31 gennaio, 2007

Google Hit List [Gennaio 2007]

Etichette: Google Hit List

Nuovo dominio, ma stesse buone abitudini.
Ecco le 10 migliori googolate di Gennaio.
Niente di particolare.
Tra una settimana mi laureo.
Oggi ho ottenuto l’ultimo dato utile per la tesi.
Il dato fondamentale.
Yeah!

1 – cinghiale adesivo
2 – corso ricostruzione unghie gratis da stampare
3 – i wish i was queer
4 – salmakki
5 – hero significato etimologico
6 – ariba ariba andale
7 – frase di aui buon anno
8 – lepecoso
9 – motivi esclusione di tiziano crudeli da qsvs 2007
10 – se ne andato

9:33 pm

28 gennaio, 2007

Brand New

Etichette: Concerti,Musica

Che dire del concerto di ieri sera?
Sicuramente la stagione live 2007 è iniziata con il piede giusto.
Al Rainbow Club di Milano ci saranno state non più di 200 persone all’arrivo mio e della Bri.
In loco ho subito incontrato la Betta (che ringrazio per le foto*), Carlo e ho potuto finalmente associare un volto al nome SafeBet, al secolo Mattia, di Emotional Breakdown.
E’ sempre piacevole fare quattro chiacchiere con gli amici da concerto.
Partendo con la “recensione” del live bisogna per prima cosa spendere qualche parola sui mewithoutYou.
Trattasi di gruppo indie ipercattolico (da lì il nome iosenzaTe, ovvero io senza Dio) caratterizzato da linee musicali molto molto buone e da una voce, con annesso frontman, che o si ama o si odia.
Personalmente, in dimensione live, l’ho adorato. Una sorta di sosia ufficiale di Gesù che parte a cantare con giaccone, felpa, camicia, maglietta, cappello e sciarpa ed inizia a spogliarsi sul palco durante la performance, in preda ad un delirio mistico che lo porta a gridare al mondo il suo amore per Dio. Veramente fenomenale. Per capire quanto abbia lasciato il segno, Carlo a fine set mi ha detto: “Non credo in Cristo, ma credo in lui.”.
Decisamente una bella sorpresa, questa band.
Il pezzo forte però è subito dopo.
I Brand New hanno suonato per un’ora e mezza ad altissimo livello.
Tolti i primi pezzi, in cui Jesse ha cantato in maniera pessima facendomi ampiamente girare le palle col suo atteggiamento da figlio illegittimo di Kurt Cobain, la band è venuta fuori al meglio.
Non si scherza, i numeri ci sono.
I pezzi sono praticamente tutti ottimi, seppur così diversi all’interno dei tre album, e durante il concerto è stato dato spazio un po’ a tutte le sonorità. Forse anche per questo il gruppo ha attinto a piene mani da Deja Entendu, disco a metà tra l’emopop del primo lavoro e l’impegnato e maturo rock del nuovo album. Nonostante quanto ho detto prima, devo riconoscere che Jesse ha una voce fantastica ed è perfettamente in grado di usarla. Quando di una band ti piacciono grossomodo tutti i pezzi è difficile valutare una scaletta, però quando viene suonata la canzone che adori e che mai avresti pensato di sentire dal vivo il concerto prende tutto un altro sapore.
Ieri è successo.
A metà concerto parte “Socco Amaretto Lime”.
Voce e chitarra acustica.
Pelle d’oca.
Come sul finale, quando Jesse cambia il testo e si dichiara geloso del nostro essere giovani ed innamorati.
Da lacrime.
Come da lacrime sono state “Me Vs. Maradona Vs. Elvis” e “Jesus”, quest’ultima testimonianza della maturata fede del frontman credo dovuta a grossi guai di salute cui è scampato.
Non sono tuttavia mancati anche momenti meno riflessivi e più energici che hanno saputo coinvolgere tutti i presenti.
Insomma, veramente un bel concerto.
Jesse
*… I just wanna believe, in us.

