Condivido il pensiero di Gaber

dal sito di Repubblica:

Franca Ciampi: “Al sud più intelligenti”
Calderoli non ci sta: “Parole razziste”

Napoli: la first lady manifesta il suo amore per il meridione
E il ministro si infuria: “Come uomo del nord mi sento offeso”

NAPOLI – “La gente del sud è più buona e intelligente”. Con queste parole la signora Franca Ciampi ha espresso questa mattina il suo affetto per i napoletani. La coppia presidenziale durante il suo terzo giorno a Napoli ha visitato il museo di San Martino. E la signora Franca, apparsa distesa e contenta dell’accoglienza, ha ricordato il suo primo viaggio in Italia con il padre: “Da Reggio Emilia a Roma, poi Napoli e Bari. E da allora, da quel primo viaggio, amo profondamente il sud”. Ma le dichiarazioni della signora Franca hanno suscitato l’immediata reazione del leghista Roberto Calderoli. “Mi auguro sinceramente che la frase attribuita alla signora Franca Ciampi – ha detto il ministro delle Riforme – non corrisponda al vero e non sia mai stata pronunciata da parte dell’interessata che, tra l’altro, è moglie di un presidente che rappresenta tutta la nazione”. “Ciascuno è liberissimo di amare il sud – ha aggiunto Calderoli – così come è libero di amare il nord, o di amare tutto il paese, ma nessuno può sostenere la tesi che una parte della popolazione sia ‘più buona e intelligente’ sulla base della sua collocazione geografica, perché questo significherebbe cadere in affermazioni razziste”. Calderoli ha inoltre richiesto all’ufficio stampa del Quirinale una smentita ufficiale delle dichiarazioni della first lady. Da Napoli la signora Franca, ai giornalisti che le chiedevano cosa intendesse dire con la sua affermazione sulle persone del sud ha semplicemente risposto: “Intendevo riferirmi alle qualità della gente meridionale”. Più tardi, una nota ufficiale del Quirinale. “La signora Ciampi intendeva sottolineare l’affetto della gente che, a Napoli come in ogni altra parte d’Italia, circonda il presidente e la signora”.
Precisazioni che non soddisfano, ma che anzi fanno infuriare Calderoli. “L’unica cosa che mi avrebbe soddisfatto sarebbe stata una smentita, completa ed esauriente” non essendo arrivata, è la conclusione del ministro leghista, “come uomo del nord mi sento offeso, come dovrebbero esserlo i due terzi della popolazione italiana. Compresa la gente del Centro, visto che anche loro non rientrano tra i ‘più’…”.

Foto n°4 – La Vecchiaia
L'orologio non mente
* 31-12-2005, ore 23.17.

Playtest

Questo week-end l’ho dedicato interamente alle prove del torneo di GdR che stiamo organizzando qui in Brugherio.
Sabato la giornata è stata devoluta all’acquisto dei premi e all’impaginazione delle prime stampe, mentre tutta la Domenica ha visto svolgersi il famigerato playtest, ovvero una sorta di prova generale di quanto sarà poi il torneo vero e proprio.
Il tempo che ci separa dall’inizio delle ostilità non è molto, poichè il primo fine settimana di gioco sarà quello del 12/13 Novembre, ma direi che siamo ben messi e che dovremmo farcela (toccando ferro) senza troppi problemi.
La prova generale, che ha visto la partecipazione di Ze, Po’, Sturm e Leo è andata bene poichè sono uscite delle falle impreviste nella storia cui adesso potremo mettere delle pezze, evitando che simili problemi nascessero in sede di competizione. Oltre a questo chi ha giocato l’avventura sembra l’abbia gradita e questo ci rende piuttosto soddisfatti.
Perchè tutto venga bene serve tuttavia un ultimo sforzo e quindi in questa settimana ci sarà ancora da lavorare sodo. Devo ammettere che organizzare questo genere di attività è molto pesante, ma sa dare le sue soddisfazioni.
Molte meno soddisfazioni da dover litigare e farsi venire il sangue marcio per organizzare cose che:
1- dovrebbero essere belle e divertenti.
2- non portano nelle mie tasche nessun introito economico.
Tuttavia il mondo è bello perchè è vario e permette di venire a contatto con tante persone diverse, tra cui militano anche elementi della cui conoscienza farei volentieri a meno.
Poco male, la loro presenza nella mia vita passerà, prima o poi…
Inoltre il rapporto soggetti fastidiosi : soggetti simpatici è vicino all’1:100 e questo è un altro motivo che spinge ad andare avanti.
Se in questo perodo ho scritto e scriverò poco sul blog è per questo motivo.
Chiudo con una nota estemporanea e totalmente a se stante: qualcuno dovrebbe uccidere Celentano e tutti quelli che pensano sia “uno contro”.

