28 febbraio, 2008

The last post

Etichette: Bri

Alla fine ho avuto quello che volevo.
C’è voluto un mese, ma alla fine sono riuscito a farmi dire ciò che era giusto mi dicesse.
Oggi mi sento di ringraziarla perchè, come sempre, anche alla fine è riuscita a smentire l’immagine falsa di lei che da sempre ha cercato di spacciarmi.
Paradossalmente tutto è stato perfetto anche nella conclusione, perchè se proprio ci deve essere una fine questa è la migliore che ci sia.
Dispiacere per qualcosa che è finito nonostante nessuno volesse finisse e coraggio di ammetterne la conclusione.
Oggi sto bene come da quel Sabato sera non sono mai stato.
Da domani ricomincerà la salita, ma oggi sono contento di non essermi sbagliato durante questi tre anni e mezzo: ho diviso la mia vita con una persona splendida che spesso neanche si rende conto di essere tale.
Sarà brutto non averla vicino e per lei sarà brutto non avermi affianco, perchè troppe cose belle si facevano e si potrebbero fare ancora insieme, tuttavia ora non è possibile e ieri ce lo siamo voluti dimostrare.
Io per primo ho tenuto a dimostrarlo.
Prima di staccare definitivamente i fili.
Nessuno può sapere se questi verranno mai riattaccati, forse entrambi lo speriamo nonostante nessuno dei due ci creda veramente.
Io ho promesso di fare il possibile perchè ciò avvenga.
Questa però non è una cosa che può essere valutata oggi.
Oggi restano solo l’immagine di lei in pigiama che se ne va da casa mia alle quattro di notte ed il sapore dell’ultimo bacio.
Devo ringraziare anche per quello, perchè lo desideravo come poche altre cose.
Ora vado a letto, la redbull con cui ho fatto colazione ha smesso da tempo di fare effetto e sto crollando.
Domani sarà un altro giorno.
Un’altra vita.

9:25 pm

4 febbraio, 2008

Ho realizzato

Etichette: Bri,Riflessioni

Ho realizzato di essere uno stupido.
Un illuso.
Uno che non vuole sentire, capire nè credere a realtà che non gli piacciono.
Ho perso la cosa più bella che mi sia mai capitata.
Forse l’ho buttata via senza accorgermene o forse sono stato io ad essere gettato al vento.
C’è differenza?
Non credo, ma anche qualora ci fosse, io non la vedo.
Non vedo niente.
Sento un gran male però.
Lo sfogo in lacrime che non hanno alcun potere, in imprecazioni vuote e fini a se stesse e in questa patetica pagina on-line.
Conscio dell’inutilità di tutto questo, non ho la forza di oppormi a quanto mi sto facendo.
Rendermi ridicolo agli occhi del prossimo attualmente non è un mio problema.
Il mio problema è che devo smettere di essere innamorato e non ho idea di come si faccia.
C’è chi mi dice di dimenticare.
Io non voglio dimenticare.
Voglio trovare la forza per ricominciare.
Forse dovrei davvero trasformarmi in ciò che non sono mai stato.
Dovrei essere egoista.
Pensare solo a me e a come rialzare la testa.
Autoconvincersi di essere il peggior rimpianto di una persona non aiuta, quando quella persona è il tuo peggior rimpianto.
La porta è stata chiusa, resta da accettare che non si aprirà mai più anche se così non dovesse essere.
E’ finita.
Ora ho realmente realizzato.

7:10 pm

27 gennaio, 2008

“Come stai?”

Etichette: Bri,Riflessioni

“Di merda.
E penso di poter peggiorare.”