11:41 pm

27 gennaio, 2007

Capitolo 3 – A new era

Etichette: Blog

Ci siamo.
Il terzo anno di vita di questo blog è ufficialmente iniziato.
Come ogni genitore che si rispetti, non ho potuto esimermi dal fare un bel regalo al mio diario virtuale e così ho deciso di comprargli una nuova casa.
Da oggi si inaugura ufficialmente www.manq.it, il mio nuovo dominio.
Per il momento le cose non cambieranno molto: il templato rimarrà grosso modo lo stesso, fatta eccezione per qualche piccola modifica, e non sarà aggiunto nulla per mancanza di tempo libero a disposizione del sottoscritto.
E’ tuttavia in fase di sviluppo una nuova sezione di questo spazio e a questa ne seguirà probabilmente una seconda.
La speranza è che questo spazio possa diventare ancora più personale.
Non resta che chiudere.
Tanti auguri.

12:00 am

26 gennaio, 2007

Due righe nell’attesa di scriverne molte altre altrove

Etichette: Sport,Viaggi

Dovrei essere impegnato con le correzioni delle correzioni delle correzioni della mia tesi, ma purtoppo (per lei e per me) Elena si è distorta una caviglia ed Elena capo l’ha dovuta accompagnare al pronto soccorso. Di conseguenza, una volta sbrigati i pochi lavori da banco che in questi giorni mi sono concesso, mi ritrovo con un po’ di tempo libero.
Per quanto assurda possa sembrare questa decisione per uno che da quasi un mese non fa che scrivere, ho deciso di impegnarlo scrivendo una paginetta sul mio diario virtuale. D’altra parte, potendo scegliere, preferirei ascoltare un po’ di musica o giocare a Baldur’s Gate II, ma sono entrambe attività che non è semplice svolgere in laboratorio senza sollevare legittime questioni.
Chiarito il motivo per cui alle 13.00 di un giorno lavorativo posso permettermi di scrivere i blog, è bene che mi focalizzi su ciò che voglio scrivere.
Non c’è molto da pensare, la scelta è forzata.
Ronaldo.
Il fenomeno.
Il gordo.
La merda.
Il campionissimo.
Tutte queste sfaccettature racchiuse in una nuova maglia a striscie rossonere.
Per quanto io non stia più parlando di calcio su queste pagine dall’addio di Manuel e Sheva, non ho smesso di seguire i ragazzi neanche in questa stagione infame.
Non nego però che l’euforia intorno al discorso “Milan” non sia prettamente alle stelle ultimamente e questo ingaggio potrebbe restituirmi un po’ di fervore sportivo. Sia che risulti un flop colossale, cosa tutt’altro che improbabile, sia che si riveli rinato e torni a fare reparto da solo il suo arrivo a Milano è cosa da seguire e tifare.
Insomma, un po’ di pepe sulla stagione calcistica ci voleva.
Cambiando discorso devo assolutamente trovare il video dei due ragazzini che, durante l’assemblea di classe, si sono dati al sesso orale facendosi filmare dai compagni.
Sono degli eroi.
Più che altro perchè hanno dato modo alla mandria di ipocriti da cui sono invasi i media di parlare per ore di come il mondo vada a rotoli.
Fossero questi i problemi, vivremmo tutti meglio.
Oggi è il giorno zero del progetto New York.
Al momento c’è un discrto livello di euforia.
Domani: Brand New.
Non male.

12:49 pm

19 gennaio, 2007

Seconda consegna

Etichette: Università

Anche le microfiches sono andate.
Consegnate con addirittura due ore di anticipo.
A questo punto è ragionevole ipotizzare che è molto probabile io riesca a laurearmi.
Non male.
E’ il caso di iniziare seriamente a pensare al tatuaggio.

