31 gennaio, 2008

Google Hit List [Gennaio 2008]

Etichette: Google Hit List

Non scriverò molto, anche se difficilmente mi capiterà di poter commentare una classifica di google più “divertente” della seguente. Al momento del cambio di blog pensavo che, dovendo abbandonare Shinystat, avrei perso la possibilità di redarre la mia abituale lista di chiavi di ricerca.
Poi ho scoperto Google Analytics e le mie paure sono state scacciate per sempre.
La presente lista infatti è frutto di una selezione operata tra le oltre cento segnalazioni che il counter ha registrato dal 21 Gennaio ad oggi. Direi che non c’è male, per essere un esordio.
Leggendo la vincitrice, ammetto di aver riso.
Oggi giornata strana, prima bene, poi male.
Se riesco a finire di cucinare per tempo, mi sa che esco.

1 – la mia nuova vita da single
2 – tristezza insoddisfazione delusione
3 – macchine per saldare summer
4 – video in cui si dissezione un alieno
5 – gioco obbligo o verit
6 – borse pranzo ufficio londra
7 – come curare la paranoia
8 – cose da fare prima dei 20
9 – “osteria del cavolo”
10 – uomo radioattivo

10:08 pm

29 gennaio, 2008

Diversivi

Etichette: Blog,Riflessioni

In queste ore, in questi giorni, la mia vita è fatta prettamente di diversivi.
Caramelle che tengano lontana la lingua dal dente dolente.
Dopo sole due righe posso già dire che scrivere qui sopra non rientra in questa categoria di cose. Immaginavo sarebbe stato così, ma mi illudevo che aprire una pagina e scrivere di tutto ciò con cui mi sto tenendo occupato sarebbe stata un’altra abile mossa Kansas City.
Purtroppo per me scrivere significa pensare e pensare significa sputare la caramella e riconcentrarsi sul dente ammalato.
Con sadismo, per altro.
Perchè meditandoci ti accorgi che ancora, di quello che è successo, non hai capito un cazzo e, soprattutto, hai effettivamente realizzato ancora meno.
Questo vuol essenzialmente dire che, come già pronosticato, le cose peggioreranno.
E spero peggiorino in fretta, perchè quanto percepisco intorno a me, purtoppo, non è reale.
A quel punto il compito dei diversivi sarà decisamente più arduo.
Intanto sono prigioniero di una razionalità in tilt, che soffoca l’emotività, ma non fornisce nulla se non confuse indicazioni contraddittorie.
Vorrei uscirne, ma non ci riesco.
Purtoppo e per fortuna la mia natura razionale è troppo arcigna per essere soverchiata dall’oggi al domani.
La speranza è che questo blog sappia aiutarmi come ha già fatto in passato.
Per questo e solo per questo, continuo a scrivere.

11:01 pm

27 gennaio, 2008

“Come stai?”

Etichette: Bri,Riflessioni

“Di merda.
E penso di poter peggiorare.”

1:16 pm

26 gennaio, 2008

L’importante è crederci

Una volta suonavo in un gruppo.
Anzi, una volta cantavo in un gruppo, perchè non sono mai stato capace di suonare niente.
Erano i tempi del liceo ed eravamo quattro pirla a cui serviva una scusa (in più) per bere birra e fare casino.
Oltre a me, la band comprendeva Orifizio alla batteria, Peich al basso e Bazzu alla chitarra. A parte quest’ultimo (e non è che sto dicendo Jimmy Hendrix), gli altri due musicanti non avevano mai suonato prima della nostra prima sessione in sala prove.
Era il 1997.
Ricordo che il nostro primo pezzo fu composto nella mia cameretta, con Orifizio che per tenere il tempo si batteva sulle cosce la custodia di un CD.
L’avventura musicale degli H’S’P finì quando si iniziava a suonare in maniera accettabile, dopo aver dovuto ristampare le nostre magliette causa esaurimento copie e aver suonato solo ben due volte dal vivo.
A distanza circa dieci anni però, Uazza ha deciso di sposarsi e di invitarci a suonare al suo matrimonio.
Abbiamo accettato.
Ieri siamo tornati in sala prove (ed è bello ricordare che l’ultima volta ci ero andato in bicicletta, non avendo la patente), ci siamo fatti dare la saletta più piccola e brutta ebbiamo rimesso mano ad un po’ di materiale.
Più che altro, ci siamo divertiti un sacco.
Purtroppo non c’era Orifizio, così ho dovuto cimentarmi con la batteria.
Io non l’avevo mai toccata una batteria, però è da sempre un mio grosso rimpianto quello di non aver mai imparato a suonare.
Dopo ieri sera ho deciso di informarmi nel tentativo di prendere lezioni.
Ieri sera ho infatti realizzato che a 26 anni devo smetterla di reputarmi troppo vecchio per fare queste cose.
Questo però non c’entra con la band, perchè gli H’S’P per la reunion contano molto sulla presenza alle pelli del quarto membro storico.
Senza di lui non può essere la stessa cosa.
In barba al mio senso del pudore, chiudo con un video registrato ieri sera.
E’ una cover dei Ramones, da sempre uno dei nostri cavalli di battaglia.

