Playtest

Questo week-end l’ho dedicato interamente alle prove del torneo di GdR che stiamo organizzando qui in Brugherio.
Sabato la giornata è stata devoluta all’acquisto dei premi e all’impaginazione delle prime stampe, mentre tutta la Domenica ha visto svolgersi il famigerato playtest, ovvero una sorta di prova generale di quanto sarà poi il torneo vero e proprio.
Il tempo che ci separa dall’inizio delle ostilità non è molto, poichè il primo fine settimana di gioco sarà quello del 12/13 Novembre, ma direi che siamo ben messi e che dovremmo farcela (toccando ferro) senza troppi problemi.
La prova generale, che ha visto la partecipazione di Ze, Po’, Sturm e Leo è andata bene poichè sono uscite delle falle impreviste nella storia cui adesso potremo mettere delle pezze, evitando che simili problemi nascessero in sede di competizione. Oltre a questo chi ha giocato l’avventura sembra l’abbia gradita e questo ci rende piuttosto soddisfatti.
Perchè tutto venga bene serve tuttavia un ultimo sforzo e quindi in questa settimana ci sarà ancora da lavorare sodo. Devo ammettere che organizzare questo genere di attività è molto pesante, ma sa dare le sue soddisfazioni.
Molte meno soddisfazioni da dover litigare e farsi venire il sangue marcio per organizzare cose che:
1- dovrebbero essere belle e divertenti.
2- non portano nelle mie tasche nessun introito economico.
Tuttavia il mondo è bello perchè è vario e permette di venire a contatto con tante persone diverse, tra cui militano anche elementi della cui conoscienza farei volentieri a meno.
Poco male, la loro presenza nella mia vita passerà, prima o poi…
Inoltre il rapporto soggetti fastidiosi : soggetti simpatici è vicino all’1:100 e questo è un altro motivo che spinge ad andare avanti.
Se in questo perodo ho scritto e scriverò poco sul blog è per questo motivo.
Chiudo con una nota estemporanea e totalmente a se stante: qualcuno dovrebbe uccidere Celentano e tutti quelli che pensano sia “uno contro”.

Leggerezza di spirito

In questi giorni sono iper impegnato.
Devo leggere un libro, “Trasmissione d’élite o accesso alle conoscenze”, e farci una relazione per conto dell’università. Giunto ormai alla fine del libro posso asserire essere quanto di più incorerente abbia mai letto, oltre che di una noia terrificante e di una complessità spaventosa.
Penso che nella relazione ne parlerò piuttosto male. Penso che questo non mi aiuterà a superare l’esame in questione, ma tant’è.
Devo anche portarmi avanti con la stesura del torneo che stiamo organizzando per settembre. La cosa è piacevole da farsi, però richiede un mucchio di tempo e si tratta, come per l’impegno precedente, di scrivere in word.
Per questi motivi, principalmente, non sono riuscito ad aggiornare il blog con regolarità e perizia. A mia parziale discolpa c’è il fatto che non mi è assolutamente capitato nulla che valesse la pena raccontare.
Nulla tranne una cosa.
Ieri la Bri mi ha regalato le bolle di sapone e un pallone da spiaggia di quelli che si gonfiano.
Praticamente mi ha regalato un po’ di sana spensieratezza.
Grazie.

Pasqua mit kolazione

Sono in pausa. Il mio contratto è scaduto ed il nuovo avrà inizio solo con i primi di Aprile. L’esame di Fisiologia è andato bene ed inizierò a preparare il prossimo, Fisiologia II, la settimana prossima. In questi giorni quindi non farò altro che godermi un po’ di riposo in attesa di partire per Monaco di Baviera, dove passerò la Pasqua. Saremo in nove: io, Ambra, Simo, Missa, Aui, la Paola, Dani, la Vera e Ori. Una due giorni di totale devasto. La partenza è fissata per Venerdì notte alle 2:00, ovvero Sabato mattina. Dormiremo alla Penzion Beck (mit kolazione) e durante la giornata barcolleremo da una birreria ad un’altra, felici. L’unica cosa che voglio assolutamente fare, oltre a divertirmi, è comprare qualche cd dal momento che li costano meno. Mi piacerebbe molto trovare “New Medicines” dei Dead Poetic, “What it is to Burn” dei Finch e “Stories and Alibis” dei Matchbook Romance. Speriamo. Prima di partire farò un salto da mia cugina Chiara che compie gli anni per farle gli auguri.
L’organizzazione del secondo Torneo di Giochi di Ruolo che io e i miei soci daremo alla luce quest’autunno si è messa in moto. L’idea è molto bella, anche troppo per sembrare nostra, e fino a questo momento non ci sono stati intoppi irrisolvibili. In questi giorni inizieremo a lavorare in maniera concreta. Il brain storming fatto fino ad ora ha portato a delle buone basi, ma è solo iniziando a scrivere che vedremo se la cosa fila. L’impegno è il medesimo dello scorso anno, siamo forti degli errori commessi in passato, che speriamo di evitare, come delle cose buone della scorsa edizione che speriamo di ripetere. La pressione è tanta visto che questa volta saremo parte del Campionato Lombardo, ma di tempo ce n’è in abbondanza e quindi ho modo di pensare che verrà tutto molto bene. Intanto il campionato di quest’anno procede. Visto il mio prossimo passaggio dall’altra parte della barricata, ovvero da giocatore ad organizzatore, tengo molto a far bene quest’anno. Per il momento sta andando bene, ma i rivali sono molto forti e la competizione sarà serrata fino alla fine.
Sono le 15:23 e sono ancora in tenuta da notte.
Figata.