1:16 pm

24 settembre, 2007

Per punti

- In una settimana ho trasferito su wordpress tutti i post del 2005 e i relativi commenti. All’inizio è stato facile, ma poi mi sono scontrato con lo scoglio dell’aumento di visitatori e di commenti lasciati su queste pagine. Sono tanti, soprattutto per un blog come il mio che non è altro che una pagina personale. Questo mi riempie di orgoglio e di soddisfazione, anche se triplica i miei sforzi. Spero che il fenomeno continui così a lungo o che addirittura possa espandersi. Amo i commenti. Credo anche di aver arginato il problema dello spam su wordpress utilizzando un facile ed indolore plug-in.
– Spinto dalla diatriba mediatica degli ultimi tempi e dalle parole di Manowar, ho acquistato il libro “La Casta”. Ora spero di riuscire a leggerlo.
– Sono ufficialmente iniziati i lavori della mia casina.
– Ho visto il film dei Simpson e ho riso tutto il tempo. Chi me ne parlava come fosse nulla di che secondo me si sbaglia, ha delle chicche mostruose. E poi “Spider Pork, Spider Pork, il soffitto tu mi spork…” è un motivetto indelebile.
– Ho messo il piumoncino nel letto. Libidine.
– I ragazzi di Milano organizzano delle belle cose. Sabato sera in piazza Leonardo ci saranno state tremila persone perfettamente sconosciute unite solo dalla voglia di fare un po’ di casino assieme. Bellissima esperienza, alla faccia di chi dice che i giovani non sanno divertirsi.
– Avendo voglia di andare a ballare, Venerdì sera mi sono fatto mettere in lista al Plastic. Intanto sta sera alla festa di Marco (che ringrazio) ho fatto scorpacciata di dance anni ’90. Commozione.
– Martedì si laurea la Bri e Sabato, se il tempo tiene, si festeggia. L’idea è una maxi grigliata al Bosco in Città. Nessuno è invitato perchè l’imperativo è IMBUCARSI. Gli imbucati rendono belle le feste, mica gli invitati. Chiunque voglia prendere parte all’evento può quindi presentarsi in loco con cibo e bevande atte alla sua propria alimentazione, per una giornata di sole, birra e carne rossa. Per ovvie ragioni la festa è metereopatica, indi tutto dipende dal tempo che fa.
Portare delle griglie aiuta la buona riuscita del progetto.
– Temo di non sopportare l’idea che spostino il mio laboratorio a Quartoggiaro.
– Vado in bagno. Oggi ho decisamente esagerato col mangiare.

12:59 am

19 luglio, 2007

Like pictures on a wall

Etichette: Bri

Non vorrei apparire retorico.
Non vorrei apparire melenso.
Non vorrei apparire patetico.
Tuttavia anche se ciò non mi riuscisse credo potrei dormire comunque sereno.
Sono passati tre anni.
Facili? No.
Tranquilli? No.
Privi di dubbi, angosce e dolori? Neanche a parlarne.
Belli? Sicuramente sì.
Esattamente come tre anni fa non so dove potrà portarmi tutto questo.
Esattamente come tre anni fa ho ancora paura ed esattamente come allora ho le mie insicurezze.
A differenza di quando tutto questo ebbe inizio però, ora ho anche delle certezze.
La più importante è quella di essere cresciuto, di essere diventato una persona un pochino migliore.
Non sarà un punto di arrivo, certo, ma è un buon punto di partenza.
Dopo tre anni insieme molte cose possono diventare formalità, retorica, abitudine, ma in questo momento mi preme dare alle parole esattamente il peso che hanno, dicendole dopo un’attenta riflessione.
Ti amo, mia croce & delizia.