Pur di non studiare

Non ho per nulla voglia di studiare.
Sono stanco ed annoiato e quindi provo a scrivere un po’ qui e vedere se mi torna l’ispirazione per tornare sui libri. In sottofondo mi accompagna “Under the Radar” dei Grade, gran bel CD per altro, e il ventilatore è azionato a velocità Schumacher nel tentativo di alleviare un po’ della calura che fa il suo ingresso dalla finestra di camera mia.
Questa è la mia situazione e riassumerla ha occupato solo qualche riga. Serve un argomento di cui scrivere se voglio tenere la patologia lontana ancora per qulache minuto. Al momento me ne vengono due, uno più serio ed il secondo nettamente più frivolo. L’idea è di iniziare da quello serio e chiudere poi in leggerezza.
Ho compilato e inviato il “modello unico” per la dichiarazione dei redditi in seguito a quest’anno di lavoro. Tra cinque anni lo stato mi restituirà i settecento euri che si è tenuto indebitamente dai miei stipendi e che, vista la totalità del mio introito e la fascia in cui si colloca, non avrebbe dovuto prendersi. Superato l’ingenuo stupore dovuto all’apprendere che il fisco trattiene preventivamente una percentuale di guadagni che verificherà se dover tenere o eventualmente restituire negli anni a seguire, solo dopo che il malcapitato l’abbia versata nelle sue tasche, mi sono soffermato a riflettere su un particolare: l’ottopermille. Credo si scriva proprio così, tutto attaccato, come si pronuncia quando se ne parla tra amici. Effettivamente non mi ero mai posto il problema di scegliere chi omaggiare dello 0,8% dei miei sudati risparmi fino ad oggi, anche perchè non avevo mai avuto sudati risparmi di sorta. Arrivato al capitoletto specifico la mia ferma convinzione era di devolvere questa somma a qualcuno che ne avesse realmente bisogno, evitando possibilmente di donarlo alla Chiesa Cattolica. Questo non perchè io non rispetti la previa citata istituzione, quanto perchè ritenevo e ritengo tutt’ora che da laico mi sarebbe spettata la possibilità di fare questa “beneficienza forzata” presso le casse di Telethon, Emergency, della Croce Rossa, dei Pompieri, della LILA, dell’AVIS e via dicendo di tutti i possibili enti socialmente impegnati che l’italia possiede. Invece no. Ecco l’elenco delle possibilità:
– Stato
– Chiesa Cattolica
– Unione Chiese Cristiane Avventiste del 7° giorno
– Assemblea di Dio in Italia
– Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi
– Chiesa Evangelica Luterana in Italia
– Unione Comunità Ebraiche in Italia
Ora, passi anche il fatto che lo stato debba obbligarmi a liberarmi di una parte dei miei guadagni in favore di enti che possono fare del bene nella società in cui vivo, trovo tuttavia assurdo limitare questi possibili versamenti extrastatali ad alcune rappresentanze religiose. Innanzi tutto cosa significa darli allo stato? Per cosa li userà? Se per gli ospedali, le scuole, gli ospizi sono ben lieto di darglieli, ma dove posso trovare le indicazioni ed i progetti per cui lo stato stanzia i fondi dell’otto per mille? Per quel che ne so potrebbe usarli per finanziare l’esercito e questa cosa mi andrebbe già molto meno bene.
Nel dubbio, passo oltre.
L’idea che anche solo un’esigua parte dei miei soldi vada nelle casse di chiese come la “mia” parrocchia a Brugherio (la S. Paolo di piazza Don Camagni) mi da il nervoso. Mai vorrei finanziare una comunità religiosa settaria, che distingue credenti di serie A e di serie B certamente non in base alla fede. Tuttavia ammetto che l’italia è piena di parrocchie che tolgono i ragazzini dalla strada, che aiutano chi ne ha bisogno e che svolgono mansioni socialmente validissime che finanziare non può che essere un bene.
Dilemma.
Tralasciando le altre comunità elencate (tra cui spicca l’Assemblea di Dio. E’ lecito chiedersi chi siano?) per totale assenza di motivazioni che possano spingermi a finanziarle, per questa volta ho deciso di dare il tutto alla Chiesa Cattolica, sperando che finisca nelle mani di chi ne fa buon uso. Il mio approccio è lo stesso del fuciliere del plotone d’esecuzione che spara sperando che sia proprio il suo fucile l’unico caricato a salve. Ultima nota, goliardica ma nemmeno troppo: se fossi rappresentante della Comunità Italiana Buddisti mi seccherebbe alquanto non beccarmi lo 0,8% degli introiti di Baggio solo perchè la mia religione per lo Stato Italiano non è abbastanza meritevole di attenzioni.
Il secondo argomento, quello frivolo, riguarda il mio kilt scozzese. Ho deciso di farmelo da me perchè comprarlo in loco potrebbe essere dispendioso. Il necessario consta di tartan economico 1,5mX2m (il cui colore è ancora da definirsi), poco materiale di merceria come filo e bottoni, una sarta (ruolo occupato con entusiasmo dalla Kla) e un po’ di lavoro. Inoltre, per darmi un aspetto ancora più elegante, rivestirò con parte del medesimo tartan le spalline del mio Eastpack.
Se non mi arrestano sceso dall’aereo, sarà una gran vacanza