10:47 am

17 gennaio, 2007

Microfiches

Etichette: Università

Ok, tutti sanno che sono inutili.
Tutti sanno che la versione di tesi che ci finisce sopra è tutto fuorchè definitiva.
Tutti sanno che possono essere dichiarate non consultabili onde evitare problemi.
Per poterle consegnare Venerdì in segreteria devo portarle le microfiches a stampare domani.
Mi correggo, oggi.
Tra circa 10 ore.
Per questo sono ancora in laboratorio.
Ora però ho finito e me ne vado a casa a dormire.
Vorrei scrivere di più, ma scrivere attualmente è un’attività che trovo poco piacevole e per questo quanto sto regalando a questo blog è il massimo delle mie possibilità.
Da domani si potrà tirare un po’ il fiato.
Non che sia un bene avere meno cose a cui pensare, di questi tempi.
Anzi.
Oggi, o meglio ieri, hanno ufficializzato la data della mia laurea.
7 Febbraio, ore 9.00.
Bene, è giunta l’ora di andare a casa.
Non prima di annotare che mancano dieci giorni al secondo compleanno di questo diario.
Questo vuol dire che mancano dieci giorni al trasloco.

12:38 am

14 gennaio, 2007

Sintomi

Etichette: Riflessioni

“Blue Skies, Broken Hearts…Next 12 Exits” ha fatto capolino nel mio stereo.
In loop.

12:27 am

8 gennaio, 2007

Prima consegna

Etichette: Università

Oggi ho consegnato in segreteria la domanda di laurea.
Con lei, oltre ad un complessivo di 114,62 Euri, è stato consegnato anche il libretto.
Non mi mancherà.
Per rendere l’idea delle tempistiche cui sono assoggettato, il limite per la consegna del tutto era oggi alle 12.00.
Sono entrato in segreteria alle 11.59.
Non scherzo, dietro di me hanno chiuso le porte con le serrande e l’impiegata quando mi ha visto ha fatto la classica espressione sconsolata.
Salvo per un pelo.
In realtà io sarei andato con calma al pomeriggio, come mi aveva detto di fare l’altro impiegato il 22 Dicembre. Peccato che il pomeriggio la segreteria sia chiusa.
Un grazie va a Paola che mi ha fatto venire il dubbio e, soprattutto, alla mia Yaris lanciata a folle velocità per le vie di Milano.
Ora sono in laboratorio, alle prese con le figure della tesi.
Sono rimasto qui da solo.
Quasi quasi me ne vado.
Sì, direi che è il caso.

6:50 pm

7 gennaio, 2007

Un nuovo anno

Etichette: Riflessioni,Viaggi

Le feste sono finite.
Il 2006 è finito.
Più volte nei mesi che l’hanno costituito mi sono augurato potesse finire prima possibile. Ora che è arrivato il tanto atteso 2007 e che posso tirare due somme devo ammettere che non è stato un anno facile da vivere, per nulla, tuttavia devo riconoscergli che è finito bene.
Non che nei suoi ultimi giorni si sia fatto mancare la possibilità di darmi ulteriori grossi problemi, tuttavia credo di aver fatto un passo mentale importante e questo mi ha reso un po’ più forte.
Era necessario.
Torniamo per un attimo ai festeggiamenti.
Per gioire della conclusione del 2006 sono stato tre giorni a Monaco di Baviera con morosa ed amici.
Sono stati tre giorni bellissimi.
Per questo non posso che ringraziare tutti i presenti, ma anche Loretta Goggi, “Nati con la Camicia”, al Dunkel, il meteorismo, cauallo, tempio di morte, l’ormai dilagante dialetto milanese, i cd da macchina e tutte le altre cose inutili e stupide che hanno reso grande quest’esperienza.
Questa vacanza era ciò di cui avevo bisogno.
Ora è bene volgere uno sguardo a quello che mi aspetta.
Mi attende un anno strano e, dopo molto tempo, decisamente imprevedibile.
Tante cose cambieranno, magari anche troppe. Probabilmente io stesso cambierò e questa cosa mi spaventa come spaventerebbe chiunque.
Eppure mi sento pronto.
Quello che verrà potrà essere bello o brutto, ancora non lo so, ma voglio essere felice e farò di tutto per adempiere alla mia volontà.
Costi quello che costi.

1:49 pm

4 gennaio, 2007

Che imbroglio se.e.e.e.e.e.e. …

Etichette: Amici,Viaggi

… per innamorarmi basta un’ora
Che fretta c’era? Maledetta primavera!

9:09 pm


Sviluppato su WordPress
Creative Commons License
Manq by Giuseppe Mancuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.