E’ Natale

Come tutti gli anni, anche quest’anno si è consumato il tipico scambio di regali prima della cena da alcuni amici dei miei. In questo modo ho potuto scartare i regali dell’Ambra, dei miei genitori e del geometra Vergani. Devo dire che sono iper soddisfatto.
Il regalo migliore sono state sicuramente le poserissime Vans* che tanto desideravo e che Bri mi ha comprato. Per lei non deve essere stato facile regalarmi una cosa che, per usare un eufemismo, non apprezza più di tanto. Tuttavia oggi scartandole mi sono trasformato nella persona più felice del mondo. Oltre a quelle, mi ha regalato anche una cornice con tre foto raffiguranti lei, me e la papera. Molto molto bella, come composizione.
Dal versante genitori sono invece giunti un po’ di euruzzi che fanno sempre comodo e, sorpresissima, due paia di boxer “oldstyle”, di quelli larghi a rigone per intenderci. Era da tempo immemore che li chiedevo, trovando io quelli aderenti di una scomodità epica. Oltretutto, a voler essere onesti, l’orlo di questi che esce dal pantalone mi piace un sacco.
Dulcis in fundo, il pacchetto del geometra Vergani #11, contenente una copia del DVD dei DogEatDog “Live in Dynamo”. Me lo sono già visto ed il commento è uno solo: enormi!
Bene, i miei regali credo si esauriranno qui, tra sta sera e domani mi arriverà qualche eventuale sorpresina dalla figlia degli amici dei miei, Roberta, e da mia cugina Chiara, tuttavia direi che il grosso è andato.
Mi attendono due giorni di panettone, spumante, mascarpone, ananas, frutta secca, monetine, mercante in fiera e tutte quelle cose che caratterizzano il natale italiano.
Tutto questo però non può iniziare senza l’appuntamento classico della vigilia: casa di Max e puntuali “scacce” della nonna, senza cui le feste non possono certo iniziare.
Auguri a tutti!
My brand new Vans
* Dio, che belle che sono…

Tutto è bene ciò che finisce bene

Facendo i debiti scongiuri sembra che la questione Capodanno sia stata risolta in modo che soddisfi tutti anche dal punto di vista della distribuzione dei posti letto. Grazie all’aiuto dell’Ali sono riuscito ad ottenere per me e Bri una cameretta con due letti singoli, uno spazio dove avere un minimo di intimità e poter passare del tempo in pace. Purtoppo non abbiamo quasi mai la possibilità di vivere situazioni di questo tipo e quindi era mio interesse riuscirci almeno l’ultimo dell’anno senza dover rinunciare all’altra parte fondamentale della mia vita: gli amici. Essere riuscito a salvare capra e cavoli mi rende molto contento, anche e soprattutto perchè ora come ora tutti risultano siddisfatti della sistemazione. Il brutto delle discussioni che si verificano in queste circostanze è essenzialmente che ognuno ha le sue ragioni e che sono tutte esattamente valide allo stesso modo. Non c’è quindi chi ha ragione e chi ha torto e per questo venirne a capo spesso crea notevoli impicci. L’importante comunque è essere riusciti a chiarirci.
Ora vado a nanna perchè domani mattina (leggasi Domenica mattina) dovrò andare in laboratorio a “passare” le cellule. Devo farlo perchè in questo modo guadagno un giorno sulla pianificazione e posso permettermi di stare a casa durante le feste. Quel che dovrò fare non richiede molto tempo, quindi la cosa non mi disturba.
L’ultima annotazione riguarda l’elenco di live show che si susseguiranno nei primi mesi del 2006: Thrice, Silverstein, MxPx, Yellowcard, Death Cab for a Cutie, Good Riddance, Lagwagon e Foo Fighters sono alcuni dei nomi delle band che passeranno dal Bel Paese. Alcune le ho già viste e quindi posso escluderle a priori, tuttavia le altre restano tante e vederle tutte sarà difficile. Peccato, perchè un concerto è lo spettacolo più bello che esista, a mio parere, e non rinuncerei mai a nessuna occasione di vederne uno.