3:30 pm

23 gennaio, 2008

Stasera prende così

Etichette: Musica,Ricordi

Da un paio d’ore mi dico di voler andare a letto.
Non lo faccio.
Sto al pc a sentire musica e guardare video, riflettendo su come potrebbe stare un coniglio tatuato sul lato sinistro della mia cassa toracica, tra gomito e spalla.
Rido molto, rifletto e mi crogiolo in quello stato di malinconia che ogni tanto mi prende.
Un po’ me ne vergogno, solo un poco e forse per molti non abbastanza.
Non mi importa.
In serate come questa tutto ha un peso relativo.
Cazzo.
La miglior band di sempre.
E se mi incidessi sul serio?

12:23 am

21 gennaio, 2008

La rivoluzione è completa

Etichette: Blog

Eccola qui la mia creazione.
Mesi di duro lavoro, di notevole impegno e di notti insonni hanno portato a quello che da oggi è il mio nuovo diario.
Non nascondo che chiudere blogger definitivamente si sia rivelato più difficile del previsto anche dal punto di vista emotivo, tuttavia per diverse ragioni era giunto il momento di cambiare.
La speranza è di averlo fatto in meglio.
Per quel che mi riguarda sono decisamente soddisfatto del prodotto ottenuto.
Lasciando stare la parte grafica, il passaggio a wordpress mi ha permesso di implementare nel sito qualche soluzione carina.
In primo luogo le utenze.
Da oggi sarà possibile registrarsi al mio blog. La cosa non serve in realtà a molto, se non ad avere la certezza che nessun altro possa lasciare commenti con il nome che un utente ha registrato per se. La possibilità di commentare in forma anonima è stata comunque lasciata inalterata, ma forse a qualcuno potrà far piacere sapere che sarà l’unico “tizio”, “caio” o “sempronio” presente su queste pagine.
A me farebbe piacere.
Sto inoltre meditando se dare o meno agli utenti registrati la possibilità di modificare i commenti una volta lasciati. All’inizio pensavo fosse una buona cosa, ma riflettendoci modificare un commento all’interno di una discussione può creare complicazioni per la corretta comprensione della discussione stessa.
Oltretutto implementare questa funzione sembra dannatamente difficile, quindi mi prendo del tempo per rifletterci.
Oltre alle utenze ho inserito la classificazione dei post tramite etichette, la funzione di ricerca all’interno del sito e qualche altra notizia in più sul mio conto come la breve biografia, i libri che ho letto e le foto che ho fatto.
In sostanza non è cambiato poi molto nel prodotto finale, ma il realizzarlo è sta una bella esperienza e ciò che ne è risultato è qualcosa che sento ancor più mio.
Purtoppo per realizzare questa piccola, ma grande rivoluzione ho dovuto fare anche qualche sacrificio.
Il più grande è l’aver perso un sito “sponsorizzato” da google, con conseguente crollo dell’indicizzazione del mio blog all’interno dei motori di ricerca. Questo potrebbe voler dire che non riuscirò più a stilare classifiche delle googolate e la cosa non è certo di poco conto.
Non è mia intenzione rinunciare senza combattere comunque.
Mancano 10 minuti a mezzanotte e tutto è [credo] pronto.
Un ringraziamento monumentale va a Bazzu e Max che mi hanno aiutato a domare quella belva furiosa che è php.
Senza di loro non ce l’avrei mai fatta.
E’ ora.
La rivoluzione è completa.