Sconcerto

Dopo quanto successo ieri ho voluto aspettare a scrivere qualcosa qui, perchè non mi sentivo di dire nulla che non fosse stupido o retorico. Oggi la situazione non è migliorata quindi adotterò la tattica fin troppo comoda ed inflazionata del silenzio. Però un’immagine* la voglio incollare a questa pagina, in modo che quando tra cinque o sei giorni Vespa smetterà di fare speciali di “Porta a Porta”, io continuerò ad avere presente quanto accaduto e, forse, riuscirò a dire qualcosa di più intelligente.
Se ciò non dovesse accadere, pazienza.
Londra, 07-07-2005
* inconcepibile…

Una cosa in cui credo

Capita raramente che io esprima le mie idee politiche su questo blog. Questo perchè di politica è bello dibattere e scrivere il mio pensiero in queste pagine non darebbe possibilità di nessuna discussione. Sarebbe solo una mera esposizione di pareri personali, più o meno condivisibili dal prossimo.
La questione del referendum sulla Fecondazione Clinicamente Assistita è di stampo totalmente differente. Innanzi tutto non è una questione politica, ma etico/clinica. La differenza sta nel fatto che un individuo dovrebbe poter analizzare la faccenda in maniera svincolata dal suo credo politico e decidere con la propria testa. In un referendum su argomenti politici si può ascoltare ciò che consigliano i prorpi rappresentanti perchè la loro posizione dovrebbe corrispondere a quella di chi li ha eletti. In una questione come quella della Legge 40 del 2004 invece entrano in gioco criteri di valutazione del tutto personali, quindi l’unico modo per poter essere sicuri di far sentire il proprio pensiero è documentarsi e costruirsi una posizione in merito. La difficoltà principale è che nel nostro paese l’informazione in ambito non esiste, o meglio, esiste solo per chi se la va a cercare. L’individuo medio, quello che ignora la questione e non si informa da solo, non viene messo a conoscenza nè messo nelle condizioni di farsi un’opinione. Per questo motivo ho deciso di promuovere il dibattito sul referendum a chi mi circonda. Per quanto la mia opera possa essere ininfluente, almeno sarò contento di averci provato.
Comincio subito col dire che la mia posizione in materia è per il “SI”*, ovvero per l’abrogazione di alcuni comma della legge 40 del 2004. Legge che, a mio modo di vedere, è oppressiva riguardo le libertà umane, nonchè lesiva nei confronti della donna. Lesiva sia moralemente che clinicamente. Oltre a queste motivazioni già più che sufficienti a fornirmi una motivazione per schierarmi, si aggiunge il fatto che la legge è stata scritta basandosi su principi propri della religione Cattolica. Principi che, condivisibili o meno, non debbono a mio avviso fare da fondamento a leggi di uno stato liberale e laico come il nostro. Non mi dilungherò in materia perchè non è mia intenzione farlo e, soprattutto, perchè è bene che questa idea venga illustrata da gente più competente in ambito. Gente di cui io ho sentito il parere, ma di cui non sono in grado “fare le veci” con la dovuta precisione.
Chiarire la mia opinione però non è lo scopo di ciò che sto scrivendo, nè lo scopo per cui sto divulgando ai quattro venti le problematiche del referendum. Le motivazioni che stanno dietro a tutto questo sono quelle di diffondere il più possibile, ovviamente per quanto mi sia dato fare, la voglia di documentarsi e, solo dopo averlo fatto, di andare a votare. Ho infatti pieno rispetto per le posizioni del No, se queste vengono motivate adeguatamente. Non tollero invece la spinta verso l’astensionismo, che reputo un bieco tentativo di salvaguardare l’ignoranza della popolazione, nè tantomeno l’imposizione di alcune frange politiche e religiose al No incondizionato su basi immotivate.
Per me che sono uno studente di Biotecnologie Farmaceutiche informarmi è stato più semplice e, soprattutto, mi è stata data la possibilità di ascoltare più campane, spesso in antitesi tra loro. Questo mi ha fornito rivelazioni molto importanti, alcune delle quali mi hanno lasciato esterrefatto. Per citarne un esempio oggi ho ascoltato la posizione del Prof. Reichlin, docente all’università del San Raffaele e “teologo della scienza”. La sua posizione era ovviamente quella Cattolica, che ho scoperto con grande sorpresa non essere totalmente per il no. Riguardo al quarto referendum, quello sulla fecondazione eterologa, lui si diceva per il si purchè si informi la coppia dei possibili (ma non probabili, attenzione) problemi di ordine pricologico cui si può andare incontro. Così anche per altre questioni più specifiche che non è il caso di trascrivere qui. Ovviamente aveva anche posizioni per il no su altri punti, ma non era un no incondizionato. Questo per dire che i Cattolici informati hanno una posizione propria che non è quella disinformata, intransigente e culturalmente sbagliata che traspare dai più comuni pulpiti o da alcuni parlamentari.
L’ignoranza è un male e bisognerebbe sforzarsi nel combatterla.

Testo della LEGGE 40 del 2004

Testo del REFERENDUM

Comitato per il sì
* Fecondazione eterologa? Maria disse “SI”.