Roulette russa

Domenica notte.
Domani si torna al lavoro e si affronterà una nuova settimana. Ho sonno. La TV manda uno dopo l’altro i video di Superock, sempre gli stessi tra l’altro. Mentre li guardo scorrere uno dietro l’altro intervallati dalla solita pubblicità, provo a scrivere qualche riga. La riflessione non può che colpire il week-end appena trascorso. Bello, meglio del solito. Forse perchè è stato un po’ diverso dal solito. Ieri sera sono stato ad una serata speciale di “Vampiri Live”, il GdR cui gioco un lunedì sera ogni due. E’ stato molto bello. Tanta gente, molta della quale non conoscevo, e tanta voglia di stare insieme divertendosi nei panni di personaggi del tutto immaginari. Chissà cosa direbbero a Studio Aperto se uno dei loro inviati capitasse ad una di queste serate. Immagino l’annuncio:
“Decine di giovani scellerati e turbati psicologicamente si riuniscono convinti di essere figli di Satana. Tutto questo, ripreso in diretta da uno dei nostri inviati, dopo la pubblicità. Ma ora torniamo al servizio sui reggiseni della Canalis…”
L’ignoranza è il cancro del nostro paese. Tornando all’analisi della serata, come dicevo è perfettamente riuscita e spero di poter entrare in possesso di qualche foto, così da poterne allegare a queste pagine. Hanno partecipato anche Ale, Bazzu e Max. Non so se si siano divertiti o meno, però sono venuti e hanno giocato, tirando fuori anche spunti interessanti. Personalmente mi sono piaciuti, non è facile immergersi con personalità in una situazione del genere, circondati da persone in costume e senza dubbio più “preparate” in ambito. Per una volta il sabato sera non è stato speso al tavolo del solito pub in compagnia della solita birra, da bere con le solite persone. Sicuramente molto del piacere che ho tratto dalla serata è dovuto alla novità della cosa, però è un’esperienza che ogni tanto ripeterei volentieri.
Prima e dopo il live sono stato con Ambra. Inutile dire che, di conseguenza, sono stato molto bene. Non passa minuto in cui stiamo insieme senza che io pensi a come diavolo ha fatto a ridurmi così. Sono totalmente perso. Faccio e dico cose che non avrei mai pensato di fare o dire e, cosa ancor più allarmante, sono iper felice di farle e dirle. Credo che sia così che funziona quando si è innamorati. La cosa un po’ mi imbarazza. Anche in questo momento, scrivere qui di lei mi fa sentire strano.
Vulnerabile.
Chissenefrega, con lei sono felice.
Superock è finito. Puntata quanto mai insulsa, piena di video osceni. Unica nota positiva “Leave it Alone” dei NOFX datato pre new millenium. Con lui è finita anche la Domenica ed è giunto il momento di concedersi al piumone. La speranza è che mi guidino verso il sonno pensieri felici e non menate pregne di insoddisfazione. Ciò che la mia vita ha di buono piuttosto che ciò che mi fa schifo. Chissà. Quello che mi passa per la testa quando sono da solo nel mio letto è imprevedibile e impronosticabile. E’ una sorta di roulette russa.

Pari. Dispari. Bim, bum, bam!