12:00 am

19 gennaio, 2008

Pop art

Etichette: Film

Eccomi di nuovo online.
La rivoluzione è alle porte, il tutto avverrà in circa trenta ore, e quindi non mi sembra il caso di iniziare fin da subito a parlarne.
Questo post tratterà di cinema.
Anzi, tratterà di Mulholland Drive.
La precisazione è d’obbligo in questo caso. Stimolato da una discussione fatta con alcuni colleghi in settimana ed avendo già da tempo promesso alla Bri che le avrei fatto vedere la sopracitata pellicola, ieri sera ho finalmente trovato le forze per dare al film di Lynch una seconda visione.
Ricordo ancora come finì la prima.
Ero a casa da solo, era un Sabato pomeriggio, e sentendo provenire un po’ da tutte le direzioni ottimi commenti a quest’opera decisi di noleggiarla dietro casa al negozio di Fiore, noto anche per i velocissimi tempi di sviluppo fotografico.
Per la cronaca, quel negozio è ormai chiuso da anni.
Vedere Mullholland Drive da solo è stata un’esperienza sicuramente interessante.
Ricordo ancora che allo scorrere dei titoli di coda fu difficile frenare l’istinto di estrarre il DVD appena noleggiato e spezzarlo a metà.
I tempi sono decisamente cambiati, però.
Ora sono più grande, più maturo e credo persino meglio disposto nei confronti dell’arte in generale.
Devo ammettere infatti che tutta la parte visionaria in cui viene rappresentata la riscostruzione mentale che Betty fa della sua vita ormai distrutta da dolore e senso di colpa è ben concepita.
Anche la Bri si è appassionata alle vicende, convinta dapprima che dietro tutto ci fosse un’associazione mafiosa e poi che questa fosse in realtà una setta satanica.
E poi è arrivato il finale.
Il mostro, la scatola, i due vecchi e l’esclamazione “silenzio” prima dei titoli di coda.
A quel punto, tutto è stato chiaro.
Talmente chiaro, che oggi ho chiamato Max ed ho acquistato una copia di Mullholland Drive in DVD.
Perchè alla fine del film, ieri, ho capito che a non spezzare il DVD anni fa feci un grosso errore ed ora è il tempo di rimediare.
Credo che ne incornicerò i frammenti e me li appenderò in casa come fosse un quadro pop.
Come dicevo, sono sicuramente meglio disposto verso l’arte oggi.

4:35 pm

15 gennaio, 2008

Sconforto

Etichette: Riflessioni

Pato debutta e segna, gli Undead tornano sui campi di battaglia, manca meno di una settimana alla rivoluzione ed io non posso scrivere più di due righe qui dal laboratorio perchè Infostrada mi ha tagliato telefono e aDSL.
Che palle.
Se solo da me arrivasse Fastweb…

1:28 pm

10 gennaio, 2008

I’m a PhD Student

Etichette: Lavoro,Università

Oggi mi è stato annunciato che sono stato ammesso al DIMET ed entro il 17 c.m. dovrò presentarmi alla segreteria di via Temolo n° 4 (5 piani sotto dove lavoro) per il completamento delle pratiche ed il pagamento dell’iscrizione.
Aver lasciato il cavo dell’alimentazione del portatile in laboratorio è solo uno dei motivi per cui non ho intenzione di soffermarmi molto a parlare dell’argomento.
Non so se la mia scelta sia giusta, nè se darà dei frutti.
Non ho nemmeno idea di cosa potrebbe portare questo nella mia vita.
Al momento voglio pensare in positivo, nonostante la giornata lavorativa di oggi tiri in tutt’altra direzione.
Per come ho vissuto questa cosa però, devo ammettere che al momento della comunicazione mi sono sentito più contento di quanto avrei immaginato.
Ora come ora questa notizia ha avuto però come unico impatto quello di farmi pensare al fatto che sarà necessario tatuarmi di nuovo.

