odiare il mio corso di laurea per una serie interminabile di motivi. In me non è cambiata la passione per le Biotecnologie, continuo ad esserne affascinato e continua a piacermi studiarle. I problemi sono altri, alcuni dipendenti da mie scelte sbagliate. In primis l’idea di rimanere al vecchio ordinamento si è rivelata un autogol. 30 esami, perloppiù divisi in moduli, da sostenere in 5 anni sono troppi. Almeno per me. Se ci si aggiunge che molti di questi accavallano grandi parti di programmi e alcuni sono esami molto poco attinenti con quello che alla fine andrò a fare, ecco che si capisce facilmente perchè la mia passione stia scemando. Dopo 5 anni dover ristudiare per l’ennesima volta la pompa Sodio/Potassio, i recettori canale e la struttura dei Neuroni credo sfinirebbe anche la Montalcini. Col senno di poi avrei forse dovuto scegliere il nuovo ordinamento e la branca Medica invece di quella Farmaceutica. Sarei stato probabilmente meno preparato, ma la cosa non credo avrebbe creato troppi problemi visto che ampio margine della mia preparazione sarà unicamente volta a mio piacere personale poichè non attinente a quello che farò nel mondo del lavoro. Sempre che io lo trovi un lavoro nel mio ambito di studio.
Se avessi fatto quella scelta ora sarei un Laureato Base sulla strada per la Laurea Specialistica. La differenza è enorme. Averi già conseguito un risultato, un punto di arrivo che si sarebbe trasformato in un nuovo punto di partenza. Così invece il traguardo appare sempre e comunque lontano, nonostante io proceda verso di lui. Per dirla in tre parole: mi sto sfinendo. Ad accrescere il rammarico si aggiunge il fatto che la mia scelta è stata influenzata anche (non solo, chiaramente, però sarebbe ipocrita dire che la cosa non abbia avuto un peso nella scelta) dall’idea di continuare a studiare con coloro che preferivo tra i miei compagni dei primi anni. Questo non perchè non li reputi più persone in gamba, quanto perchè alla fin della fiera con loro non ci ho più studiato salvo in casi eccezionali e quindi mi sono ritrovato comunque da solo. Non so bene come sia successa questa cosa, un po’ per scelte differenti all’inizio del terzo anno, un po’ per il lavoro più avanti, i nostri cammini non sono più sovrapponibili e ora li vedo e sento soltanto le rare volte che si tengono delle Esercitazioni Pratiche oppure le ancor più rare volte in cui riusciamo ad accordarci per uscire.
Pacco.
Vabbè, volevo scrivere qualcosa di bello ed invece mi sono lasciato andare alla depressione. Pazienza, sarà per la prossima volta, che sperò verrà presto.

3:11 pm

12 marzo, 2005

Sogni d’infanzia

Etichette: Ricordi,Riflessioni

Non so come, stasera m’è venuto in mente l’unico vero super eroe che io conosca. L’unico ed il solo: Paperinik*. Per usare una frase alla Max, “Troppo il migliore!”
PK
*Quanto mi piacerebbe essere come lui…

3:21 am

9 marzo, 2005

In the pit

Etichette: Musica

Ho deciso.
Il 19 Aprile andrò al C-Side di Milano a vedermi i Millencolin*. A pensarci ne ho già voglia adesso. L’ultima volta che sono stati in Italia dovevo andare a sentirli al forum con Roby, ma sono stato male la notte prima e quindi nisba. Poco male visto che Home From Home non mi era piaciuto granchè. Il povero Roby si era anche dovuto sbattere per cercare di vendere i biglietti visto che da solo non ci voleva andare. Buona idea, tra l’altro, perchè così sono rientrati gli euro spesi in vano. Ho sentito Kingwood, il nuovo album, e devo dire che mi piace, è nettamente più vicino ai Millencolin che preferisco. Ray, quello che dovrebbe essere il primo singolo, non è affatto male. Non nego che a spingermi ad andare però sia la voglia di sentirmi i pezzi di For Monkeys, Life on a Plate e Pennybridge Pioneers. Tutta roba datata, la migliore dal punto di vista affettivo.
Millencolin
*When I was a kid I thought that I could fly
threw myself out of a window, right out into the sky
now when I am older I know that I could die
die from a depression, I would learn my lesson well.

Life’s so normal, nothing’s shocking
Boring planet, cause no one here is rocking.
Life’s so tragic, nothing’s clocking
Boring planet cause no one here is rocking hard.

When I was a kid I thought that I was strong
the girls in school got beaten up by me every day long
now when I am older I know that it was wrong
to deal with girls in the first place, cause a broken heart is now the case
I’m broken hearted in disgrace.

It’s a boring planet, we’re just lying to ourselves.
It’s a boring planet, thanks to us and no one else.

11:56 pm

<< Post precedenti


Sviluppato su WordPress
Creative Commons License
Manq by Giuseppe Mancuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.