12:00 am

5 marzo, 2007

Un fine settimana preciso

A volte capita di passare un week-end preciso, in cui tutto fila come avrebbe dovuto ed alla fine si va a letto soddisfatti, pronti per una nuova settimana di lavoro.
Lo scorso fine settimana per me è andato esattamente così e quindi ho deciso di scrivere un post per ripercorrerne le tappe.
Venerdì sera sono andato a “La Casa 139″, circolo A.R.C.I. di Milano. Ci sono andato con la Bri seguendo questo nuovo trend per cui almeno una sera a settimana cerco di fare qualcosa di diverso. Suonava un tipo Venerdì, tal Fabrizio Coppola. Non sapevamo nemmeno che suonasse, siamo andati lì perchè abbiamo fatto la tessera A.R.C.I. e stiamo cercando di sfruttarla. Il sopracitato cantante stava tenendo un set acustico in cui proponeva in chiave “unplugged” pezzi presi dai suoi due album pubblicati nonchè dal terzo in uscita per Ottobre. Lo show mi è piaciuto talmente tanto che alla fine ho acquistato il primo dei suoi dischi e mi sono ripromesso di andare alla seconda data milanese del suo minitur acustico. Mi piacerebbe proporre ad Aui di venire con me e la Bri a sentirlo, credo che gradirebbe tanto la musica quanto la compagnia.
Sabato mattina mi sono svegliato di buon’ora con diverse commissioni da fare. Il primo punto del programma prevedeva andare in biblioteca a prenotare un libro da leggere dopo Crypto di Dan Brown. L’operazione è perfettamente riuscita perchè ho prenotato “Un nome senza volto” di Ludlum e “Il trono di Spade” di R.R. Martin. A questo punto mi sento in dovere di spendere due parole su Crypto: una merda. Forse due parole sono un po’ pochine, quindi è il caso di argomentare. In sostanza è il classico ed ormai scontato libro di Dan Brown in cui però la tesi cospirativa non appassiona come nelle precedenti circostanze ed in più la trama risulta piuttosto scontata ed incapace di sorprendere. Direi che, visti gli unici intenti che l’autore si pone per i suoi manoscritti, è facile definire il libro come un fallimento.
Seconda tappa della mattinata è stata la questura di Monza, per il ritiro del passaporto della Bri in vista dell’ormai prossima partenza per NY. Tutto ok, documento ritirato e una seccatura in meno a cui badare.
La terza tappa mi ha visto rientrare al liceo “P. Frisi” dopo diverso tempo. L’idea era di dare una copia della tesi alla mia prof. di scienze dell’epoca, ma ho appreso che la totalità dei miei professori è ormai in pensione o in via di pensionamento quest’anno.
Mi sono sentito vecchio.
Sarà perchè sono vecchio.
In tutto questo però sono riuscito a salutare Antonio il bibliotecario e Diario, imperatore del “Mantega”.
Uscito dal mio vecchio liceo con un velo di tristezza mi sono appropinquato all’ultima tappa della mattinata: il Colors Tattoo Studio.
Alle 13.00 di Sabato ho inciso per la terza volta la mia pelle.
Direi che il risultato mi soddisfa decisamente, frocio quanto basta.
La serata di sabato è invece stata all’insegna dello sport: prima spazio alle gesta di Ronaldo sul prato di S.Siro e poi qualche partita a biliardo tra incapaci in un Tatanka inaspettatamente sovrapopolato.
A metà del mio fine settimana ero già ampiamente soddisfatto, ma la situazione è riuscita a migliorare Domenica pomeriggio, quando dopo circa 6 anni di speranze ho potuto assistere alla reunion dei Murder, We Wrote. Cinque pezzi suonati alla festa delle scuole di Cassano d’Adda possono sembrare pochi, ma per i fan che attendevano questo momento da un’eternità, è stato semplicemente magico.
“Falling Down”, cazzo, ho risentito “Falling Down”.
Emozione.
Questo bel week end si è concluso con un aperitivo censurabile al Route 66 e con una visita a casa della Bri.
Ci siamo visti “Lady Vendetta”, un film asiatico che mi aspettavo pesante ed invece si è rivelato bello. Abbiamo anche chiacchierato un bel po’.
Ora chiudo con una chicca scovata Sabato sera su Qoob, il canale pseudo indie di MTV sul digitale.
Mi ha spezzato.