7:50 pm

8 gennaio, 2008

Impossibile tacere

In questi giorni di silenzio sono accadute molte cose di cui avrebbe senso parlare.
Ferrara, Ruini e Bondi, protagonisti del celebre film di Sergio Leone “Il Brutto, Il cattivo e… il brutto l’ho già detto?”, stanno sollevando un polverone riguardo alla Moratoria sull’Aborto. Non avendo la televisione in casa mi sono perso [credo] accesi dibattiti televisivi ricolmi di nulla e probabilmente sono arrivato sul pezzo con un filo di ritardo, tuttavia grazie a Repubblica.it ho potuto farmi un’idea della questione.
Ora so, ad esempio, che il Papa è dalla loro.
Nessuna sorpresa.
So anche che la Binetti è dalla loro.
Della Binetti io non so nulla, a parte il fatto che è una Senatrice del “centrosinistra” e che quindi è lì a rappresentarmi.
Ho solo visto questa foto. Ho riso delle ore e ho capito che Livia Turco, che stimo ogni secondo di più, ha subito utilizzato il giusto approccio alla questione. Il suo commento: “Sì al dibattito, ma la legge non si tocca!”.
Parafrasando: dite un po’ quel cazzo che vi pare, tanto son parole al vento perchè non ho minimamente intenzione di perder tempo con voi e le vostre stronzate.
Mi sento già più rappresentato.
Prevedo un imminente mobilitazione di piazza.
Potrebbe chiamrssi feto day e potrebbe portare alla discesa in campo dei migliaia di embrioni congelati che la legge 40 costringe nei freezer al grido di “ricerca=morte, ibernazione=spasso”.
Se lo indicono ci vado.
Alla fine se Berlusconi, Fini, Casini, Formigoni e gli altri possono andare al Family Day, non vedo perchè io non possa stare in piazza a gridare: “Ricercatori criminali giù le mani dalle staminali!”.
Spero sia di Domenica, perchè altrimenti devo lavorare.
Cambiando discorso, ma restando nell’ambito dell’attualità politica, sto seguendo le primarie U.S.A. con discreto interesse. Mi sto illudendo che questa volta i candidati di Repubblicani e Democratici (quali che siano alla fine) possano essere persone con idee e programmi differenti.
Mi schiero subito: io tifo Obama.
Il motivo principale è che non vedo l’ora di leggere le milioni di vignette tipo “Obama vs. Osama” che lo vedrebbero protagonista in caso di elezione alla Casa Bianca. In secondo luogo credo che gli americani si meritino un presidente nero e mussulmano molto più di quanto il povero nero mussulmano si meriti come popolo gli americani. Infine, mi pare sia giovane, capace e abbastanza motivato a cambiare le cose. Stiamo in fin dei conti parlando di una persona che dopo il primo, secondo molti non indicativo successo nell’Iowa ha dichiarato: “Il tempo del cambiamento è arrivato: sarò il presidente che riporterà a casa i soldati dall’Iraq, che garantirà la sanità a tutti gli americani e metterà fine ai regali fiscali alle grandi multinazionali”.
Ok, non vincerà mai.
Però è bello sperare che ce la faccia, che mantenga la parola e che, soprattutto, non gli sparino durante qualche parata.
Ok, direi di chiudere con le notizie frivole e passare alla vera patata bollente.
Ciò riguardo cui è impossibile tacere.
La rivoluzione.
I Finley saranno tra i Big a S.Remo.
Questo evento è storico ed io l’avevo predetto in tempi non sospetti, quando uscì “Tutto è possibile” (il singolo), nessuno ancora li conosceva ed io scoprii che erano nelle mani di Cecchetto. Allora dissi: “Tempo un paio d’anni e vanno a S.Remo”. Ce ne hanno messi tre, ma mi reputo soddisfatto.
Musicalmente parlando non ho una posizioneriguardo ai Finley. Non li ascolto, ma non mi irritano. Diciamo che all’interno del festival di S.Remo probabilmente la loro canzone sarà quella che mi piacerà di più, ma per ovvi motivi di concorrenza inesistente. Per i gusti musicali che ho avessi 10 anni di meno magari mi piacerebbero pure. Cantassero in inglese magari di anni indietro ne basterebbero 5, non essendo costretto a comprendere i testi.
Chissà.
Comunque sia spero vincano perchè mi stanno simpatici.
E perchè per la prima volta arriva sul palco dell’Ariston qualcosa le cui radici, per quanto lontane, non sono così diverse dalle mie.
Il mio sogno perverso però rimane un’edizione di S.Remo vinta dai Derozer.
E presentata dal Paletta.

11:10 pm

<< Post precedenti


Sviluppato su WordPress
Creative Commons License
Manq by Giuseppe Mancuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.