26 giugno, 2005

Idro_serata

Stasera sono andato alle Librerie Acustiche di Monza per sentire finalmente i Videoneve suonare dal vivo. In realtà ho scelto una circostanza particolare, poichè si trattava di un set acustico. Innanzi tutto devo spendere due parole sul posto: carino e torrido.
La serata si è aperta con l’esibizione di un duo chitarra/voceemillesuonicampionati che ha tenuto banco per un’oretta circa. L’effetto suscitato da questa formazione sulla mia persona è stato bizzarro. In realtà la loro musica ad orecchio non era affatto male, ma la si poteva apprezzare solo non guardandoli. Vedersi di fronte un tizio con chitarra e uno con PC e tastiera creava un terribile contrasto con il sentire pezzi composti da suoni di miliardi di strumenti diversi. L’effetto era quello di un film doppiato male, con audio e video non complementari. Secondo me dovrebbero fare musica per non vedenti. Musica Braille.
Dopo di loro è stato il turno dei Videoneve. Prestazione apprezzabile direi, soprattutto per quanto riguarda il cantato e alcuni rearrangiamenti volti alla trasposizione acustica dei pezzi. L’assenza di ossigeno in sala ed una temperatura di 45° C hanno forse compromesso la lucidità del gruppo sul finale, ma devo dire che è stata una buona prova. Nota di merito al pezzo nuovo “Cose orrende”.
Mi sembra di aver scritto una roba alla Mario Luzzardo Fegiz. Che schifo.
Tornando alla serata ho due ringraziamenti da fare.
Il primo è al Dany che, accortosi di avere ancora demo dei Murder, We Wrote per le mani, mi ha omaggiato di una copia per rimpiazzare la mia ormai consunta dagli ascolti. I MWW erano un gruppo enorme.
Il Secondo è ad Ale Doni e ai suoi Salmakki (non ricordo se si chiamassero realmente in questo modo o in modo simile). Trattasi i morbide caramelle alla liquirizia dal peculiare gusto salato. Al primo assaggio sia io che Peich ne siamo rimasti semi-disgustati, per poi diventarne dipendenti poco dopo. Spero di riuscire a trovarne una scorta adeguata all’Ikea.
Un saluto va a Lorenzo che non vedevo da milioni di anni.
Oggi pomeriggio ho rivisto mio cugino Valerio dopo 2 annetti circa e diversi trascorsi poco felici per lui. L’ho trovato bene. Sono contento. Spero non debbano passare altri due anni prima che io possa rivederlo.

2:16 am

23 giugno, 2005

Cult

Ogni generazione ha i suoi cult.
La mia ne ha molti, più o meno rappresentativi della mia persona.
Uno di questi, forse il meno generazionale, ma sicuramente quello che maggiormente delinea il mio indice di deviazione, è Dawson’s Creek.
Fin dalla prima volta che iniziarono a farlo su Italia 1, ricordo che era il Mercoledì in prima serata, ne ho seguito per filo e per segno tutte le vicende restandone affascinato.
Non so se fossero più i dialoghi filosofico/demenziali, le storie fantaromantiche o i personaggi stereotipati, sta di fatto che questa serie mi ha preso come mai nessuna del suo genere (neanche la storica Beverly Hills 90210).
Ora che lo stanno riproponendo dalla prima puntata, ho deciso di registrarmi tutti gli episodi.

Joy: “Non possiamo più dormire insieme Dawson.”
Dawson: “Perchè?”
Joy: “Perchè siamo cresciuti. Io ho il seno e tu i genitali!”
Dawson: “Io li ho sempre avuti i genitali!”
Joy: “Sì, ma non così grossi!”
Dawson: “… e tu come lo sai?”
Joy: “Mani lunghe. Lascia perdere Dawson, buonanotte.”

A proposito di cult. Ormai sto diventando dipendente da un giochino on-line chiamato OGame in cui ci si occupa di gestire un impero galattico in guerra. Non è nulla di che, ma è peggio di una droga.

3:12 am

18 giugno, 2005

Poser

Etichette: Style

Finalmente, dopo più di quattro mesi d’attesa, è arrivata la maglia di Brinni*!
Poserissima!
* sono troppo poser…

4:28 pm

16 giugno, 2005

Chi lancia il sasso e nasconde la mano?