Another brick in the wall

L’esame di Chimica Bioinorganica è andato bene.
Un altro tassello nello smisurato mosaico della mia laurea è stato messo.
Sono piuttosto soddisfatto. La cosa che più mi fa contento è l’essermi districato bene nonostante il mio orale abbia vertito soprattutto sulle questioni che reputavo di aver capito meno.
Bene, ora posso finalmente dedicarmi al Natale inteso come distacco mentale da tutto quanto. In realtà resta il lavoro in lab, ma quello al momento lo faccio talmente volentieri, da non ritenerlo nemmeno un impegno. La settimana prossima dovrei finalmente iniziare a fare i miei saggi al luminometro, sperando di riuscire a capire come funziona.
Capodanno si avvicina e a quanto pare lo trascorrerò sull’Appennino. Nulla è ancora sicuro, visto che sembra siano necessarie le catene per raggiungere la casa in cui saremo ospiti e considerato che nessuno di noi le possiede, tuttavia la Kla e l’Ali, padrone di casa, hanno garantito l’ospitalità e sapere dove andare è già un problema in meno.
L’ultimo dell’anno è una festività particolare. Non sono troppo convinto di apprezzarla, più che altro perchè mi ricorda quanto io viva nel passato e abbia paura del futuro. Riuscirò mai a crescere, maturare e smettere di essere infantile? Difficile, soprattutto fino a quando continuerò a vedere quel processo come negativo e  di conseguenza ad averne timore. A tal proposito mi sovviene “American Pie 2”, film che ho rivisto proprio l’altro giorno e che trovo veramente geniale per musiche, demenzialità mai eccessiva e “core” di contenuti. Ne resto colpito ogni volta che lo vedo.
Bene, ora credo che sia giunta l’ora di andare a rilasarmi un po’ prima di uscire. Lo farò ascoltando “1.FM-X” tramite l’iTunes che ho appena installato. Questo programma permette infatti, tra le varie cose,  di ascoltare radio on-line e tra quelle che ho sondato, la previa citata è decisamente la migliore.
Chiudo con una precisazione: il titolo scelto per questo post rende benissimo il concetto, ma non è assolutamente dettato dalla benchè minima stima verso i Pink Floyd.
Io odio i Pink Floyd.

Ogni maledetta Domenica

Non sarebbe onesto, da parte mia, ignorare l’argomento calcio dopo quanto successo ieri sera e quindi non lo farò.
Il Milan ha perso 2 a 3 lo scontro con i cugini riuscendo a disputare una delle peggiori partite di quest’anno. Vista la qualità del gioco espresso fino ad ora, non era facile fare peggio, eppure ci siamo riusciti. Siamo riusciti a perdere contro un’Inter che, pur provando a giocare la partita e riuscendoci a sprazzi, non ha mai tirato in porta. Mai. Prendere 3 gol in un contesto del genere deve far riflettere, per forza. Comunque direi che il risultato premia la squadra sul campo più meritevole e quindi non c’è nemmeno troppo da recriminare, se non per lo spettacolo obrobrioso cui ho dovuto assistere per 90 minuti. Nota folkloristica l’arbitraggio di Messina che ha rivisitato in chiave astratta il regolamento del calcio, commettendo scempiaggini da entrambe le parti.
Chiudo così, con l’immagine di Adriano che esulta*, immagine che a me fa parecchio riflettere.
Esultanza forse eccessiva...
* Passi tutto, ma esultare così dopo aver vinto un derby che ti lascia comunque a -10 dalla vetta è abbastanza esplicativo della condizione mentale dell’Inter. Credo che il loro sito oggi titoli: “Derby vinto, stagione salva!”

“Al temp da guera…”