7:40 pm

25 ottobre, 2006

Last and even worse least

Oggi ho dato Chimica Bioorganica.
E’ andata bene.
A questo punto sono ad una sola lunghezza dal traguardo.
Un solo esame.
Un’unica prova orale da sostenere entro il 31 Gennaio 2007.
Si tratta di Tecologia, Socioeconomia e Legislazione.
Credo di aver ormai sostenuto molti esami brutti, troppi forse, e questo non è che il loro principe.
Studiarlo sarà realmente un’impresa ardua, ma la consapevolezza che si tratti dell’ultimo esame sarà sempre lì a confortarmi.
Oggi si è laureata Lale.
Sono andato ad assistere e così ho potuto rivedere un po’ di gente che non vedevo da lustri, anche a causa del pacco tirato loro un paio di settimane orsono.
La ragazza ha spaccato, 110 e lode per lei.
Partendo da un onestissimo 100 (media del 27,3) direi che la sua tesi è stata sicuramente ben valutata.
Approfittando della presenza di persone che sicuramente sono più informate di me su punteggi e conteggi delle lauree ho potuto informarmi e fare due calcoli allegri sulle mie prospettive.
La mia media attuale è di 25,1.
Tradotto in punti questo mi vedrebbe ai blocchi con un tutto sommato dignitoso 92.
Il mio voto di laurea dovrebbe quindi aggirarsi intorno al 100.
La Cristina, laureatasi oggi e nelle mie stesse condizioni, ha portato a casa un 101.
Un po’ mi secca pensare che senza quest’ultimo anno avrei potuto ambire ad un 103/104.
Non mi è mai fregato nulla di queste cose, sono sempre stato contento del mio 25 di media e se questo fosse rimasto immutato per tutti e cinque gli anni non avrei avuto certo di che lamentarmi.
Essere arrivato ad un passo dal 26 per poi ripiombare a 25 invece è abbastanza irritante.
Ora però basta con i calcoli.
Ora è il caso di organizzare questo serratissimo week-end, cercando di non lasciare spazio a nulla se non allo svago.
Si comincia Venerdì con la trasferta bolognese targata Taking Back Sunday.
Non ho ancora il biglietto e sarà una vasca importante, tuttavia mi ero ripromesso di regalarmela qualora l’esame fosse andato com’è andato e odio fare di me un bugiardo.
Per quanto riguarda Sabato invece ho propositi di shopping sfrenato da saziare spero con l’aiuto della Bri e questo dovrebbe occuparmi più o meno tutta la giornata.
La sera, dopo aver seguito un’altra imbarazzante partita dei rossoneri, sarà destinata ai festeggiamenti della neodottoressa Lale in un locale danzereccio di Milano ancora da definirsi e che spero sia molto poco fighetto.
Passando a domenica al momento non c’è nulla di organizzato se non la serata con Ambra, quindi credo di poterla occupare comodamente con un sapido mix di sonno e playstation.
Direi che i miei programmi sono da considerarsi niente male e quindi credo di potermi fermare qui.
Con il fatto che in casa mia ancora non vanno i riscaldamenti, mi si stanno ghiacciando le dita delle mani.
E’ il momento di una doccia bollente.

8:16 pm

2 agosto, 2006

Spot

Etichette: Bri,Style

Occhiali poser CK: 80/90 euro.
Codini: 2 euro .
Polina a righine Quicksilver: 30/40 euro.
Pantalone Skater Analog: 40/50 euro.
Scarpe DC: 50/60 euro.
Trasformare una metallozza in una fikissima Emo/Skate/Poser Girl* non ha prezzo.
Emogirl
* Manca giusto una cintura con le borchie, ma provvederò…

9:26 pm

19 luglio, 2006

Annotazione

Etichette: Bri,Riflessioni

Sono passati due anni da quando, pensando di aver fatto uno dei più grandi errori della mia vita, ho fatto una delle migliori scelte di sempre.
Mi sono regalato un pezzo di felicità.
Da quel Lunedì sera ne sono successe di cose, forse anche troppe, ma l’unica cosa che conta è che io sia ancora qui a sorridere pensando al tempo trascorso e senza paura per ciò che riserverà il futuro.
Questa credo sia la cosa più bella che l’amore mi ha dato.

8:56 pm

19 giugno, 2006

Più per dovere…

Non ho molto da dire, nè ho voglia di pensare a qualcosa da scrivere.
Sono piuttosto stanco e decisamente nervoso in questi ultimi giorni.
Il motivo è sempre lo stesso quindi anche in questo senso è inutile cercare parole.
Al momento sto avendo una piacevole discussione con la Bri in ICQ.
L’argomento è la vicendevole conoscenza delle nostre vite.
Solo a volte realizzo quanto mi sia utile averla vicino in questo periodo non proprio estasiante.
Quando mi capita mi chiedo se l’ho mai ringraziata per questo e se è conscia dell’aiuto che spesso riesce a fornirmi.
Sono patetico.

Foto del giorno n°6 – Camden Town
Esempi di T-Shirt
* Secondo me, le tre migliori magliette in vendita.

12:03 pm

<< Post precedenti


Sviluppato su WordPress
Creative Commons License
Manq by Giuseppe Mancuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.