Etichette: Blog,Riflessioni

Sono troppo impulsivo.
Strano per una persona estremamente razionale come me, tuttavia è così.
Oggi per esempio sono venuto meno ad una delle prime regole che mi ero autoimposto iniziando a scrivere qui sul blog: non rispondere ai commenti.
Credo di avere già scritto le motivazioni, ma è bene ripetermele per meglio imprimerle anche e soprattutto nella mia memoria. Non voglio accendere discussioni qui dentro, soprattutto con chi passa e dice la sua, perchè ognuno di questi è benvenuto e ogni opinione rende questa esperienza più bella.
C’è sempre però chi non capisce e si diverte a dare noia. Oggi ho commesso l’errore di cascare nella provocazione, venendo meno a ciò che avevo promesso e rispondendo ad un commento. Precisamente quello fatto sul mio sfogo dopo la conclusione del Referendum. Dopo aver pensato un po’ a ciò che avevo scritto ho preferito rimuovere la mia risposta, dovuta al sopra citato scivolone. Questo perchè nella provocazione non dovevo caderci, ma tuffarmici di testa come sto per fare ora.
Scriverò quindi due righe su quanto accaduto.
L’appunto in questione mi ha colto piuttosto nel vivo, facile intuirlo, e come da copione è stato lasciato anonimo. Dirò subito, inforcando pipa e berretto alla Sherlock Holmes, di avere due sospetti principali.
Il primo è Robi. Gli indizi che mi portano a pensare a lui sono in primis i concetti espressi ed in secondo luogo un suo messaggio molto ambiguo mandatomi via ICQ, in cui salutava e si firmava in maniera piuttosto sospetta. Firmarsi in ICQ è quanto di più inutile e questo è avvenuto dopo la mia replica istintiva al commento. Che abbia letto e abbia voluto farmi capire d’essere stato lui? Mah. Sta di fatto che se fosse opera sua vedrei il non essersi firmato come una banale dimenticanza e non mi ci accanirei più di tanto sebbene poi vorrei capire perchè non me l’ha fatto notare anche di persona. Oltre tutto resta il dubbio del perchè sia vento sul blog visto che, se non sbaglio, non ne conosce l’esistenza o comunque non vi ha mai fatto visita.
Il secondo sospetto è un tale ignoto con cui ho discusso su un forum a proposito del referendum, tal “iknowyouknow”, e con cui avevo già avuto modo di venir meno alla pacatezza e alla moderazione trattando l’argomento. La sua presenza su queste pagine è strana, visto che non mi conosce di persona, tuttavia la mia firma su quel forum presenta il link al blog e quindi potrebbe esserci venuto incuriosito dalla volontà di conoscere meglio colui con cui si stava scannando. Da parte sua l’infelice scelta di non firmarsi la troverei meno giustificabile, vista l’impossibilità a chiarirci altrove.
Esclusi questi due forti indiziati restano tutti i miei amici che leggono con frequenza il blog e i visitatori che trovano il link per caso e passano a dare un’occhiata (il link l’ho messo nelle firme di tutti i forum che frequento, che seppur pochi hanno discreti bacini d’utenza). Tra i miei amici non identifico nessuno che possa aver scritto quel commento, quindi restano solo i visitatori sporadici. La natura provocatoria aggiunta all’omissione della firma fa pensare ad un gesto volto solo ad innervosire, privo di qualsiasi intento costruttivo o di dialogo. Qualcuno che passa magari le sue giornate a leggere i resoconti delle vite altrui in internet invece di farsene una propria, pensando bene di dare noia solo per il gusto di farlo.
Ok, sono stato un po’ cattivello, ma questo è ciò che traspare.
Mi auguro che l’autore della stilettata in questione abbia quindi la decenza di presentarsi e dare un volto alle sue parole. Anche se fosse un totale sconosciuto, firmarsi lo identificherebbe con quel pensiero e comporterebbe un assunzione di responsabilità che solo uno che crede in ciò che dice può aver propria. Certo che far capire tutto questo ad uno/a che probabilmente crede che l’astensione, il non schierarsi, sia una posizione sarà dura.
Per questo sospetto che mai si verrà a capo di questo giallo e che quel commento resterà solo la sterile traccia di qualche smidollato/a con nulla di meglio da fare che dire banalità su una questione che probabilmente non conosce.
Volendolo citare: “Complimenti, una grandissima dimostrazione di maturità!”
Besos.