Sabato sera tipo: birretta in compagnia.
Sulle ali dell’innovazione facciamo rotta verso il West House Cafè di Seregno, dove entriamo ed ordiniamo sulle note di una giovane band che si esibisce sul palchetto del locale.
La serata procede tranquilla sino all’arrivo del conto che, invece di 68 euro, recita 72. L’arcano si spiega facile: la lista riporta la scritta: “nelle serate live la prima consumazione è di 6 euro”, ma in realtà sullo scontrino vengono segnati i prezzi standard di ciascuna consumazione, maggiorati di un euro per ogni persona. In sostanza chi ha preso una consumazione da, esempio, 4,5 euro ne paga 5,5 e chi ne ha presa una da 6 per ottimizzare il prezzo fisso indicato sulla lista, ne deve invece versare 7. A conti fatti il disavanzo è di 4 euro. Il caos generato da questa situazione mi ha dato modo di riflettere su due principali questioni.
1- Alcuni locali truffano le persone apportando maggiorazioni non previste sui prezzi di listino. Per questa ragione posti come il West House Cafè non mi rivedranno più e non posso esimermi dal consigliare a chiunque legga queste righe di non andarci e di far cattivissima pubblicità in giro. Non c’è peggior cosa che rubare i soldi a chi non ne ha e, solitamente, i ragazzi della mia età sono studenti senza reddito che campano di beneficenza.
2- Disdegno profondamente la mentalità consumistica della gran parte dei ragazzi di oggi. Di fronte a quanto accaduto la mia personale idea era di fare una minima di casino e farci ridare i soldi, non tanto per la cifra in se visto che era irrisoria, ma più che altro per la classica “questione di principio”. E invece ti trovi di fronte a persone che ti guardano e ti trattano come fossi un pezzente. “Cazzo stai a litigare per un euro…” oppure “Mi avete rotto i coglioni, quant’è che manca che li metto io che non ho voglia di fare il lepecoso…” (cito testualmente) sono le frasi che saltano fuori in queste situazioni e la cosa un po’ mi sconcerta. In primo luogo perchè non sono uscito con la famiglia Agnelli, ma con ragazzi come me che certamente non nuotano nell’oro ed in secondo luogo perchè in questi atteggiamenti vedo tutta l’incapacità a farsi valere delle nuove generazioni.
E’ vero che non si tratta certo di milioni di petroldollari e che probabilmente anche a protestare non si sarebbe cavato un ragno dal buco, tuttavia credo che se ogni tavolata che subisce questa ingiustizia facesse almeno un po’ di rumore le cose cambierebbero, prima o poi. Il bello è poi sentire le stesse persone che fanno discorsi del tipo: “Certo che da quando c’è l’euro ci inculano soldi da tutte le parti…”. Sarà anche vero, ma probabilmente molto dipende anche dal fatto che nessuno ha detto nulla. Se una birra che prima costava 8000 lire adesso costa 5,5 euro è anche colpa nostra che abbiamo continuato a comprarle come nulla fosse. Io non credo di essere una persona particolarmente attaccata ai soldi, li reputo uno strumento atto a soddisfare i miei bisogni e quindi in quest’ottica ne faccio l’uso che ritengo opportuno. Per alcuni probabilmente li spreco e magari hanno anche ragione a pensarlo, tuttavia finchè vengono spesi per cose che mi interessano e in maniera da non restarne sprovvisto, non mi faccio remore. Ciò nonostante resto sempre ben conscio del valore che hanno e per questo mi pare illegittimo quando mi si chiede di buttarli via senza ragione, specie se in virtù di una truffa subita.
Mia nonna diceva sempre: “Nùm savem sa vòr dì fà la fam perchè al temp da guera l’em fada tùch. Mica me vialter…”. Il brutto è che anche noi abbiamo la nostra guerra, solo questa è priva persino della possibilità di ricavarci insegnamenti utili.
Bella fregatura.

La citazione

“Choose life. Choose a job. Choose a career. Choose a family, Choose a fucking big television. Choose washing machines, cars, compact disc players, and electrical tin openers. Choose good health, low cholesterol and dental insurance. Choose fixed-interest mortgage repayments. Choose a starter home. Choose your friends. Choose a three piece suit on hire purchased in a range of fucking fabrics. Choose DIY and wondering who the fuck you are on a Sunday morning. Choose sitting on that couch watching mind-numbing, spirit-crushing game shows, stuffing fucking junk food into your mouth. Choose rotting away at the end of it all, pishing your last in a miserable home, nothing more than an embarassment to the selfish, fucked-up brats you have spawned to replace yourself. Choose a future. Choose life…But why would I want to do a thing like that? I chose not to choose life. I chose somethin’ else. And the reasons? There are no reasons. Who needs reasons when you’ve got heroin?”

“So why did I do it? I could offer a million answers, all false.
The truth is that I’m a bad person, but that’s going to change, I’m going to change. This is the last of this sort of thing. I’m cleaning up and I’m moving on, going straight and choosing life. I’m looking forward to it already. I’m going to be just like you: the job, the family, the fucking big television, the washing machine, the car, the compact disc and electrical tin opener, good health, low cholesterol, dental insurance, mortgage, starter home, leisurewear, luggage, three-piece suite, DIY, game shows, junk food, children, walks in the park, nine to five, good at golf, washing the car, choice of sweaters, family Christmas, indexed pension, tax exemption, clearing the gutters, getting by, looking ahead, to the day you die.”

Trainspotting, 1996.