Oggi era giornata a targhe alterne. Via libera ai “pari”.
Potevano quindi circolare solo le auto la cui cifra finale della targa era un multiplo di 2. Fiko.
Non tanto perchè io sia particolarmente interessato alla precipitazione del livello delle polveri sottili in Milano ed interland, quanto perchè oggi sono potuto andare al lavoro con la mia Yaris*. Non vado mai al lavoro in macchina per una serie di motivi: a traffico e carenza di parcheggio si contrappone una grande comodità dei mezzi che mi portano da Cologno Nord a Piazza Piola in una ventina di minuti. Il gioco, solitamente, non vale la candela. Oggi però era diverso. Oggi contavo sul fatto che le macchine in giro sarebbero state grossomodo la metà. Mi sentivo pronto a rischiare. Ho avuto ragione. 10 minuti, neanche il tempo di apprezzare il cd dei BoySetsFire che avevo scelto per il viaggio, e sono arrivato al Besta. Traffico inesistente. Buono. Rimaneva l’incognita posto auto, ma è stato subito trionfo anche da quel punto di vista visto che il parcheggio davanti all’ingresso dell’ospedale era deserto.
Se fosse per me farei targhe alterne a vita, così per la metà dei giorni della settimana potrei andare al lavoro in macchina invece di usare la metropolitana. Non so se il mio spirito è quello giusto, probabilmente no, però tant’è.
Guidare mi piace assai. E’ uno dei momenti che una persona ha per stare un po’ con se stessa. Musica in sottofondo e mente libera. Lo trovo proprio rilassante. Tra le altre cose essere in macchina da solo ti da la possibilità anche di divertirti un po’ al volante, senza che il/la rompimaroni di turno ti facciano rimpiangere, ad ogni metro, di averli fatti salire.
Ieri sera io e Simo siamo usciti con Mauro e Francesco, due ragazzi che ho conosciuto tramite l’SdG Arena e che adesso posso definire senza dubbio amici. L’obbiettivo della serata era avere delle dritte sul nostro viaggio in Scozia. Entrambi infatti ci sono già stati e speravamo potessero consigliarci mete e posti per dormire. Di fronte ad una buona media di Kilkenny Cream del “Tyr Na Nog” la serata è trascorsa piacevolmente e le nostre guide, che colgo l’occasione per ringraziare, si sono rivelate utilissime fornendoci anche più indicazioni di quanto pensassimo.
Stasera esco con Aui, domani non lavoro.
Wow.
Non è la mia, ma le somiglia
* Foto non conforme all’originale. L’originale è assai meglio.

Olio di gomito

E’ deciso: mi costruirò il mio Template Personale.
Oggi ho chiacchierato con Massi, webmaster del nostro sito, via ICQ e mi ha dato qualche dritta.
Nozioni acquisite nella conversazione: poche, ma sufficienti per motivare almeno un tentativo.
Ultimamente mi sento frivolo, quindi credo che la grafica ospiterà molte stelline e qualche cuoricino. Il colore di base sarà nero, ma non mancherà del rosa.
Questo è tutto quello che posso dire ora, perchè sto unicamente volando con la fantasia.
Il consiglio più prezioso ricevuto è stato quello di utilizzare Dreamweaver che, a detta del mio consulente, è “facile, veloce, consuma poco e non sporca”. Fossero tutti come Dreamweaver, si vivrebbe meglio.
L’operazione di progettazione/design/realizzazione del templato mi occuperà del tempo. Non so dire quanto perchè non voglio mettermi fretta. Questa cosa del blog mi piace e quindi voglio tentare di farla bene. Certo, magari riuscirò entro breve a realizzare qualcosa che possa rendermi fiero di me, ma non voglio illudermi.
Oggi è una bella giornata. C’è il sole. Ho finito il DVD con la prima serie di Scrubs.
E’ stato un lavoro lungo e faticoso ma secondo me ne è valsa la pena. Quel telefilm lo adoro, almeno quanto adoravo Friends ai tempi del liceo. Scaricare tutte le serie di Friends è purtroppo impossibile. Peccato.
Seppur privo di Chendler Bing, Scrubs è assolutamente geniale. Lo sono il sapiente mixaggio di comicità e drammaticità, lo è la cura con cui è stato realizzato ciascuno dei personaggi, lo è la colonna sonora. Soprattutto lo è il Dottor Cox.
Stasera andrò a Rozzano. Lo farò nei panni di Mike del clan Toreador, Principe di quei Domini e Custode della Camarilla al loro interno. Questo mio alter ego entra in essere ogni due settimane da due anni a questa parte, da quando Aui mi propose di seguirlo in questa esperienza ludica. Mi piacciono i GdR, ne apprezzo soprattutto la sfaccettatura prettamente interpretativa. La recitazione di un ruolo è molto impegnativa, ma sa anche dare discrete soddisfazioni. Spero che Davide si ricordi di portarmi i canini finti. Sono la parte mancante al mio “costume”, che posso garantire essere splendido.
Trash.
Molto molto Trash.
Probabilmente anche molto da sfigati.
Mi piace.
Spero che qualcuno di voi, leggendo questa pagina, abbia pensato:

Forse mi hai scambiato per qualcuno al quale gliene frega qualcosa. Anche mio padre fece lo stesso errore. In punto di morte.

Grande, il Dottor Cox.