1:56 am

14 giugno, 2005

Mistero

Etichette: Bri,Riflessioni

Oggi potrei parlare di tantissime cose, ma ne ho scelta una particolare: mi sento innamorato* più del solito. E’ una sensazione particolare e inspiegabile, frutto di chissà quali strani processi metabolici, psichici o subconsci. Sta di fatto che mi sento strano e mi sono accorto di amare Ambra più di quanto pensavo fosse possibile. Insomma, non so nemmeno bene come spiegarlo, non che fino ad ora non fossi conscio di essere presissimo da questa storia, tuttavia stasera sento la cosa in maniera diversa, speciale.
Assurdo?
In effetti l’ho pensato anche io, ma poi riflettendoci credo che una ragione ci sia e che non sia nemmeno troppo banale. Credo che poche volte uno si soffermi realmente a riflettere sulle cose e ad apprezzarne la reale essenza. Molte volte si è contenti e si vive la cosa in maniera quasi inconsapevole, superficialmente, traendo dal momento poca della gioia che questo potrebbe regalare. Altre volte, invece, la mente decide autonomamente di fermarsi e darti la reale immagine di ciò che stai vivendo. Quando questo succede vedi cose che hai sempre avuto sotto il naso nella loro reale forma e prospettiva. Alcune volte questa esperienza porta alla comprensione ultima di ciò che capita alla nostra persona, permettendoti di fare un istantanea del momento come lo vedrebbe un occhio esterno, ma attento e onniscente.
Penso sia totalmente incomprensibile ciò che ho scritto, ma per una volta credo non sia colpa mia. Descrivere la sensazione che ho provato realizzando questa cosa è pressochè impossibile, poichè non è nulla di razionale.
E si che la mia razionalità viene meno molto di rado per non dire mai.
Mistero.
...
* ho scelto quest’immagine perchè è come l’amore (e tutto ciò che ne parla): trash

2:41 am

13 giugno, 2005

E’ finita

Ha vinto l’ignoranza.

8:54 pm

Notte d’attesa

La speranza è l’ultima a morire, tuttavia la mia sta agonizzando.
Ho convinto Missa a votare in estremis, andrà domani mattina.
Io, la mia piccola battaglia, l’ho vinta.

2:54 am

12 giugno, 2005

Memorandum

Tra poche ore si apriranno le urne per il referendum.
Io ci credo, ma sono uno dei pochi.

3:01 am

8 giugno, 2005

Aspettando l’estate

Etichette: Viaggi

Sembra sia insorto più di qualche inconveniente riguardo le mie vacanze in Scozia e Irlanda. L’Entreprise, azienda cui ci siamo affidati per il noleggio auto, continua a perplimerci via mail con richieste quantomeno strane. L’ultima è la necessità forzata di una patente inglese. Non valida in Inghilterra, proprio Inglese. A meno di iscriverci e sostenere l’esame in aeroporto, vedo difficile che noi la si possa ottenere, tuttavia mi pare strano che noleggino auto solo agli autoctoni. Altra cosa che richiedono insistentemente è un passaporto valido. Forse nessuno li ha avvisati della nascita della Comunità Europea. O forse lo sanno ma, come per tutte le altre faccende, fanno finta di niente. Mi aspetta un’estate di miglia, pollici, galloni, pinte e chissà quali altre unità di misura fantasiose. Come non bastassero la sterlina e la guida a sinistra.
I Britannici sono veramente un popolo insopportabilmente arrogante.
E già che ci sono, il Liverpool è una squadra di merda.
E’ allucinante come ormai qualunque discorso torni a cannone, per dirla alla Guido Meda, sulla serataccia di Istambul. E’ come un incubo ricorrente.
Basta. Devo liberare la testa e recuperare il filo della discussione: le vacanze.
Oltre al problema vettura, che già di per se stesso non è da sottovalutarsi, si sono venuti a creare dei piccoli scogli sul versante “prenotazione ostelli”.
Nessuno nel Regno Unito accetta la carta di Missa e prenotare senza è impossibile. A prescindere dal fatto che il Missaglia non possiede la carta di credito Cicciobaracca©byAui, ma un’onestissima American Express, l’unica alternativa è inviare dei soldi in Scozia prima di partire. Certo che, con anche tutta la buonafede del mondo, per me è una discreta via per perdere del denaro.
A parte queste piccole disavventure la vacanza è ormai totalmente programmata. Abbiamo risolto il problema principale, le foto, visto che ho acquistato una macchina fotografica digitale e quindi ora è tutto in discesa. Tra l’altro il buon Mauro, alias Zadrow, mi ha gentilmente prestato le sue guide ai Letto&Colazione delle terre del kilt e questo dovrebbe aiutarci a muoverci in loco.
A proposito di kilt, è l’unica cosa che spero di riuscire a comprare in scozia. Se lo trovo lo tengo per tutta la vacanza, ma soprattutto ci faccio la foto sulle Highlands.
Rigorosamente senza mutande.
Sento già freddo.

