Diario dall’isolamento 2: day 9

Eccomi a bucare il primo giorno di questo diario dall’isolamento, parte 2.
Rimedio facile postando ora, prima di andare a dormire e concludere questo nono giorno.
Una robina veloce, che tanto nessuno se ne lamenterà.
Questa mattina siamo andati nella pista ciclabile vicino casa, Giorgio con lo skate e Olivia con la balance bike. Per prendere un po’ d’aria, stare un po’ all’aperto.
La testa mi è volata al primo weekend di Marzo, al primo giorno di lockdown. Anche quella volta eravamo andati a fare un giro e avevamo notato le persone per strada. Tutto sembrava strano, si percepiva il peso della condizione di chiusura, ma ancora l’impressione era di una situazione vivibile.
Sappiamo come è andata poi a finire.
Non so, ho in testa questa immagine di Conte che in una delle prossime dirette Facebook ci legge il testo di Waggy.
Buonanotte.

I’ve tried to convince you that things could be different
But somehow they end up the same

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.