Jappa is the reason!

Oggi, arrivato in lab, ho trovato su banq (il banco di Manq) il mio badge ed una busta.
Ho subito capito essere una missiva di Naotada, alias Jappa, il ragazzo giapponese che ha lavorato con me per due settimane. In virtù degli orari particolari che faceva, entrando all’alba e uscendo di notte tutti i giorni anche nel fine settimana, avevo deciso da lasciargli il mio badge per facilitargli la vita. Ebbene il ragazzo se l’è portato con se tornando nel paese del sol levante e me l’ha rispedito via FedEX da li, insieme ad una letterina molto carina*. Dopo aver sorriso per la spesa inumana che deve aver affrontato di tasca sua per rendermi il cartellino nel minor tempo possibile, mi sono soffermato a pensare che un giorno mi farebbe piacere fargli visita e magari lavorare con lui in Giappone.
Chissà, magari in futuro…
A postcard from rising sun
* see you soon, Jappa!

Soddisfazione

Il week-end appena trascorso si è rivelato molto buono sotto quasi tutti i punti di vista.
Parlando subito dell’unica nota negativa, va sottolineato il gol di Tiribocchi al minuto 89 della sfida di sabato pomeriggio a Chievo. Senza entrare troppo nello specifico della cosa mi trovo ancora una volta costretto a sottolineare che l’avvento di Bobolone Vieri sicuramente non ha portato bene.
Esaminata la nota dolente, spazio a quanto è andato bene. Sabato mattina ho ritirato gli appunti di Chimica Bioinorganica che mi servivano e così ho potuto iniziare a studiare. Devo ammettere che è una materia interessante, merce rara ultimamente e forse questo può darmi la spinta necessaria per studiare. Speriamo perchè ho estremo bisogno di dare almeno un esame prima dell’anno nuovo se voglio giostrarmi gli ultimi con la giusta calma. Andando dalla Simo a prendere gli appunti (svegliandola, tra l’altro. Chiedo venia.) mi sono fermato alla Ricordi ed ho acquistato il biglietto per il concerto dei Thrice con i Coheed and Cambria. 18 euro con prevendita, prezzo onesto direi. Il CD nuovo dei Thrice è veramente bello ed anche il precedente, “The Artist in the Ambulance”, merita più di un ascolto. Per quanto riguarda i Coheed and Cambria, il nuovo lavoro è perfetto mix di trash e autocelebrazione, degno come attitudine solo del miglior Ligabue. Come suono invece è un mix di Queen e Iron Maiden, cantati da Milva. Non smaniavo per vederli live un’altra volta, tuttavia vista la rarità di buoni concerti nelle vicinanze avevo deciso di andarci anche prima di sapere della combo coi Thrice. In fin dei conti “In Keeping Secrets of Silent Earth III” era un bel CD.
Tornando al mio fine settimana, sabato sera c’è stata la maxi cena al Mivida*, ristorante messicano nei dintorni di Sesto. Ottima serata, ottimo cibo e ottima sangria. Da annotare sicuramente i test stradali svolti col fondo ghiacciato, esperimenti che non andrebbero fatti mai.
Uscire a mangiare, ogni tanto, è molto piacevole. Spezza un po’ la monotonia della birretta al solito Pub.
Nella giornata di Domenica c’è stato anche spazio per qualche soddisfazione sportiva legata all’NBA (Grandi i GS Warriors della coppia Richardson/Davies e bravi anche i miei NOK Hornets che si tengono sul 50% in una division tosta e senza mezzo talento in squadra) e per una bella e tranquilla serata passata a casa di Ambra.
Tutto sommato, nonostante i tre pali presi dalla Fiorentina e lesivi persino in chiave fantacalcio visto lo score immacolato di Toni, è stato veramente un buon week-end.
Luis Enrique
* come non citare Luis Enrique, cameriere del Mivida e grande showman, nonchè sosia ufficiale del fantasista iberico?

Nella musica

Tutto muore? Vero ed incontestabile.
Qualcosa nasce? Di sicuro, anche se non sempre si tratta di prodotti significativi.
Tuttavia, a volte, c’e’ una terza possibilita’, una terza via: la resurrezione!
E’ uscito, a tre anni dallo scioglimento, “Purple reign in blood” live set della reunion dei Fenix TX.
Gia’ fremo.

PS: il testo e’ scritto da un mac, quindi ecco spiegati accent e apostrofi sbagliati.