6:40 pm

6 giugno, 2005

Stone Cold Steve Festival

Etichette: Amici,Gite

Ho deciso di raccontare la grigliata di ieri.
Approfittando del ponte del 2 Giugno abbiamo deciso di passare una giornata in allegria e spensieratezza, sulle rive dell’Adda* e per la precisione a Groppello. Dopo il Venerdì dedicato alla spesa in cui è stato acquistato il minimo indispensabile (5 kg di carne, 72 birre, 10 baguette e un salame nostrano), eccoci pronti Sabato mattina per la conquista del posto. In questa località esistono infatti delle fantastiche griglie prefabbricate, utilizzabili “for free” dal primo che arriva, noto per essere colui che meglio alloggia. Per evitare di rimanere senza strumento di cottura, un primo drappello di uomini composto da me, Bazzu**, Simo, Missa**** e Aui***** è partito da Brugherio alle 8.00 con la delicata missione di occupare una postazione. L’orario è stato dettato dalla paura della rivalità con la classica famigliola felice che fa della grigliata estiva la propria ragion d’essere. Tale paura si è poi rivelata infondata, vista la desolazione che ha pervaso la località fino all’ora di pranzo. Il resto del contingente***, che al completo contava 14 valorosi elementi, ci ha raggiunto in seguito portando con se gran parte dei viveri. La giornata è così trascorsa tra cibo, birra e del sano wrestling, filo conduttore di quasi tutte le ultime nostre grigliate. Oltre a prese e schienamenti però, il main event della giornata è stato lo Stone Cold Steve Festival****** durante il quale pochi valorosi eroi hanno deciso di bere una cassa da 24 lattine di Dreher (non comprese nel conteggio delle 72 iniziali poichè adibite unicamente all’evento) alla maniera del buon vecchio Austin. Ad onor del vero, metà della sopracitata cassa se l’è portata via l’Adda e dovrebbe ormai essere reperibile nei pressi di Rimini. Degna di nota è anche la possibilità, per altro sfruttata, di fare il bagno nelle freddissime acque del fiume capaci di toglere dai corpi il torpore da alcol e l’irritazione provocata dall’erba.
In sostanza una gran bella giornata, ricca di momenti divertenti.
Io mi sono addormentato al sole.
Ho una grave ustione su gran parte della schiena, cosa che mi causa parecchio dolore.
Facendo il bagno mi sono aperto la mano destra su di una roccia, anche questo mi causa molto dolore.
W la gioventù.
Adda
* Le foto capaci di far apparire incantevole questo posto sono poche, eccone una
Bazzu
** Bazzu. Deve aver accusato la levataccia
Un po' di partecipanti
*** Da sinistra: Dani, L’Ali, Orifizio e la Paola
Steven Spielberg?
**** Missa, grazie al quale sono pervenute le immagini e i filmati dell’evento
Johnatan dimensione avventura?
***** Aui, facilmente confondibile con Ambrogio Fogart
Yeah!
****** The Austin way of drinking. Yeah!

1:17 am

<< Post precedenti


Sviluppato su WordPress
Creative Commons License
Manq by Giuseppe Mancuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.